Blog di

di Peppino Caldarola

L’era Monti: il potere reale in mano a donne vere

Blog post del 5/01/2012

Ciascuno di noi avrà tempo e modo di dirsi d’accordo o in disaccordo con il governo Monti e per valutarne i risultati nel fronteggiare la crisi e nell’introdurre più equità, tuttavia il cambio di fase è, su alcuni piani, colossale. Penso all’immagine del “femminile”. Cinque donne stanno occupando la scena mediatica con competenza e passione facendosi apprezzare o creando dissenso sulla base delle cose che dicono o pensano. Tre sono ministre: la Fornero, la Cancellieri, la Severino. Due sono sindacaliste: la Camusso e Carla Cantone. D’improvviso il mondo dei media ha scoperto quello che i cittadini normali sapevano da tempo e che la politica ignorava: cioè l’avanzare di leadership femminili capaci di dare risposte sul piano della competenza tecnica a e su quello della comunicazione politica di fronte a un universo fatto di donne e di uomini.

Anna Maria Cancellieri, Elsa Fornero e Paola Severino

Il paragone con la stagione berlusconiana è troppo facile ma anche il confronto con l’emergere di figure femminili nel centro-sinistra appare perdente per quest’ultimo. Le tre ministre si sono affermate fuori dai canali privilegiati e maschili della carriera politica. Le due sindacaliste hanno dovuto sormontare concorrenti maschi dimostrando di avere più di loro competenza e carisma. Il giorno in cui una donna come queste che ho citato, o altre che non cito perché l’elenco è davvero impressionante, dovesse riuscire a guidare un partito politico, o più d’uno, saremmo di fronte ad una vera svolta. Non sono un maschio femminista. Mi avvicino a questi temi con umiltà e senso del limite. Annoto tuttavia quel che è accaduto. Camusso e Cantone rappresentano due figure di sindacaliste, ce ne sono state altre nel passato dello stesso livello non solo nella Cgil, capaci di unire durezza e pragmatismo.

Susanna Camusso e Carla Cantone

Fornero, Severino e Cancellieri sono tre donne diverse, c’è la durezza sentimentale della Fornero, c’è la freddezza da grande avvocato della Severino, c’è l’immagine casalinga della Cancellieri, ma tutte e tre restituiscono l’idea che la cosa pubblica è affidata in mani responsabili anche quando le scelte non convincono. Sia le ministre sia le sindacaliste hanno dovuto affrontare la dura corvee della carriera in ambienti maschili e ce l’hanno fatta. Le donne politiche invece danno l’idea di essersi sempre accodate a leadership maschili per avanzare o, detto più brutalmente, per fare carriera. Nell’ultima e penultima legislatura il centro-sinistra ha rinnovato la delegazione maschile ma ha lasciato proseguire nell’incarico tutte le sue donne chiudendo le porte alle nuove leve ovvero selezionandole secondo stereotipi (il caso Veltroni-Madia). Le Severino, le Cancellieri, le Fornero, ma anche le Camusso e le Cantone in questo sistema di regole della politica non hanno avuto e non avrebbero accesso. Forse bisogna rompere questa cristallizzazione burocratica che ha consentito a tante donne mediocri di emergere e impedito a tante donne di qualità di farsi avanti. Insomma c’è una questione femminile anche nella battaglia per rinnovare la politica.

 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 05/01/2012 - 15:54
Essere donna non significa automaticamente essere la persona giusta e votata al raggungimento del bene comune è come accumunare Hitler con Padre Pio. Mi sembra luciferino accostare Camusso e Cantone, pur coi loro punti negativi, con quelle ministre sataniche e indifendibili che vogliono togliere tutti i diritti alle altre donne e rendere schiavi i nostri figli ,tra l'altro non le abbiamo nè votate nè scelte . T rovo che fare questi giochetti oscuri sia un insulto alla nostra intelligenza e come al solito dimostra che la politica è fuori da ogni realtà.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi