Ciascuno di noi avrà tempo e modo di dirsi d’accordo o in disaccordo con il governo Monti e per valutarne i risultati nel fronteggiare la crisi e nell’introdurre più equità, tuttavia il cambio di fase è, su alcuni piani, colossale. Penso all’immagine del “femminile”. Cinque donne stanno occupando la scena mediatica con competenza e passione facendosi apprezzare o creando dissenso sulla base delle cose che dicono o pensano. Tre sono ministre: la Fornero, la Cancellieri, la Severino. Due sono sindacaliste: la Camusso e Carla Cantone. D’improvviso il mondo dei media ha scoperto quello che i cittadini normali sapevano da tempo e che la politica ignorava: cioè l’avanzare di leadership femminili capaci di dare risposte sul piano della competenza tecnica a e su quello della comunicazione politica di fronte a un universo fatto di donne e di uomini.

Anna Maria Cancellieri, Elsa Fornero e Paola Severino

Il paragone con la stagione berlusconiana è troppo facile ma anche il confronto con l’emergere di figure femminili nel centro-sinistra appare perdente per quest’ultimo. Le tre ministre si sono affermate fuori dai canali privilegiati e maschili della carriera politica. Le due sindacaliste hanno dovuto sormontare concorrenti maschi dimostrando di avere più di loro competenza e carisma. Il giorno in cui una donna come queste che ho citato, o altre che non cito perché l’elenco è davvero impressionante, dovesse riuscire a guidare un partito politico, o più d’uno, saremmo di fronte ad una vera svolta. Non sono un maschio femminista. Mi avvicino a questi temi con umiltà e senso del limite. Annoto tuttavia quel che è accaduto. Camusso e Cantone rappresentano due figure di sindacaliste, ce ne sono state altre nel passato dello stesso livello non solo nella Cgil, capaci di unire durezza e pragmatismo.

Susanna Camusso e Carla Cantone

Fornero, Severino e Cancellieri sono tre donne diverse, c’è la durezza sentimentale della Fornero, c’è la freddezza da grande avvocato della Severino, c’è l’immagine casalinga della Cancellieri, ma tutte e tre restituiscono l’idea che la cosa pubblica è affidata in mani responsabili anche quando le scelte non convincono. Sia le ministre sia le sindacaliste hanno dovuto affrontare la dura corvee della carriera in ambienti maschili e ce l’hanno fatta. Le donne politiche invece danno l’idea di essersi sempre accodate a leadership maschili per avanzare o, detto più brutalmente, per fare carriera. Nell’ultima e penultima legislatura il centro-sinistra ha rinnovato la delegazione maschile ma ha lasciato proseguire nell’incarico tutte le sue donne chiudendo le porte alle nuove leve ovvero selezionandole secondo stereotipi (il caso Veltroni-Madia). Le Severino, le Cancellieri, le Fornero, ma anche le Camusso e le Cantone in questo sistema di regole della politica non hanno avuto e non avrebbero accesso. Forse bisogna rompere questa cristallizzazione burocratica che ha consentito a tante donne mediocri di emergere e impedito a tante donne di qualità di farsi avanti. Insomma c’è una questione femminile anche nella battaglia per rinnovare la politica.

 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 05/01/2012 - 15:54
Essere donna non significa automaticamente essere la persona giusta e votata al raggungimento del bene comune è come accumunare Hitler con Padre Pio. Mi sembra luciferino accostare Camusso e Cantone, pur coi loro punti negativi, con quelle ministre sataniche e indifendibili che vogliono togliere tutti i diritti alle altre donne e rendere schiavi i nostri figli ,tra l'altro non le abbiamo nè votate nè scelte . T rovo che fare questi giochetti oscuri sia un insulto alla nostra intelligenza e come al solito dimostra che la politica è fuori da ogni realtà.
SHARE
Mambo
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ucraina, tregua pasquale appesa ad un filo

Putin: cittadinanza facile per i russofoni

Centinaia di sbarchi a Pozzallo. Torna l’emergenza nel Ragusano

In 800 salvati su due barconi. A Lampedusa un'altra carretta con 400 migranti. Il ministro Pinotti: l’Ue non scarichi i costi sull’Italia

Addio all'imprenditore Valletto, padre del domopak

Ex partigiano piemontese, portò nel mondo Cuki e Domopak. Aveva 95 anni

Le onde, un momento prima che ti travolgano

Immagini meravigliose e difficilissime scattate da Kenji Croman, che (è uno tra pochi) non ha paura
SHARE

Guida (proprio per tutti) alla decorazione delle uova

Un rituale dei giorni della Pasqua, molto adatto per chi ha bambini o nostalgie artistiche
SHARE

Pasqua, la rara coincidenza tra cattolici e ortodossi

Immagine tratta da Flickr: di Tobias Lindman
Le Chiese seguono calendari e sistemi di calcolo diversi, ma quest’anno la data è la stessa
SHARE

L’uomo che dipinge nel cielo delle città

L’artista francese Thomas Lamadieu quando guarda in cielo vede cose che nemmeno ci immaginiamo
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Ma il mostro di Lochness è vivo?

Una misteriosa ombra è stata immortalata utilizzando il satellite della Apple