Blog di

di Gabriele Pieroni

L’ubriacante sorriso del pomodoro

Blog post del 30/07/2012
Parole chiave: 

Il Murales "vegetariano" dipinto da Blu in Spagna

Chissà se Blu, geniale artista italiano conosciuto in tutto il mondo per i suoi irriverenti graffiti, ha pensato a Shirley Jackson mentre dipingeva il suo ultimo lavoro sui muri di Ordes, in Galizia, pochi chilometri a Nord di Santiago. Nel racconto della scrittrice americana, La lotteria, ogni anno la comunità di un villaggio del New England viene coinvolta in un macabro gioco ad estrazione. La cui posta - temuta e desiderata al contempo - è una brutale esecuzione nella pubblica piazza. Nessuna spiegazione viene fornita sul perché ciò avvenga, ma viene lasciato intuire che questo rituale perpetri le tradizioni del villaggio, mantenendo l'ordine delle cose.


Il murales di Blu, con perfetta coincidenza, imbastisce l'inquietante scena Jackosniana secondo una inusuale lettura vegetariana. Al posto delle persone sostituisce sorridenti verdure, che, una dopo l'altra e attorniate da una folla di vegetali urlanti, si recano al macello. L'ironia di Blu - come spesso accade nei suoi lavori - si concentra nello sguardo assente e ipnotizzato dei suoi personaggi. I quali, quasi sempre avvolti da una comunità che ripete le loro azioni in funzione omologante, subiscono gesti di violenza inaudita senza battere ciglio, costretti da un contesto rituale (sottolineato in questo caso dalle verdure prostrate di fronte al frullatore-feticcio) ad assumere il ruolo di vittime sacrificali.

In questo ultimo lavoro del muralista di Bologna, qualcuno ha voluto vedere la sua anima giocosa. Addirittura un’apoteosi del veg-friendly, invito esplicito alla gioia del vegetarianesimo. Guardando alla produzione di Blu e osservando i suoi ultimi lavori, credo invece che anche dietro questa metafora vegana si nasconda il pensiero politico dell’autore, da sempre assai critico verso tutte le forme di potere che utilizzano la propria posizione dominante per diffondere un pensiero omologante e conformista, specie in tempi di crisi economica (osservate il particolare nella foto qui sotto).

Nell’ubriacante sorriso del pomodoro che sta per farsi falcidiare dalle lame del gigantesco frullatore e nel crudele entusiasmo della folla che invita al sacrificio continua a ripetersi la favola nera di  Shirley Jackson. Quella sensazione di ineluttabile crudeltà che domina il mondo e che, da sempre, chiede la sua dose di vittime. Perché tutto il resto della popolazione, di fronte al mistero della violenza senza senso e della crudeltà dell’uomo, si senta sollevato dalla sua parte di responsabilità nel massacro.

 

Altri orrori su La Pancia del Popolo

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Istat: disoccupazione giovanile record al 43,3%

Sciopero dei precari anche all’Istat, che non ha tenuto la consueta presentazione dei dati

La base contesta il blog: «Beppe e Casaleggio, non vi reggiamo più»

In poche ore arrivano al sito di Grillo arrivano duemila commenti, molti lapidari: «Autogol», «delusione». Una parte si schiera con i leader

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula