Blog di

di Peppino Caldarola

L’era Monti: il potere reale in mano a donne vere

Blog post del 5/01/2012

Ciascuno di noi avrà tempo e modo di dirsi d’accordo o in disaccordo con il governo Monti e per valutarne i risultati nel fronteggiare la crisi e nell’introdurre più equità, tuttavia il cambio di fase è, su alcuni piani, colossale. Penso all’immagine del “femminile”. Cinque donne stanno occupando la scena mediatica con competenza e passione facendosi apprezzare o creando dissenso sulla base delle cose che dicono o pensano. Tre sono ministre: la Fornero, la Cancellieri, la Severino. Due sono sindacaliste: la Camusso e Carla Cantone. D’improvviso il mondo dei media ha scoperto quello che i cittadini normali sapevano da tempo e che la politica ignorava: cioè l’avanzare di leadership femminili capaci di dare risposte sul piano della competenza tecnica a e su quello della comunicazione politica di fronte a un universo fatto di donne e di uomini.

Anna Maria Cancellieri, Elsa Fornero e Paola Severino

Il paragone con la stagione berlusconiana è troppo facile ma anche il confronto con l’emergere di figure femminili nel centro-sinistra appare perdente per quest’ultimo. Le tre ministre si sono affermate fuori dai canali privilegiati e maschili della carriera politica. Le due sindacaliste hanno dovuto sormontare concorrenti maschi dimostrando di avere più di loro competenza e carisma. Il giorno in cui una donna come queste che ho citato, o altre che non cito perché l’elenco è davvero impressionante, dovesse riuscire a guidare un partito politico, o più d’uno, saremmo di fronte ad una vera svolta. Non sono un maschio femminista. Mi avvicino a questi temi con umiltà e senso del limite. Annoto tuttavia quel che è accaduto. Camusso e Cantone rappresentano due figure di sindacaliste, ce ne sono state altre nel passato dello stesso livello non solo nella Cgil, capaci di unire durezza e pragmatismo.

Susanna Camusso e Carla Cantone

Fornero, Severino e Cancellieri sono tre donne diverse, c’è la durezza sentimentale della Fornero, c’è la freddezza da grande avvocato della Severino, c’è l’immagine casalinga della Cancellieri, ma tutte e tre restituiscono l’idea che la cosa pubblica è affidata in mani responsabili anche quando le scelte non convincono. Sia le ministre sia le sindacaliste hanno dovuto affrontare la dura corvee della carriera in ambienti maschili e ce l’hanno fatta. Le donne politiche invece danno l’idea di essersi sempre accodate a leadership maschili per avanzare o, detto più brutalmente, per fare carriera. Nell’ultima e penultima legislatura il centro-sinistra ha rinnovato la delegazione maschile ma ha lasciato proseguire nell’incarico tutte le sue donne chiudendo le porte alle nuove leve ovvero selezionandole secondo stereotipi (il caso Veltroni-Madia). Le Severino, le Cancellieri, le Fornero, ma anche le Camusso e le Cantone in questo sistema di regole della politica non hanno avuto e non avrebbero accesso. Forse bisogna rompere questa cristallizzazione burocratica che ha consentito a tante donne mediocri di emergere e impedito a tante donne di qualità di farsi avanti. Insomma c’è una questione femminile anche nella battaglia per rinnovare la politica.

 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 05/01/2012 - 15:54
Essere donna non significa automaticamente essere la persona giusta e votata al raggungimento del bene comune è come accumunare Hitler con Padre Pio. Mi sembra luciferino accostare Camusso e Cantone, pur coi loro punti negativi, con quelle ministre sataniche e indifendibili che vogliono togliere tutti i diritti alle altre donne e rendere schiavi i nostri figli ,tra l'altro non le abbiamo nè votate nè scelte . T rovo che fare questi giochetti oscuri sia un insulto alla nostra intelligenza e come al solito dimostra che la politica è fuori da ogni realtà.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti