Blog di

di Gianluca Giansante

Come rendere sexy le tasse

Blog post del 28/04/2011
Parole chiave: 

Suscitò una ridda di polemiche una frase del compianto economista - e all’epoca ministro dell’economia - Tommaso Padoa Schioppa, che in un’intervista televisiva con Lucia Annunziata affermò che “le tasse sono una cosa bellissima”.

Sullo stesso tema si basa un concorso indetto da Google lo scorso febbraio: l’azienda di Mountain View ha indetto una competizione dal titolo “è possibile rendere i dati sulle tasse interessanti?”

Quaranta i progetti pervenuti, ciascuno presentava in modo creativo i dati sulle entrate fiscali – lunghe liste di sigle e cifre – raccolti sul sito whatwepayfor.com.

Il progetto vincente, dalleloquente titolo wheredidmytaxdollarsgo (dove sono finiti i soldi delle mie tasse), è stato presentato dall’ingegnere e designer grafico Anil Kandangath.

Si basa su una semplice idea: chiede all’utente di indicare il proprio reddito e lo status fiscale (singolo, sposato et cetera, negli Stati Uniti il sistema è meno barocco del nostro). In base a questi dati indica quanto è stato pagato di tasse e propone un grafico a torta che mostra come è stato impiegato quel denaro.

Un modo semplice ed efficace per ricordare – semmai ce ne fosse bisogno – che è grazie alla tasse che possiamo avere un sistema sanitario, strade illuminate, vigili del fuoco e scuole pubbliche.

Questo esempio ci ricorda l'importanza dell'infografica nella comunicazione contemporanea: utilissima per rendere comprensibile una tabella di dati, comunicare temi complessi usando un numero limitato di parole, riempire di significato elementi altrimenti aridi ed ermetici (qui un altro esempio riuscito).

PS. Ringrazio Gabriele Cazzullini, dal suo profilo Twitter sono arrivato a leggere questa interessante notizia.

Gianluca Giansante

 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti