Blog di

di Andrea Bitetto

Europa 7 vince in Europa. Ma Rete 4 ha stravinto in Italia.

Blog post del 7/06/2012

 

Tre anni fa si era pronunciato il Consiglio di Stato, riconoscendo la richiesta di risarcimento avanzata da Europa 7 nei confronti dello Stato, ed attribuendo all'emittente di Francesco Di Stefano un risarcimento di 1 milione di euro che, stante la natura dei debitore, sarebbe gravato pro quota su ciascun contribuente.

Oggi, la Corte di Strasburgo ha ricondannato i contribuenti (per il tramite del loro rappresentante: lo Stato) a risarcire, per dieci volte tanto: e fanno 10 milioni di euro, l'emittente Europa 7 per non essersi vista riconoscere le frequenze televisive che sempre lo Stato italiano, evidentemente in un lucido intervallo, le aveva riconosciute.

Nel disinteresse dell’opinione pubblica, la vicenda per il vero durava da oramai oltre 13 anni: Europa 7 nel 1999 aveva vinto la gara per una concessione nazionale, ma non aveva mai avuto le frequenze per trasmettere: di qui una lunga battaglia giudiziaria che ha coinvolto anche la Corte di giustizia europea.

Qualche anno fa, poi, il ministero dello Sviluppo economico aveva cercato di metterci una pezza, assegnando all’emittente una frequenza liberatasi grazie alla ricanalizzazione dello spettro chiesta dall’Unione Europea.

Restava in piedi la richiesta di risarcimento danni da parte di Europa 7: fino a 3,5 miliardi senza assegnazione di frequenze, fino a 2,160 miliardi con le frequenze.
Nei progetti di Francesco Di Stefano c’ era l’ idea di fare una televisione tutta nuova con «molta informazione, indipendente dalla politica e dai grandi interessi, con programmi intelligenti, molta satira e buoni film». Ovvero l'esatto contrario della TV generalista italiana.

Nel luglio 1999, l'emittente di Di Stefano partecipò alla gara pubblica per l’ assegnazione delle frequenze televisive nazionali e risultò vincitore di una concessione per Europa 7 (settima in classifica).

Allo stesso tempo Rete 4, che già trasmetteva a livello nazionale, perse la concessione.

Nonostante avesse vinto Europa 7, il Governo D’Alema non le assegnò le frequenze per iniziare a trasmettere per la mancata applicazione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze.

Da allora Rete 4 continuò a trasmettere senza concessione sino al provvidenziale intervento del Ministro della Propaganda Maurizio Gasparri, che a colpi di maglio portò all'approvazione una legge di riassetto del settore onirica, incentrata su un indice di concentrazione di mercato escogitato e tagliato sartorialmente sulle storture del duopolio televisivo italiano, RaiSet.

L’Italia è un paese profondamente malato, e lo si sapeva da tempo. Ma è anche un paese condannato da una politica bugiarda e mistificatrice: delle regole di una moderna democrazia, prima tra queste la libertà di informazione e il pluralismo delle opinioni, non si interessa nessuno davvero.

Gli italiani ebbero un solo sussulto, in materia. Quanto i diritti TV per la trasmissione delle partite della Nazionale di calcio vennero al tempo acquistati dal gruppo Telemontecarlo e, visto che TMC non aveva piena copertura del territorio, ci sarebbe stato il rischio che una parte dell'italico pubblico non potesse assistere alle prodezze degli azzurri.

Per il resto, notte fonda. Gli elettori votarono contro l'abrogazione della Legge Mammì, nel 1995, trangugiando, senza fiatare, la favola del pifferaio di Arcore, ammansita da sandra&raimondo: così si sarebbe chiusa una TV e si sarebbero lasciate per strada diecine di migliaia di famiglie di disoccupati, oltre a migliaia di anziane signore orfane delle amate telenovelas sudamericane.

Nessun liberale à la page si permise di ricordare che, forse, quello spazio sarebbe stato occupato da un altro concorrente che avrebbe dovuto assumere altrettante, e forse di più, famiglie da sfamare.

D'altronde, e non a caso, quando il governo passò al centro-sinistra, in salsa ulivista, ci si illuse che il problema della concentrazione dei mezzi di informazione radio-televisiva potesse esser sanato dal fatto – contingente – che la destra avesse la proprietà (sic!) delle reti private e la sinistra possedesse, o meglio: occupasse, quelle pubbliche. Il duopolio televisivo tenne a battesimo il duopolio politico, cosa assai diversa dal bipolarismo.

Una destra illiberale e anti-mercato ed una sinistra in stato confusionale, non possono oggi dir nulla sulla decisione della Corte europea.

Non questa pseudodestra liberista a chiacchere e profondamente inquinata anche dall’interesse proprio in atti d’ufficio. Una destra che sbraita contro il calco marxista della Costituzione del 1948 e che non ha ancora compreso cosa significhi la libertà di impresa.

Non questa pseudosinistra ipotecata dalla nostalgia per il compromesso storico ed incapace di sintonizzarsi sulle frequenze di una moderna democrazia liberale e di una economia di mercato, al punto da doversi invaghire persino di Murdoch pur di mettere una pezza ai propri errori.

Ci sarebbe da chiedere conto ai vari ministri succedutisi nel tempo, da Cardinale, passando per Gasparri, sino a Gentiloni, perchè mai da Ministri della repubblica italiana non abbiano mai pensato di dare attuazione al diritto italiano, alle sentenze italiane, ai principi comunitari vigenti sul territorio italiano, alle gare d'appalto bandite dalla amministrazione italiana.

Se mai decidessero di rispondere, forse ci ricorderebbero che, per il vero, loro altro non hanno fatto che applicare quello che Gaetano Salvemini individuò come il principio cardine dell'economia italiana: si privatizzano sempre i profitti, mentre le perdite vengono socializzate.

Aggiungiamo noi: ma non si dica che anche questa volta è colpa del mercato.
Le colpe, una volta tanto, hanno nomi e cognomi. Pubblici, pubblicissimi.

COMMENTI /

Ritratto di ALFERAZZI GIAMBATTISTA
Dom, 10/06/2012 - 16:18
ALFERAZZI GIAMBATTISTA
Un risarcimento, quello deciso dalla Corte Europea in favore di TV Europa 7 che purtroppo pagheremo tutti e che, invece, sarebbe persino una sanzione lieve se fosse possibile addebitarla al popolo bue degli italioti (italioti: italiani idioti - mai crasi fu più azzeccata!) che, quando non era dichiaratamente complice, faceva acquiescenza agli abusi riconducibili al conflitto di interessi ed alle leggi "ad personam", oppure obnubilato come era da un regime mediatico scambiato per democratico, dava credito e si stringeva pervicacemente attorno all'imbonitore ciarlatano sedicente statista ed alla penosa corte di miracolati piegati al rango di servi che ancora oggi gli si aggrappa. Sfortunatamente, però dovremo tenerci la condanna al risarcimento e l'incorreggibile popolo bue, con buona pace di tutti, anche del bue che, in fondo, così stupido non è; se gli mettono la merda nella greppia lui non la mangia! Il popolo bue degli italioti al contrario, fidandosi soltanto del colore continua caparbiamente a scambiarla per cioccolata. Giambattista Alferazzi
SHARE
Ritratto di andrea bitetto
Dom, 10/06/2012 - 21:41
andrea bitetto
Caro Alferazzi, La ringrazio per il Suo commento. Mi permetta una chiosa: la corte dei miracolati e l'opposizione di Sua Emittenza condividono colpe non facilmente separabili. Grazie per l'attenzione. andrea bitetto
SHARE
Ritratto di Franzcarrino
Dom, 29/07/2012 - 20:21
Franzcarrino
Sono trascorsi ormai quasi 20 anni. Una generazione; una generazione "educata" da una comunicazione molto, molto lontana dagli standard delle democrazie occidentali. Ma il timore, ormai certezza, é che queste storture saranno pagate ancora per anni.Quando l'incubo della presenza di Berlusconi e dei suoi interessi, quindi dei suoi media, verrà definitivamente meno nella nostra politica nazionale, e risolveremo la questione della comunicazione, saremo costretti a piegarci solo sui problemi del "sistema Italia" Sarà allora che piangeremo, piu' di quanto non lo si faccia adesso. Siamo solo all'inizio. Francesco Carrino
SHARE
Ritratto di andrea bitetto
Lun, 30/07/2012 - 10:12
andrea bitetto
Caro Carrino, innanzitutto grazie per la Sua attenzione. Lei tocca un nervo scoperto: la cosa ancor più grave è il patto implicito relativo alla spartizione dell'informazione in Italia - sul quale scrisse un bel libro Michele de Lucia, il baratto - patto di cui faccio cenno nella mia nota. Faceva comodo mantenere in piedi il duopolio e non vi erano quelle energie intellettuali (leggasi: cultura decentemente liberale) per poter far comprendere le storture e le anomalie del modello italico. I frutti, è vero, non solo sono maturati ma sono in continua maturazione... Salvo poi, a sinistra, votarsi al santo di turno, ovvero Murdoch, con tutti i limiti di cotali operazioni. La cultura liberale non è surrogabile con qualche santino: veda il caso di Marchionne, osannato come novello liberalizzatore dei rapporti di lavoro, salvo poi mostrare i riflessi dell'antico protezionismo Fiat. Buona estate ed a presto. Continui a seguirmi se Le fa piacere. Cordialità, andrea bitetto
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti