Blog di

di Gianluca Giansante

Il sedicenne che incanta i Labour

Blog post del 28/09/2011

Come ha fatto un adolescente a calamitare l'attenzione di una platea  tendenzialmente disinteressata ai 'pesci piccoli' come è quella di un congresso politico?

Mentre la leadership di Ed Milliband sembra appannarsi, un adolescente conquista la platea del congresso laburista che si svolge in questi giorni a Liverpool.

Così La Stampa descrive l'episodio che ha per protagonista il sedicenne Rory Weal:

Alla presenza del leader dei Labour, Ed Miliband, e di Ed Balls, il cancelliere dello scacchiere del governo ombra, Rory Weal è riuscito ad oscurare i vip del partito e di brillare di luce propria tanto da portare gli stessi big laburisti a stupirsi: «E' stata un'esperienza surreale» è stato il commento «è bello ascoltare e poi applaudire dei giovani».

Come ha fatto a calamitare l'attenzione di una platea solitamente disordinata e tendenzialmente disinteressata ai 'pesci piccoli' come è quella di un congresso politico?

Presente al congresso assieme alla madre e alla sorella, ha raccontato alla platea laburista le difficoltà finanziare vissute in seguito alla separazione dei suoi, la necessità di lasciare una scuola prestigiosa, la possibilità di aver potuto continuare la formazione grazie allo stato sociale: «Non avevamo nulla, niente denaro, niente risparmi . Devo la mia sussistenza e quella della mia famiglia allo stato sociale, quello stesso welfare che viene spietatamente smantellato». 

Il suo intervento mescola politica ed esperienza personale.

E ancora: «Il welfare state in questi giorni viene ferocemente fatto a pezzi da un malvagio governo a guida Tory. Stanno distruggendo tutti i progressi degli ultimi 13 anni. Io non sarei qui se non fosse stato per quel sistema, per quella rete di sicurezza. Uso questa occasione per chiedere al governo di fare marcia indietro». 

Giacca di una taglia più grande, cravatta rossa, Rory, salito sul palco dopo aver chiesto di poter parlare alzando la mano come a scuola, ha attaccato duramente i tagli del governo tories al welfare -«che potrebbero creare 40mila nuovi homeless e colpire le fasce più deboli della popolazione» - e alle borse di studio per studenti bisognosi. Spietato si è poi appellato a Cameron: «Chiedo a Cameron cosa mi consiglia di fare quando non potrò permettermi di andare a scuola domani? Quando non potrò più comprami i libri e i materiali per le lezioni? O andare in gita scolastica? Questo governo non capisce come vive davvero la gente» 

Il segreto di Rory Weal, dunque, consiste nella narrazione, ovvero nel racconto di un'esperienza di vita. 

Le storie sono infatti capaci di catturare l'attenzione di chi ascolta, di essere ricordate più facilmente di un discorso astratto, di suscitare emozioni forti e, in sintesi, di convincere chi le ascolta.

Non è necessario essere protagonisti in prima persona, come il giovane Rory. Anche il racconto di storie vissute da altri riesce a suscitare gli stessi sentimenti ed è efficace a persuadere l'uditorio.

Raccontare una storia, infatti, è più convincente che snocciolare un discorso di cifre, statistiche e concetti astratti. E' una regola semplice, perfino banale, ma viene violata un milione di volte al giorno, per questo vale la pena ripeterla.

g.giansante.linkiesta@gmail.com

Per approfondire:

L'intervento di Rory Weal (in inglese)

Storytelling, Christian Salmon (Fazi editore)

Politica è narrazione, Guido Moltedo e Marilisa Palumbo (Manifestolibri)

Le parole sono importanti, Gianluca Giansante (Carocci editore)

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Lun, 03/10/2011 - 09:02
La voce di uno va a rappresentare la voce di tutti quelli che per paura, timidezza, ingenuità non riescono neanche a raccontare la storia più semplice, quella della propria vita. Si pensa sempre che sia una goccia nell'oceano. E' proprio la goccia nell'oceano invece che può scatenare l'onda anomala insieme a quelle di tanti altri. Voglio sperare in questo!!!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Editoria, dal primo agosto l’Unità sospenderà le pubblicazioni

Il comunicato del cdr: “Dopo tre mesi di lotta ci sono riusciti: hanno ucciso l'Unità”

Juventus, Tevez, sequestrato il padre in Argentina

Il genitore adottivo dell'Apache è stato fermato da ignoti sulla sua auto a Moron. Chiesto il riscatto, non ci sono conferme sulla liberazione

Riforme, nessuna intesa: Sel non ritira gli emendamenti

Nulla di fatto, per ora, nella conferenza dei capigruppo del Senato convocata sul tema delle riforme

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE
Il mattino ha l’oro in bocca

Otto consigli per diventare mattinieri e produttivi

Dormite poco e male? Un problema. Per riposarsi serve cambiare abitudini, con drastica disciplina
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE

Ecco le parole da non scrivere mai in una lettera

Per non annoiare chi vi legge, o rischiare di non essere chiari meglio cercare soluzioni alternative
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le ultime parole di Giorgio Faletti: «Sono l'uomo più fortunato del mondo»

L'intervista a Roberta la moglie dello scrittore scomparso

Saveyourselfie, una campagna avverte: i troppi selfie vi faranno sparire

Il video diretto da Alessio Fava che con toni drammatici ma chiaramente ironici, mette in guardia dai 'rischi' dei selfie

Calcio, Tavecchio al finto Moggi: “Amico mio, me ne fanno di tutti i colori”

Nuovo scherzo realizzato dallo staff de “La Zanzara”, su Radio24, con l’imitatore Andro Merku, che stavolta, nei panni di un finto Luciano Moggi