Blog di

di Gabriele Pieroni

L’ubriacante sorriso del pomodoro

Blog post del 30/07/2012
Parole chiave: 

Il Murales "vegetariano" dipinto da Blu in Spagna

Chissà se Blu, geniale artista italiano conosciuto in tutto il mondo per i suoi irriverenti graffiti, ha pensato a Shirley Jackson mentre dipingeva il suo ultimo lavoro sui muri di Ordes, in Galizia, pochi chilometri a Nord di Santiago. Nel racconto della scrittrice americana, La lotteria, ogni anno la comunità di un villaggio del New England viene coinvolta in un macabro gioco ad estrazione. La cui posta - temuta e desiderata al contempo - è una brutale esecuzione nella pubblica piazza. Nessuna spiegazione viene fornita sul perché ciò avvenga, ma viene lasciato intuire che questo rituale perpetri le tradizioni del villaggio, mantenendo l'ordine delle cose.


Il murales di Blu, con perfetta coincidenza, imbastisce l'inquietante scena Jackosniana secondo una inusuale lettura vegetariana. Al posto delle persone sostituisce sorridenti verdure, che, una dopo l'altra e attorniate da una folla di vegetali urlanti, si recano al macello. L'ironia di Blu - come spesso accade nei suoi lavori - si concentra nello sguardo assente e ipnotizzato dei suoi personaggi. I quali, quasi sempre avvolti da una comunità che ripete le loro azioni in funzione omologante, subiscono gesti di violenza inaudita senza battere ciglio, costretti da un contesto rituale (sottolineato in questo caso dalle verdure prostrate di fronte al frullatore-feticcio) ad assumere il ruolo di vittime sacrificali.

In questo ultimo lavoro del muralista di Bologna, qualcuno ha voluto vedere la sua anima giocosa. Addirittura un’apoteosi del veg-friendly, invito esplicito alla gioia del vegetarianesimo. Guardando alla produzione di Blu e osservando i suoi ultimi lavori, credo invece che anche dietro questa metafora vegana si nasconda il pensiero politico dell’autore, da sempre assai critico verso tutte le forme di potere che utilizzano la propria posizione dominante per diffondere un pensiero omologante e conformista, specie in tempi di crisi economica (osservate il particolare nella foto qui sotto).

Nell’ubriacante sorriso del pomodoro che sta per farsi falcidiare dalle lame del gigantesco frullatore e nel crudele entusiasmo della folla che invita al sacrificio continua a ripetersi la favola nera di  Shirley Jackson. Quella sensazione di ineluttabile crudeltà che domina il mondo e che, da sempre, chiede la sua dose di vittime. Perché tutto il resto della popolazione, di fronte al mistero della violenza senza senso e della crudeltà dell’uomo, si senta sollevato dalla sua parte di responsabilità nel massacro.

 

Altri orrori su La Pancia del Popolo

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La Camera boccia l’emendamento della Lega sulle toghe

Riguardava la responsabilità civile dei magistrati

Kiev chiede altri 2 miliardi di prestiti all’Europa

Gazprom vuole da Kiev il pagamento del debito di 3,1 mld di dollari per riprendere a rifornirla di gas

Sblocca Italia "in salita" alla Camera

Domani sara' all' esame dell'aula di Montecitorio. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo,ma l'appuntamento potrebbe anche saltare

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“