Blog di

di Roberto Tofani

Ha Noi – Tra memorie storiche e futuri digitali

Blog post del 16/12/2011

Ho sempre sottovalutato la forza e l'importanza di un archivio. Toccare dei documenti storici datati un secolo fa, stampati, scritti a mano o battuti a macchina su carta velina mi ha fatto riflettere sul pericolo di perdere quella memoria storica che difficilmente noi come essere umani riusciamo a trasmettere alle nuove generazioni. Oggi, sempre più, affidiamo il nostro vissuto a strumenti tecnologici super evoluti ma quasi incapaci di leggere il passato. Tutto per una logica di mercato che ci obbliga a rincorrere l'ultimo modello.

Il documento cartaceo che ho tra le mani, seppur consunto e delicato, è oggi chiaramente leggibile. Ha un colore, un odore e un profilo che valorizzano non solo il contenuto ma l'oggetto stesso. Ha una storia, un valore, una sua peculiare autenticità. Potremmo dire lo stesso di un CD, un DVD o una chiavetta o qualunque altra memoria digitale? Distinte fra loro per un particolare design e caratteristiche tecniche che contraddistinguono il passaggio di mesi, più che decenni o epoche. Saremo in grado di poter leggere in futuro la nostra memoria? Cosa riuscirà ad alimentare i server che oggi società come Google—penso a Gmail che io stesso utilizzo--mettono a disposizione garantendoci una memoria apparentemente senza confini?

Cresciuto a cavallo della rivoluzione digitale, avverto un piacere tattile nel sentire tra le mani il corpo di un documento reale che ancora porta i segni della macchina da scrivere. Si può annusare quell'acre odore di stantio che evapora mentre sfoglio documenti datati 1904...nello specifico progetti, disegni, preventivi e bilanci di un Ha Noi ancora da costruire. E' su queste linee che prima di me, l'architetto, l'ingegnere, il tecnico e il burocrate ha passato le mani: toccando e sfogliando.

Un foglio tra le mani. Di contro il grande vantaggio di poter archiviare, vedere, leggere e studiare documenti direttamente online. Anche se per il vero fotografo, “la pellicola rimane, perchè rappresenta la nostra memoria” e, paradossalmente, da qui ai prossimi trent'anni, vedere e saper leggere un negativo potrebbe essere meno costoso che leggere un CD.

Avere tra le mani quei progetti su carta è stato come avere la visione di una città che fu e che sarebbe voluta essere. Accarezzarne con la mano i tratti e linee morbide e delicate, quasi fossero i rilievi sul terreno. La costanza di una manualità attenta che si muoveva attraverso processi mentali che oggi si evolvono con velocità e rapide intuizioni. Riflessioni e sensazioni che devo all'amico Architetto Matteo Aimini. Grande conoscitore del tessuto vietnamita, Matteo mi ha spinto a ricercare tra le 'sudate carte' che spero saranno utili alla sua prossima e tanto attesa pubblicazione, che ci racconterà l'evoluzione di Ha Noi come nessuno ha mai fatto prima.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Vertice Ue, c'è l'accordo sul clima

riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

Ebola, primo caso a New York

Medico ricoverato positivo a virus, era tornato da Guinea

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti