Blog di

di Federico Ammazzalorso

HeTexted: il social network che spiega alle donne i messaggi degli uomini

Blog post del 9/10/2012

C'è una puntata di Sex and the City che credo ogni uomo dovrebbe vedere. In pratica c'è Miranda, la tipa più razionale del quartetto, che non riesce a capire cosa voglia dirle un uomo con cui sta uscendo. Cerca di capire cosa significhino certi sms, le amiche vedono mondi interi dietro quelle poche parole e la convincono che c'è ancora speranza. Così si intromette il ragazzo di Carrie e le dice che c'è poco da capire e comprendere, la verità è che al tipo in questione lei non piace. Miranda invece di reagire male lo ringrazia, perché grazie a lui si è tolta un peso e può evitarsi dubbi amletici.

Gli stessi autori di Sex and the City hanno poi realizzato il film “La verità è che non gli piaci abbastanza”, il cui titolo originale è “He's just not too into you”. Nel film venivano analizzate le stesse meccaniche dell'episodio appena descritto di Sex and the City.

Sembra che uomini e donne usino due sistemi di comunicazione completamente differenti, i primi ne adottano uno molto semplice, le seconde sembrano essere dei geni nell'usare giri di parole per non farti capire nulla di ciò che vogliono. Ma dato che comunque sia noi guardiamo al mondo sempre con i nostri occhi crediamo che anche gli altri comunichino come noi, così le donne sono portate a farsi grandi seghe mentali su ciò che gli uomini le dicono.

Uno dei grandi passatempi del gentil sesso è fare riunioni d'emergenza per capire cosa volesse dire Rodolfo, l'ultima fiamma di Gisella, con quell'arcano sms che recitava “è stata solo na botta e via”. Perché non ha messo il punto? Perché l'ha detto? Se fosse stata solo una bottarella di salute non si sarebbe neanche sprecato a spedire un sms, quindi è ovvio cara Gisella che Rodolfo sia pazzo di te, sei una donna fortunata!

Sicuramente ho esagerato per stereotipi, ma non sono andato così lontano dalla verità, perché esiste un social network proprio per questo. 

Il social in questione si chiama “HeTexted”, è stato creato da Lisa Winning e Carrie Henderson McDermott. Come al solito non si sono inventate nulla, hanno semplicemente colto un bisogno e l'hanno tradotto in un servizio. Secondo Lisa Winning ogni donna ha bisogno di parlare e di confrontarsi riguardo queste cose.

Nel sito nel box “He texted me” le donne scrivono il messaggio ricevuto e nell'altro “...so now i'm wondering?” chiedono alle altre cosa, secondo loro, esse devono fare. Se prima i consigli ve li davano solo le vostre amiche del cuore adesso possono darveli anche persone sconosciute dall'altra parte del mondo. Le iscritte al sito possono cliccare su “He's into you (gli piaci)”, “He's not into you(non gli piaci)” e infine “Verdict is still out(il verdetto è ancora da decidere)”.

Inoltre se si preferisce mantenere la propria privacy c'è l'opzione “Ask a bro”, ossia ci sono due bellocci che in privato sapranno consigliarvi.


Alcune invece di riempire gli appositi box fanno direttamente lo screen dello scambio di sms e talvolta si trovano esempi tragicomici, come quello del ragazzo che dice alla tipa di portare la sua amica fuori che si esce tutti assieme e lei che risponde “Certo! Non vedo l'ora di vederti” della serie “figlia mia se non ti svegli ti mangiano viva là fuori”.


Con “HeTexted” c'è una sovraesposizione delle proprie vicende personali, anche se in questo caso c'è perlomeno un fine, io vi dico i stracazzacci miei e voi mi date una mano. Ma c'è una cosa che mi chiedo: una volta ricevuto il responso le utenti seguono il consiglio? Credo che a tutti noi sia capitato di avere un amico o amica incerta sul da farsi, e quante volte ci siamo trattenuti dal dirle “guarda è uno stronzo all'ennesima potenza”? Forse con l'anonimato e la non conoscenza ci si sente più liberi nell'esprimere la nostra sincera opinione.

Ma allo stesso modo alcune volte non ci siamo trattenuti ed abbiamo confessato “si amica mia lui non ti vuole, è stronzo e a dirla tutta soffre pure di strabismo”. E voi siete tutte fiere di essere state oneste con la vostra cara amica, pensate “che bello l'ho liberata da quel cretino”, e poi lei vi risponde “tu non sai niente, non lo conosci”. Così lei fugge da lui, prende il suo viso tra le mani e lo implora di guardarla dritto negli occhi e dirle qualcosa di bello, non per forza ti amo, e lui niente, riesce a guardarla negli occhi solo con l'occhio destro. 

COMMENTI /

Ritratto di Serena Cappelli
Mar, 09/10/2012 - 22:04
scappelli
"Tu non sai niente, non lo conosci" certamente, ma anche: - Tu non puoi capire, non hai mai sofferto - Tu non lo sai, non ti è mai capitato - Con me lui è diverso ...... Con questo social network la normale paranoia diventa paranoia all'ennesima potenza ;) E' fantastico!
SHARE
Ritratto di Federico Ammazzalorso
Mar, 09/10/2012 - 22:56
Fammazzalorso
<p>Attendevo il tuo commento Sere! Il &quot;con me lui &egrave; diverso&quot; &egrave; la cosa pi&ugrave; odiosa, credo sia il modo di alcune di pensare che loro possono cambiare i peggio stronzi, che con loro &egrave; diverso, quando invece hanno solo enormi fette di prosciutto sugli occhi.</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi