Blog di

di Federico Ammazzalorso

Un intero popolo unito contro il temibile "biscotto"

Blog post del 16/06/2012
Parole chiave: 

Ieri qui ho parlato di uno dei miti italiani, Trenitalia, alla quale in fondo siamo tutti affezionati. . Invece oggi il trend è l'incubo biscotto per gli Italiani. Aspettate non fraintendete, non è che siamo un popolo omofobico che ha paura che un enorme ed ingombrante “biscotto” ci inculi tutti quanti. Il problema è squisitamente calcistico.

La nostra super nazionale, in questi Europei dell'anno di grazia 2012, ha fatto il suo solito corso. Prima partita brillante contro la Spagna, pareggiamo, ma ragazzi che bella è questa Italia?

Per la seconda partita tutti i quotidiani si ricordano che se non vinci non vai da nessuna parte. E allora ma si che questa la vinciamo, figurati non abbiamo sfigurato con la Spagna, vuoi che non gliele rifiliamo un paio di pere a sti croati? Ovviamente pareggiamo anche lì, quindi sono, volgarmente parlando, cazzi.

Solitamente in questo momento i quotidiani incominciano sempre a scrivere cose come “ma vi ricordate al mondiale dell'82?”, poi arriva Sacchi che ti fa il tattico e pensi “minchia l'ha detto Arrighe, regà è fatta!”. Infine c'è l'articolo poetico-romantico che sarebbe capace di paragonare una partita di pallone alla resistenza dei partigiani. Che se te sei un attimino sensibile incominci a piangere, prendi una qualsiasi bandiera tricolore e incominci ad urlare “Forza Azzurri!”.

Ad essere sincero io ricordo che solo ad Euro 2000 ci siamo fatti una terza gara del girone in tranquillità, altrimenti sempre na sofferenza assurda. E ti chiedi sempre: come facciamo noi italiani? Ci ritroviamo sempre nelle situazioni più improbabili, che come ti cala in mente che possiamo farcela?, come pensi che quella banda di scoglionati possa improvvisamente diventare un plotone di fenomeni. Eppure noi ci assiepiamo davanti ad un televisore, compriamo le birre ed un paio di pizze. Sfruttiamo l'intervallo per tornare a respirare.

E' inutile dire il contrario qua gli unici veri eroi sono gli irriducibili tifosi dell'Italia, quelli che sono capaci di truccarsi la faccia per vedere la partita a casa di amici. Una squadra quasi sempre dedita al catenaccio ed al contropiede, un mondiale vinto nel 2006 con grinta e cuore. Ero in Piazza Maggiore a Bologna quando Fabio Grosso gonfiò la rete, l'incredulità di un popolo, finalmente la liberazione di poter urlare “Toh! Francesi di merda”. Avevamo il dente avvelenato da Euro 2000 con i Francesi.

Ed ora tutti a parlare del biscotto, a fare calcoli su calcoli. Ma i numeri non ci sono congeniali, almeno nel calcio lasciamoli fuori per una volta. Lasciamoli quando si parla della crisi e dello spread. Per l'ultima compriamo le solite birre, ordiniamo gigantesche margherite per tutti quanti e comunque vada sarà un successo. 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

È morto Oliver Sacks

Il neurologo autore de “L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello” aveva 82 anni

Netanyahu in Italia: "Pagate troppe tasse", e spiega la curva di Laffer

Il siparietto del primo ministro israeliano a Expo: su un foglio spiega la politica usata da Tel Aviv per tornare a crescere

Savannah, studente ucciso in una sparatoria al campus

La vittima si chiama Christopher Starks, ed è morto in ospedale in seguito alle ferite riportate

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

La passione degli antichi per il six-pack

Gli addominali sono l’utopia del maschio contemporaneo. Lo era anche nell’antichità, ma non facevano nulla per scolpirsi: era controproducente

Le uniche due (o tre) cose da fare per avere successo

Contano nella vita e nel lavoro: migliorarsi ogni giorno e impegnarsi in più campi. Poi, ce ne sarebbe anche una terza

Disney, i film che non hanno mai fatto

Storie e favole che avrebbero potuto appassionare il pubblico. Ma che, per varie ragioni, non hanno mai visto la luce

Regole per bere tè in compagnia, in stile vittoriano

È la cerimonia più leggera, ma anche quella che ha avuto maggior successo. Se si seguono le regole di una volta, è sicuro che ci si diverta di più

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin