Blog di

di Marta Casadei

Il Pantone della Merkel? Preferisco quello della Regina. Che mostra, insieme, un capo di Stato e una donna

Blog post del 18/07/2012

La notizia - scema, si capisce - del giorno sono le giacche di Angela Merkel, raccolte dal designer olandese Noortje van Eekelen, nell'ambito suo progetto «Spectacle of the tragecy», in una sorta di fotografia-Pantone che illustra le variazioni cromatiche del capo prediletto dalla Cancelliera Tedesca. Una donna, che, diciamolo, se spicca per qualcosa non è certo per l'eleganza: perfino l'ex presidente francese Sarkozy aveva espresso, in un commento privato poi riportato dall'allora ministro della Sanità francese nel suo libro, un giudizio ben poco lusinghiero nei confronti del guardaroba della Merkel. E, si sa, almeno per osmosi coniugale, prendiamo per buona l'ipotesi che di moda un po' se ne intenda.

Ma date un'occhiata direttamente:

 

"Lady" Angela passa dal lime di Dresda al navy dell'Aquila (per i non tecnici, verdino e blu), dal rosa di Baden Baden nel 2009 a un orrido color cammello scuro indossato a Berlino nel 2011. A salvare il tutto c'è l'intramontabile e quasi sempre appropriato nero che la signora Merkel ha indossato molto spesso. Se qualcuno - come il Corriere della Sera - ha espresso la propria perplessità sulle 90 giacche possedute dalla regina dell'Austerity, io mi limito a fare un confronto di stile, potere e soprattutto Pantone.

Perchè - sì, lo so: chi mi conosce sa che ho una passione smodata per la sovrana britannica, ma tant'è - la Regina Elisabetta in quanto a Pantone batte la Merkel 10-0. E se non mi credete, giudicate voi:


Non è solo una questione di colori: il look di sua Maestà, 60 anni di regno e 86 anni portati egregiamente, spezza quella banale monotonia che invece caratterizza le giacche della Merkel con i suoi adorati cappellini, con borse realizzate su misura e solo per lei (e con gioielli da svariate migliaia di sterline). E la fa sembrare una "lady di ferro" (non LA Lady di Ferro, capiamoci) umanizzata da vezzi che appartengono un po' a tutte le donne (che magari si vestono da Zara e non hanno un sarto su misura).

Cara Cancelliera, mi perdoni il post un po' stupido - ma è Luglio, ogni tanto un break ci vuole, no? - e metta da parte, per un attimo, insieme alle urgenze dell'Eurozona le sue 90 giacche: alcune, francamente, sono orribili. L'abbigliamento non è sempre segno della debolezza di chi si veste per piacere o per compiacere, a volte può essere una strategia: per sembrare un po' meno un cane da guardia e un po' più una donna che ha l'onore e l'onere di guidare uno Stato, rimanendo pur sempre una signora.

 

COMMENTI /

Ritratto di bruno
Mer, 18/07/2012 - 16:31
bruno
Perché su questo giornale non cominciate ad essere un tantino propositivi?Dovete prendere posizione sulla cattiva redistribuzione del reddito,cominciare a pensare ad una Giustizia sociale costruita con le banche,non contro le banche.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Pubblicità ingannevole: dall’Antitrust mezzo milione di multa a Tripadvisor

Le motivazioni: claim che enfatizzano la genuinità dei commenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni

Agguato in Calabria: ucciso un imprenditore

Domenico Aiello, imprenditore edile di 58 anni, è stato freddato a colpi di pistola in pieno giorno

Le cose più assurde di un paese assurdo

Dal grandioso esercito alle spese in Cognac del fu Caro Leader, qualche dato sulla Corea del Nord
SHARE

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Arte da nevrotici, quando l’ordine prevale su tutto

L’artista svizzero cerca di dare un ordine al caos del mondo: tentativo provocatorio ma interessante
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori