Blog di

di Daniela Palma e Guido Iodice

Stiglitz: "L'accordo di Bruxelles serve solo a prendere tempo, mentre nessuno pensa alla crescita"

Blog post del 4/07/2012
Parole chiave: 

C’è poco da stare allegri, nonostante l’immediata euforia che è seguita alla conclusione del summit europeo sulle misure salva-euro: la voce di Joseph Stiglitz si unisce al diffuso scetticismo di molti economisti circa la possibilità degli accordi presi a Bruxelles di ristabilire la fiducia dei mercati nella moneta unica.

Secondo Stiglitz l’euro è ad oggi come un condannato a morte al quale è stata rinviata l’esecuzione.

Insomma, è sì vero che sono stati compresi alcuni meccanismi di ordine finanziario – come l'inefficacia di azioni di prestito alle banche per salvare gli stati e di prestiti agli stati per salvare le banche – ma non è questo il cuore del problema e si tratta in definitiva di questioni molto semplici a cui si sarebbe potuti arrivare ben prima. Ben poco si è fatto sull'aspetto cruciale della crisi, cioè la crescita economica, sapendo peraltro che non può essere certo conseguita con piani di austerità. Quel po’ che esiste nel merito, la ricapitalizzazione della Banca Europea degli Investimenti, è ben poca cosa ed è stato fatto troppo tardi, sottolinea Stiglitz. E i mercati badano al sodo: sanno che questo non può funzionare, che l’austerità non funziona, e quindi i tassi di interesse sul debito non scenderanno.

La Germania nel frattempo sembra far finta di nulla e insiste con le sue ricette nefaste che non possono che portare al fallimento degli stati in gravi situazioni debitorie.

Ciò che davvero può garantire la solidità del sistema finanziario dei paesi in difficoltà - sostiene il premio Nobel - è la ripresa di un robusto processo di crescita. Nessuna regola, per quanto sofisticata, di controllo del sistema bancario può fare altrettanto. E’ necessario in tal senso ragionare sul fatto che i paesi in crisi finanziaria non riscontravano problemi prima della crisi. Allo stesso tempo la Germania dovrebbe rendersi conto che anche a sua economia dipende dalla tenuta dell’euro e dal buon andamento delle economie periferiche.

Debbono e possono essere messe in campo politiche di intervento alternative, questo è il punto, conclude Stiglitz. Temporeggiare è ormai pernicioso, tanto più che la sfiducia dei mercati non è specifica delle economie deboli della periferia, ma è riferita alla capacità che l’intero costrutto dell’euro sia in grado di funzionare efficacemente, dimostrando di saper riappianare i suoi squilibri.

Leggi l'articolo su Project Syndicate

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Milano, a fuoco un laboratorio in viale Monza. Realizzava pupazzi per Expo

Il laboratorio, in viale Monza, si chiama Pupazzia. Il proprietario: «Lavoravo 7 giorni su 7» per una commessa di pupazzi di gommapiuma per Expo

Naufragio nel Mediterraneo: secondo l’Ansa ci potrebbero essere 700 morti

L’incidente è avvenuto nella notte al largo delle coste libiche. Un’imbarcazione ha raccolto solo 28 superstiti

Germanwing, in tre mesi Lubitz consultò una decina di medici

Aumentano le prove che il co-pilota del volo Germanwings schiantatosi in Francia non fosse in grado di lavorare e ne avesse dato ripetuti segnali

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Pericolo in cucina: i sette germi mortali

Tenere pulito può non bastare. Serve attenzione: il nemico si annida dove meno ci si immagina

La prostituzione è davvero il mestiere più antico?

L’espressione è nota. In origine fu il meretricio? Una breve ricognizione storica chiarisce la cosa

I trucchi dei supermercati per vendere di più

Vere trappole psicologiche per convincere i clienti a comprare. E nessuno se ne accorge

Gli Stati Uniti della Grande Austria, l’utopia della pace

Il progetto di ridisegnare l’impero asburgico avrebbe ridotto le tensioni. E cambiato la storia del ’900

PRESI DAL WEB

L’Economist su Renzi: “I risultati sulle riforme variabili ma incoraggianti”

Secondo il settimanale “quando la prossima settimana incontrera Obama, la posizione economica e politica di Renzi sarà la più forte da quando è al governo”