Blog di

di Gaetano Farina

Chi o cosa erano i nostri antenati

Blog post del 30/04/2012
Parole chiave: 


Zanichelli non produce solo enciclopedie, manuali, vocabolari o dizionari, ma anche saggi di notevole interesse. Uno di questi è “ Gli Antenati. Che cosa ci raccontano i più antichi resti umani” curato da Jill Rubalcaba e Peter Robertshaw. In 208 pagine (al prezzo di poco più di dieci euro) si rianalizzano le più importanti scoperte di resti umani rinvenute nella nostra storia, in particolare quelle di un ragazzo di 1,6 milioni di anni fa, trovato in Kenya, di un bambino di 24 500 anni fa, scoperto in Portogallo, di un uomo di 9000 anni fa, ritrovato nello Stato di Washington e di Ötzi, la mummia di oltre 5000 anni fa emersa dal ghiacciaio del Similaun e conservata a Bolzano. La storia di questi quattro antenati getta luce, infatti, su interrogativi importanti per comprendere la storia umana: i nostri progenitori erano persone come noi, oppure animali? Che tipo di intelligenza avevano? Com'era la loro vita sociale? Comunicavano tra loro con un linguaggio parlato? Ad ognuna di queste scoperte è dedicato un intero capitolo in cui vengono descritte le circostanze del ritrovamento, le successivi deduzioni e il dibattito che ne è scaturito. Il libro è, allo stesso tempo, una finestra sul lavoro affascinante e delicato degli archeologi e dei paleontologi, veri e propri “scienziati-detective” che dai resti di un individuo del lontano passato riescono a risalire alla sua età, alle malattie che ha avuto, al contesto ambientale e sociale in cui è vissuto e alle circostanze della sua morte.
Peter Robertshaw, archeologo britannico, insegna antropologia alla California State University di San Bernardino. Le sue ricerche sulla preistoria dell’Africa subsahariana hanno ricevuto il sostegno della National Science Foundation, della National Geographic Society e del National Endowment for the Humanities.
Jill Rubalcaba, bostoniana, ha insegnato matematica al liceo e all’università e oggi scrive libri di scienza per ragazzi.
 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti