Blog di

di Daniele Buzzurro

Gilda35, Moderni Cyber Flaneur

Blog post del 20/03/2012

 

Si definiscono una Comunità Online, o meglio una Comunità Creativa.

Si incontrano dal vivo per dare luogo a dei momenti nei quali condividono pensieri e suggestioni tra loro davanti ad un buon bicchiere di birra (belga se possibile).

Riversano il loro pensiero in un nonBLOG, nel quali scrivono dei nonPOST che spesso hanno una ONtro.

Sono Ricercatori ed Autori - e ho da poco la fortuna di farne parte io stesso.

Ma chi sono questi moderni Cyber Flâneur?

Il loro Fondatore Giovanni Scrofani fornisce un Manifesto chiaro e trasparente che si rifà al Manifesto del Dadaismo di Tristan Tzara del 1918 dove sono illustrate motivazioni, tecniche, principi, pratica e finalità del Progetto Gilda35.

Il tutto si articola inoltre con i sotto-progetti G4U (Gilda 4 You) e Neolingua 2.0 , e non manca una divertente e dinamica pagina Facebook e una vivissima pagina Twitter .

Dove vuole davvero arrivare questo gruppo di nonPERSONE? Per ora con la loro nonPRESENZA sono arrivati addiruttura su Panorama e hanno creato la figura del Vecchiominkia - si accontenteranno?

Ovviamente, nonCHIEDERLO diventa doveroso oltre che naturale!

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica