Blog di

di Gaetano Farina

Fra Religione e Alienazione

Blog post del 12/07/2012
Parole chiave: 

Con la presentazione alla trasmissione “Gli Intoccabili”, su La7, condotta da Gianluigi Nuzzi, ha riacquistato visibilità mediatica il saggio “Nuove religioni e sette”. Meritatamente, perché si tratta di uno di quei pochi lavori che qui in Italia indagano approfonditamente un tema così delicato, e spesso con risvolti criminali, come il fenomeno settario. Seppur non sia una novità editoriale, “Nuove religione e sette” dovrebbe essere considerato una risorsa fondamentale in questo campo di ricerca, almeno tanto quanto il più reclamizzato “Occulto Italia” di Rizzoli che, tra l’altro, analizza solo alcuni gruppi settari. L’autrice è, infatti, un’esperta di “nuove religioni”, la dottoressa Raffaella Di Marzio la quale, suo malgrado, era finita al centro delle cronache giudiziarie per aver presenziato, semplicemente in qualità di osservatore, ad un incontro sulla presunta psicosetta Arkeon finita nel mirino di alcuni servizi di Striscia La Notizia.

In verità, come già preannuncia il suo titolo, il libro della Di Marzio, edito da Magi, si presenta come uno studio, il più possibile esaustivo e documentato, sul fenomeno della diffusione dei nuovi movimenti religiosi in Italia, non solo su quelle che si possono categorizzare come “psicosette pericolose”, proponendo una riflessione e valutazione critica del contributo di alcuni studiosi, nell’ambito della psicologia e della sociologia, che hanno cercato di delineare criteri per una distinzione tra i diversi gruppi religiosi. Il bisogno di credere, di evadere, di ricercare il senso e la speranza sono tutti bisogni costitutivi dell'esperienza umana. Ma cosa succede quando il credere scivola in credulità, il fideismo e l'appartenenza diventano gregarismo e dipendenza, la fiducia nel leader degenera in ipocritica, la fantasia e il gioco sono mortificate in stereotipia e ripetitività, il simbolismo decade in totemismo, il rito in rituale esoterico per iniziati e la solidarietà e coesione interna diventano chiusura e distacco dall'esterno?

Già nella prima parte del libro sono, comunque, dibattute le accezioni “setta” e “lavaggio del cervello”, invocando la necessità di porre una costante attenzione alle dinamiche individuali e collettive che si intersecano in complessi processi psicologici e sociali, seppur cercando di evitare superficiali semplificazioni e generalizzazioni a cui troppo spesso è ricorso chi si è imbattuto nella materia.

In particolare, nella terza parte si propone un approccio interdisciplinare per lo studio dei nuovi movimenti religiosi e l’urgenza di elaborare adeguati strumenti di ricerca. Viene evidenziato l’apporto che la psicologia della religione può dare, per lo studio teorico ed empirico del vissuto religioso, e sono segnalate le difficoltà, attualmente presenti a livello di ricerca, insieme alla necessità di evitare polarizzazioni di posizioni.
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 12/07/2012 - 18:44
Anonimo
la religione, anche quelle "grandi", importanti, non ha la capacità di spiegare il perché della sua necessità. Si limita a dire che sei stato creato e devi ringraziare per ciò che hai ricevuto. Valori come solidarietà, uguaglianza, fratellanza, libertà, sembrano essere comuni all'animo umano. Molti anni fa ci sarà sicuramente voluto un qualcuno che facesse emergere tali valori positivi. Ma poi, una volta affermati, l'umanità sembra migliorare - lentamente - da se stessa. Ci vuole un continuo richiamo a tali valori positivi, anche per evitare di cadere nelle mani di truffatori e delinquenti di vario genere che ci invitano ad aderire alla loro "chiesa" personale, ma la religione è ancora necessaria? E' ancora, almeno, utile? Non è più oppio dei popoli, come diceva Marx, perché le persone si sforzano di ragionare con la propria testa. Il problema, caso mai, è l'opposto: diveniamo alienati perché riceviamo troppe informazioni e non sappiamo a chi credere. Finiamo con il credere a chi, a cosa ci fa comodo perché ci sembra ci faccia vivere meglio (magari a danno del collega di lavoro o del vicino di casa).
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Quindici peshmerga curdi uccisi da un kamikaze dell’Isis vicino a Mosul

È accaduto nei presi della diga di Mosul, riconquistata dai miliziani curdi lo scorso 7 agosto

Pistorius condannato a cinque anni di carcere

L'atleta paralimpico è stato condannato dal tribunale di Pretoria per l'uccisione della fidanzata

Un terzo degli ospedali nella lista degli sprechi. Persi 4 miliardi all’anno

In Valle d’Aosta, Toscana e Trentino le performance migliori. Male Campania, Calabria, Puglia e, a sorpresa, l’Alto Adige

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“