Blog di

di Gianmaria D’Aspromonte

Il riscaldamento di Cristiano Ronaldo consiste nell'incipriarsi il naso

Blog post del 18/06/2012

Cara lettrice, Caro lettore,
spero non abbiate avuto la sventura di imbattervi nella foto che immortala la preparazione ad una sfida calcistica di una nota primadonna del mondo calcistico. Costui, conosciuto come Cristiano Ronaldo, prima di scendere in campo preferisce incipriarsi il naso invece di dedicarsi a sollecitazioni muscolari e stretching (per favore si legga straccing, alla maniera dei telecronisti RAI).
Nulla di strano, si dirà, essendo questi paragonabile ad una prima donna del corpo di ballo del prestigioso Teatro alla Scala a Milano , ma è proprio qui che la domanda, lubrescamente, sorge spontanea: i calciatori non schiacciano più di testa perché altrimenti si rovinerebbero la permanente?
Ai prolifici e porta iella telecronisti RAI l’ardua sentenza.

Cordialità
GianMaria D’Aspromonte 

COMMENTI /

Ritratto di Nicolas Lozito
Lun, 18/06/2012 - 12:53
Nlozito
Un po' di verifica delle fonti non farebbe male: http://www.footy-boots.com/superfly-iii-15354/
SHARE
Ritratto di Nicolas Lozito
Lun, 18/06/2012 - 12:55
Nlozito
Un po' di verifica delle fonti non farebbe male. Si sta preparando per una set fotografico della Nike di Febbraio 2011. Googolare per credere.
SHARE
Ritratto di GianMaria D’Aspromonte
Lun, 18/06/2012 - 13:17
Gdaspromonte
Gentilissimi ed attenti lettori, nella prima stesura del brevissimo intervento non si era fatto caso alla firma in basso a sinistra che recita CRISTIANO RONALDO 2011. Ben consapevole che la mia leggerezza potrebbe aver urtato la vostra infinità fede nell'idolatria calcistica, ho il dovere di sottolineare che ciò che scrivo ha l'unico obbiettivo di tentare di rasserenare le nostre buie giornate di Scipione. Alcuna è la pretesa di considerarsi giornalista, categoria professionale dalla quale fuggo a gambe levate. Dunque, si passi oltre ai dettagli e si sorrida sulla strana usanza, per un uomo, di incipriarsi il naso. Cordialità GianMaria D'Aspromonte
SHARE
Ritratto di Federico Ammazzalorso
Lun, 18/06/2012 - 13:54
Fammazzalorso
Scusa Gianmarì ma il tuo intervento mi pare abbastanza prevenuto nei confronti del calciatore. Prima di uno spot qualsiasi persona si incipria e si trucca, non è che lo decida la persona, fa parte della preparazione per girare. Sicuramente Ronaldo è attento all'immagine ma mi pare che lo siano molti uomini, anche quelli che vanno a giocare a calcetto il venerdì. Metti in conto che lui con la sua immagine ci vive. Nell'Nba c'è un giocatore con una folta e lunga barba, lo chiamano infatti "Beard" (barba in italiano). Sugli spalti la gente si mette una finta barba per fare il tifo, quando in squadra ci sono almeno altri due giocatori più forti di lui. Credo che non si taglierà mai quella barba. Oramai fare ironia su Cristiano Ronaldo è come sparare alla croce rossa.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

Piccola lezione di inglese per chi lo parla già bene

Frasi che, a prima vista, sembrano prive di senso, si rivelano corrette e con molte cose da dire
SHARE

Gli errori più comuni delle donne che tradiscono

Sarebbe meglio non farlo mai. Ma se proprio capita, questi sono i passi falsi da evitare
SHARE

Perché quando segna Ramsey qualcuno di famoso muore

È la correlazione spuria: due fenomeni del tutto slegati che presentano le stesse caratteristiche
SHARE

Quando la scuola è solo un sogno

Un’infografica interattiva mostra le differenze e gli ostacoli per l’istruzione nei Paesi più poveri
SHARE

PRESI DAL WEB

La classifica delle droghe che causano più morti in America

Le tre sostanze che causano più morti all'anno negli Stati Uniti, infatti, sono completamente legali: sono l'alcool, il tabacco e gli antidolorifici oppiacei

Studente turco espulso dall’Italia: "La soluzione è il paganesimo"

"Sono pronto a farmi esplodere davanti alle ambasciate". Per questi messaggi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di procurato allarme