Blog di

di Daniele Buzzurro

Arriva Uber a Roma!

Blog post del 4/05/2013
Parole chiave: 

E' da tempo che la Roma digitale e la Roma dei turisti l'aspettava, e finalmente anche da noi sarà possibile scaricarla e utilizzarla al meglio.

Ma di cosa stiamo parlando?

E' Uber, la notissima applicazione americana che, scaricata su uno smartphone, è in grado di farti girare tutta la città come se avessi un'autista.

Il suo motto è infatti everyone is a private driver: grazie al suo utilizzo, sarà possibile chiamare un autista, pagare elettronicamente e spendere solo poco più di un normale taxi, ma molto meno rispetto ad un NCC (Noleggio Con Conducente).

L'applicazione è da tempo già presente in quasi tutti gli Stati Uniti e in molte città europee.

Detto tra noi: non vi resta che scaricare direttamente l'applicazione o registrarvi sull'apposita area del sito, e non dimenticate di farci sapere come è andata la vostra esperienza con Uber!

 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di DavideVW
Sab, 04/05/2013 - 19:15
DavideVW
Beh, non è del tutto vero che il servizio di NCC sia più caro di un taxi. Sono servizi differenti per utenze diversificate. Normalmente la corsa in città può anche essere conveniente in taxi, ma se si tratta di spostamenti con un chilometraggio un pò più consistente il servizio di NCC è senz'altro più economico. Oltretutto il servizio pubblico da piazza e da rimessa deve sottostare a normative ben precise, sarei curioso di capire questo servizio come verrebbe inquadrato nel nostro codice della strada
SHARE
Ritratto di André
Sab, 04/05/2013 - 20:20
André
Ho usato il servizio a Roma il 27 aprile, senza sapere che era praticamente appena stata lanciata nella capitale. note positive: Il viaggio è stato perfetto, autista cordiale, auto perfetta. Prezzo come da preventivo elaborato dall' app per Iphone. Servizio di geolocalizzazione perfetto, quando dalla mappa l'auto nera stava girando l'angolo della mia via ho alzato lo sguardo ed è apparsa la berlina. Pagare senza dover muovere un dito è molto comodo. ottima la possibilità di lasciare recensioni degli autisti per creare una rete di feedback che (in teoria) mantiene alti gli standard. Note negative: ho aspettato molto più del tempo preventivato, in totale ho aspettato 25' in più. Effettivamente la strada più rapida per raggiungermi era chiusa, ma la mappa dell'app non lo sapeva e non l'ha calcolato. Se fossi stato di fretta avrei certamente disdetto e chiamato un taxi. Non sai quanto stai spendendo, non essendoci né un prezzo concordato, né un tassametro; il prezzo è indicativo (con un range abbastanza ampio) Uber in questo momento sta spingendo il servizio tantissimo, anche con voucher da 10-20€ per i nuovi utilizzatori e per gli inviti degli amici. Insomma, a mio parere buona l'idea, di sicuro impatto visivo, di alto livello, comoda per i pagamenti, ma certamente (come ovvio) più cara di un taxi.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché ci sono aerei che sorvolano le zone di guerra

Le compagnie non hanno uno standard di rischio unico. Ognuna adotta una sua policy, e molte sono da rivedere

Sulla facebookizzazione di Twitter e la twitterizzazione di Facebook

I due social network sono nati per rispondere a dinamiche diverse della rete, ma con gli anni hanno cominciato a copiarsi sempre di più

Diagnosi fai da te: la donna che scoprì, da sola, l’origine delle sue malattie

Kim Goodsell aveva due rare malattie genetiche, ma i dottori non avevano tempo per spiegare il collegamento. Allora lei si è messa a studiare. E lo ha trovato