Blog di

di Gaetano Farina

Storia del Comunismo Internazionale

Blog post del 30/05/2012
Parole chiave: 

Una delle più importanti ed interessanti novità editoriali degli ultimi mesi è sicuramente La Rivoluzione Globale, di Einaudi, che in un accurato ed elegante volume di quasi 400 pagine (destinato anche ai circuiti accademici) ripercorre l’intera storia del comunismo internazionale, dagli albori al sogno infranto con l’esperimento della perestrojka. Un progetto imponente che poteva essere affrontato solo da chi, come Silvio Pons, ha speso una vita a raccontare i sogni e gli orrori dell’utopia comunista. Insegnante di Storia dell’Europa Orientale all’Università di Roma Tor Vergata, Silvio Pons ha curato, non a caso, assieme a Robert Service, Il Dizionario del Comunismo del XX Secolo pubblicato nel 2007.

Trascorso un ragionevole lasso di tempo dal suo crollo in Europa e in Unione Sovietica, è possibile, quindi, narrare oggi la storia del comunismo non soltanto con il distacco necessario e con l'impiego delle conoscenze archivistiche accumulate, ma con l'intento di collocarla nella storia internazionale del secolo scorso. Il comunismo fu parte essenziale della formazione del mondo globale in cui viviamo. A lungo si identificò con la prospettiva di una rivoluzione mondiale, nel solco di Lenin e dell'Ottobre 1917. Suscitò un'attrazione o una repulsione che contribuirono dappertutto a definire ideologie e identità, a mobilitare risorse e coscienze, a influenzare psicologie e intelletti. Rappresentò il fenomeno transnazionale per eccellenza. La nozione di comunismo internazionale assunse una molteplicità di significati, che rimandavano al rapporto tra lo Stato sovietico e un movimento di partiti dispiegato su scala planetaria, ai miti rivoluzionari e alla "modernità alternativa" anticapitalistica, al terrore e al progresso. Questo volume racconta il dipanarsi della storia del comunismo internazionale dalla rivoluzione alla disgregazione dell'Urss, passando attraverso le vicende della guerra fredda e illuminando i motivi del declino, emersi dopo la morte di Stalin. Il movimento comunista, infatti, come ci racconta dettagliatamente Pons, era meno monolitico di quel che apparisse in Occidente; iniziò a disgregarsi con la rottura tra Mosca e Pechino: il primo segnale di una crisi di legittimazione destinata a farsi irreversibile. Nel contempo, il dominio sovietico nell’Europa orientale mostrava il suo volto brutale e diventò definitivamente un fattore di discredito. Malgrado la sua dimensione di superpotenza, l’Urss venne messa ai margini dalla globalizzazione occidentale e le riforme di Gorbaciov, al posto di rilanciare un nuovo universalismo, portarono al collasso definitivo. Al capitolo quarto, intitolato “Il Tempo dell’Impero”, seguono quelli finali intitolati proprio “Il Tempo del Declino” (che comprende la rottura con la Cina) e “Il Tempo della Crisi” (dalla “Primavera di Praga”, passando per l’esperimento dell’ “Eurocomunismo”, sino alla caduta del muro di Berlino e la fine dell’ideologia comunista): un lungo e tortuoso percorso che era iniziato 74 anni prima con la rivoluzione leninista.
Nell’epilogo del libro, lo stesso autore assume un atteggiamento molto severo riguardo alle realizzazioni dell’ideologia comunista che si è tradotta troppo spesso in un sistema di oppressione e di polizia brutale. Ma l’eredità più tragica (per noi) è il senso di sfiducia nei progetti universalisti che trova il suo ambiente naturale nello scenario di una globalizzazione economica e culturale priva di una dimensione politica.


Gaetano Farina
 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Delitto Kercher: i documenti sul rapporto tra Amanda e uno spacciatore di coca

Nuova pista nel giallo di Perugia: la Knox aveva amicizie molto pericolose

Cassa Depositi e prestiti ha approvato la vendita del 35% di Cdp Reti ai cinesi

Ceduto per un corrispettivo non inferiore a 2,101 miliardi di euro a State Grid International Development Limited

Come mantenere alta la produttività anche in estate

Qualche suggerimento utile per gestire al meglio i ritmi lavorativi durante la bella stagione
SHARE
La tabella

Caffeina killer: quanti caffè bisogna bere per morire?

Questo sito permette di calcolare in base al peso il numero di tazzine (o di tazze di tè) necessario
SHARE

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cina, la lotta del “Quotidiano del popolo” contro i cani: “moda occidentale”

Il giornale governativo parla di “infestazione” dovuta a “influenze occidentali”, e di “crescita allarmante” e si scaglia contro l’incuria dei padroni. Dal Wsj

Cameron taglia i benefit europei per migranti, bambini e disoccupati

Il primo ministro inglese lancia una stretta ai sussidi di disoccupazione per i migranti che si trasferiscono in Gran Bretagna

"L'Unità" chiude e per l'ultima copia il quotidiano di Gramsci va in bianco

La redazione della storica testata ex Pci sceglie di non compilare le pagine interne e di pubblicare un giornale quasi completamente senza testo