Blog di

di Gaetano Farina

Storia del Comunismo Internazionale

Blog post del 30/05/2012
Parole chiave: 

Una delle più importanti ed interessanti novità editoriali degli ultimi mesi è sicuramente La Rivoluzione Globale, di Einaudi, che in un accurato ed elegante volume di quasi 400 pagine (destinato anche ai circuiti accademici) ripercorre l’intera storia del comunismo internazionale, dagli albori al sogno infranto con l’esperimento della perestrojka. Un progetto imponente che poteva essere affrontato solo da chi, come Silvio Pons, ha speso una vita a raccontare i sogni e gli orrori dell’utopia comunista. Insegnante di Storia dell’Europa Orientale all’Università di Roma Tor Vergata, Silvio Pons ha curato, non a caso, assieme a Robert Service, Il Dizionario del Comunismo del XX Secolo pubblicato nel 2007.

Trascorso un ragionevole lasso di tempo dal suo crollo in Europa e in Unione Sovietica, è possibile, quindi, narrare oggi la storia del comunismo non soltanto con il distacco necessario e con l'impiego delle conoscenze archivistiche accumulate, ma con l'intento di collocarla nella storia internazionale del secolo scorso. Il comunismo fu parte essenziale della formazione del mondo globale in cui viviamo. A lungo si identificò con la prospettiva di una rivoluzione mondiale, nel solco di Lenin e dell'Ottobre 1917. Suscitò un'attrazione o una repulsione che contribuirono dappertutto a definire ideologie e identità, a mobilitare risorse e coscienze, a influenzare psicologie e intelletti. Rappresentò il fenomeno transnazionale per eccellenza. La nozione di comunismo internazionale assunse una molteplicità di significati, che rimandavano al rapporto tra lo Stato sovietico e un movimento di partiti dispiegato su scala planetaria, ai miti rivoluzionari e alla "modernità alternativa" anticapitalistica, al terrore e al progresso. Questo volume racconta il dipanarsi della storia del comunismo internazionale dalla rivoluzione alla disgregazione dell'Urss, passando attraverso le vicende della guerra fredda e illuminando i motivi del declino, emersi dopo la morte di Stalin. Il movimento comunista, infatti, come ci racconta dettagliatamente Pons, era meno monolitico di quel che apparisse in Occidente; iniziò a disgregarsi con la rottura tra Mosca e Pechino: il primo segnale di una crisi di legittimazione destinata a farsi irreversibile. Nel contempo, il dominio sovietico nell’Europa orientale mostrava il suo volto brutale e diventò definitivamente un fattore di discredito. Malgrado la sua dimensione di superpotenza, l’Urss venne messa ai margini dalla globalizzazione occidentale e le riforme di Gorbaciov, al posto di rilanciare un nuovo universalismo, portarono al collasso definitivo. Al capitolo quarto, intitolato “Il Tempo dell’Impero”, seguono quelli finali intitolati proprio “Il Tempo del Declino” (che comprende la rottura con la Cina) e “Il Tempo della Crisi” (dalla “Primavera di Praga”, passando per l’esperimento dell’ “Eurocomunismo”, sino alla caduta del muro di Berlino e la fine dell’ideologia comunista): un lungo e tortuoso percorso che era iniziato 74 anni prima con la rivoluzione leninista.
Nell’epilogo del libro, lo stesso autore assume un atteggiamento molto severo riguardo alle realizzazioni dell’ideologia comunista che si è tradotta troppo spesso in un sistema di oppressione e di polizia brutale. Ma l’eredità più tragica (per noi) è il senso di sfiducia nei progetti universalisti che trova il suo ambiente naturale nello scenario di una globalizzazione economica e culturale priva di una dimensione politica.


Gaetano Farina
 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

Le città divise: dove vanno turisti e residenti

Monumenti e piazze sono luoghi per chi visita. Chi vive in città, va altrove. La mappa lo dimostra
SHARE

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica