Blog di

di Gaetano Farina

I trucchi per accedere al TFA

Blog post del 2/07/2012
Parole chiave: 

Manca una settimana allo start della lunga gara (a livello nazionale) per l’accesso al TFA (Tirocinio Formativo Attivo) che, con la riforma Gelmini, ha sostituito la SISS, la scuola di specializzazione nata per la formazione all’insegnamento nelle scuole medie e superiori. Anche in questo caso, sono stati messi in circolazione manuali e guide per la preparazione dell’ambito concorso che si suddivide in tre impegnative “manche ad eliminazione diretta”. Case editrici, come Maggioli e Simone, specializzate nell’offerta di kit di preparazione ai concorsi pubblici di ogni tipo, non si sono fatte trovare impreparate, predisponendo eserciziari utili almeno ad affrontare la prima selezione che consta di 60 quiz a risposta chiusa: i primi dieci (all'incirca), uguali per tutti, volti a verificare la padronanza della lingua italiana, i restanti riguardanti le varie materie d’insegnamento.

Leggermente differente, rispetto ai due principali competitor del mercato, è la proposta di Edises (www.edises.it) casa editrice emergente, con sede a Napoli, che mira a sfruttare le nuove opportunità offerte dalla tecnologia digitale e dal web. La pecca di non render disponibile un unico manuale comprendente prove di simulazione sia per le competenze linguistiche che per le specifiche materie d’insegnamento è, infatti, compensata dalla possibilità di accedere, senza costi aggiuntivi all’acquisto dei volumi cartacei, al download di un software che permette simulazioni illimitate. In verità, questa modalità non è molto soddisfacente dato che gli stessi quesiti si ripetono troppo spesso e troppo spesso ci imbattiamo in quesiti che non c’entrano con la materia preimpostata per l’esercitazione. Inoltre, rispetto a quello offerto, ad esempio, da Simone in cui abbiano riscontrato pochi refusi ed errori di merito, il manuale cartaceo di Edises “confonde” non di rado le diverse discipline. Edises batte, però, Simone nella quantità di quesiti proposti per ogni materia. Un territorio infinitamente vasto come quello della filosofia, ad esempio, è suddiviso in segmenti temporali da entrambe le case editrici: filosofia antica e medievale; moderna; contemporanea per Edises, mentre Simone fa un ulteriore distinzione fra Ottocento e Novecento. Per ogni segmento Simone propone un’esercitazione con 60 quiz, Edises, invece, copre ogni arco temporale con ben 150 domande: pertanto quest'ultima "vince" per uno scarto di 210 (450 a 240)...

E’ importante specificare che tutti questi testi non si limitano ad offrire batterie di quiz, altrimenti non giustificherebbero il proprio prezzo di copertina, ricompreso normalmente fra i 20 e i 30 euro. Ad ogni quesito, infatti, corrisponde un’offerta di soluzione corretta ampiamente documentata e commentata. Le batterie di domande e (corrispondenti) risposte sono strutturate in modo tale, quindi, che lo studente possa affrontare e-o ripassare i concetti e gli autori fondamentali di ogni materia: ad esempio, per l’insegnamento della filosofia, vengono sicuramente concepite e proposte delle batterie di domande e risposte commentate che permettono, seppur in estrema sintesi, di toccare tutta la storia della disciplina e tutti i suoi concetti ed autori principali dall’antica Grecia ad oggi, a quella che viene definita post-modernità.

In questo senso, possono rilevarsi utili ed efficaci anche quelle che definiremmo le nuove versioni dei mitici bignami che si utilizzavano sino a qualche anno fa. Quadernetti e libricini adatti alle situazioni “emergenziali” in cui occorre abbracciare, in poco tempo, una materia vasta ed articolata. Sempre Edises propone i suoi “Memorix”, libricini, dalle 150 pagine in su al prezzo di otto euro, che permettono l’esplorazione, seppur superficiale, di qualsiasi argomento, dalla matematica alla psicologia con test di verifica incorporati. Ma anche Vallardi, da sempre specializzata nell’ipersintesi e la divulgazione semplificata di materie vastissime, ha rimesso sul mercato i suoi quaderni di “Domande e Verifiche”, altra sorta di bignami strutturato in 241 domande con le relative risposte orientato, inizialmente, anche agli insegnanti come traccia per preparare le verifiche in classe. Insieme ai suoi pratici e più conosciuti “Finalmente! Ho Capito”, Vallardi copre prioritariamente e segnatamente grammatica, letteratura italiana e straniera, lingue straniere, chimica, fisica, matematica, geometria, storia, filosofia, economia.

A dispetto di quello che si potrebbe prevedere, non è così scontato scovare sul web, invece, opportunità di esercitazione sulla lingua e grammatica italiana che, come abbiamo anticipato, è l’unica parte di test (preliminare) in comune a tutti i candidati al TFA. Ritorna utile procurarsi, allora - ad un prezzo stavolta pienamente accessibile (€ 8.50) -, l’eserciziario “Tirocinio formativo attivo. Comprensione linguistica” distribuito dalla casa editrice bresciana La Scuola che ha ormai più di un secolo di vita e si è accreditata anche come agenzia di formazione. Le 160 pagine del volume, dopo una veloce introduzione di avvertenza alla compilazione del test ministeriale, aiutano a riprendere confidenza con le strutture fondamentali della nostra grammatica e con le loro concettualizzazioni che anche chi ha già insegnato può aver messo da parte per motivi pratici, ma su cui, comunque, verranno esaminati gli aspiranti docenti: fonologia ed ortografia, morfologia delle parti variabili ed invariabili, sintassi della frase, comunicazione, formazione della parola, lessico, più una parte dedicata alla comprensione del testo, una prova molto comune ad altri concorsi pubblici.

Nel web, comunque, ci si può mettere alla ricerca di copie di test (degli anni passati) per l’accesso alla SISS ai quali, con tutta probabilità, almeno per questo primo anno di sperimentazione, si ispireranno le prove per il TFA. Per evitare di perdere troppo tempo a vuoto, si può ricorrere al seguente link http://musicaespartitiperbambini.blogspot.it/2011/09/tutti-i-test-ssis-ssisis-o-sicsi-o.html in cui con, ammirevole pazienza e inusuale generosità, sono stati raccolti numerosi test degli anni passati per tutte le differenti classi di concorso.

 

Gaetano Farina
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Massimiliano
Mar, 03/07/2012 - 13:37
Massimiliano
Come mai vengono pubblicizzati solo alcuni siti e non altri? Io ne sto provando diversi e senza dubbio il migliore è tfa.ilmiotest.it che qui stranamente non viene nemmeno citato...
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Indagato direttore Musei Vaticani

Paolucci coinvolto come ex sovrintendente polo museale Firenze

Napolitano: «Contro la crisi servono politiche coraggiose»

Il discorso del presidente della Repubblica per l’apertura dell’anno scolastico

La Corte di Strasburgo smentisce Berlusconi: «Non abbiamo accolto il ricorso»

Lo ha dichiarato all'Ansa l'ufficio stampa della Corte, specificando che i ricorsi sono stati solo registrati

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE

Per tradurre l’intraducibile basta ricorrere all’arte

Wordstuck è una serie di GIF che rappresenta con disegni parole straniere senza corrispondenti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le tombe dei soldati che testimoniano il coinvolgimento della Russia in Ucraina

Il New York Times racconta di giovani ufficiali russi seppelliti nell’agosto 2014. La prova che hanno combattuto in Ucraina

Kentucky, vigile del fuoco muore dopo un ice bucket challenge

Tony Grider stava versando secchi d’acqua ghiacciata sugli studenti dell’Università di Campbellsville quando la gru ha toccato i fili dell’alta tensione

Perché le ragazze rendono meglio dei ragazzi a scuola

Per molti è un mito da sfatare, ma secondo uno studio il gentil sesso tra i banchi di scuola ha una marcia in più