Blog di

Blog a più mani

Il debito estero USA

Blog post del 1/10/2011
Parole chiave: 

A differenza del deficit pubblico, il debito estero non è necessariamente un problema: se le opportunità di investimento sono buone, e i risparmi scarseggiano, è economicamente ragionevole chiedere capitali dall’estero, e remunerarli con le opportunità di investimenti interne che grazie al debito potranno essere finanziate.

Non è però questo il caso dei deficit commerciali abituali dei Paesi ricchi (il deficit commerciale è all’incirca pari al deficit di capitale, in base all’identità nota come “bilancia dei pagamenti”). La Spagna ha fatto tanto debito per finanziare un boom immobiliare insostenibile, e non erano certo buoni investimenti. Idem per il debito delle banche USA nei confronti dei mutui immobiliari. In un boom speculativo generato dalle banche centrali attraverso garanzie pubbliche, liquidità assicurata e denaro a buon mercato, l’allocazione dei rischi sul mercato non ha alcun senso (moral hazard), e dunque non si può dire che gli investimenti siano oculati.

Inoltre, l’equity extraction e i bassi tassi di interesse stimolano i consumi a danno dei risparmi, e dunque riducono la quantità domestica di credito investibile, rendendo artificialmente necessario il deficit commerciale per finanziare la produzione interna. Questa è l'origine del boom del debito estero USA.

Gli USA scelsero di andare ad indebitarsi con l’estero all’inizio del boom che è finalmente esploso nel 2007: negli anni ’80, tempi di deficit e debito pubblico (poi si dice che Reagan era liberale… i liberali veri hanno sempre insistito sul pareggio di bilancio), di politiche monetarie (dopo Volcker, of course) lassiste, e di deficit commerciale (all’epoca col Giappone). La cosa rientrò successivamente con i risparmi militari legali alla sconfitta dell’URSS, ma a partire dal boom dell’azionario a fine anni ’90 si ricominciò ad indebitarsi con l’estero per finanziare il deficit pubblico e gli investimenti privati. Oggi gran parte dei fondi provengono dalla Cina, che di fatto è il “capitalista” che consente al “proletario” americano di ottenere i “mezzi di produzione”. Situazione sostenibile? Probabilmente no, ma a Washington non sono in grado di concepire un’alternativa, pare.

La Cina ha dei problemi col debito pubblico USA: con tassi di interesse bassissimi, e rischi di svalutazione competitiva del dollaro e di inflazione dei prezzi, i suoi crediti verso gli USA rischiano di rivelarsi carta straccia. Un’alternativa potrebbe essere l’Europa, che però è solo marginalmente più seria, sul piano macroeconomico, degli USA, quindi l’euro non è un’alternativa credibile al dollaro (e poi l’Europa ha problemi oggi, gli USA li avrà tra vent’anni, e a meno che non compriate titoli cinquantennali, la differenza conta). Fossi la Cina cercherei di diversificare, e punterei ad investire soprattutto in attività economiche reali, non in titoli pubblici, ma farlo sulla scala in cui lo fa la People’s Bank of China è difficile.

Se per caso i cinesi si stufassero dei T-bills, l’economia USA crollerebbe a picco, perché gli stranieri finanziano l’economia USA per una quantità pari al 7-8% del PIL (metà dalla Cina), e senza questi fondi occorrerebbe diminuire gli investimenti, la spesa pubblica e i consumi di quasi un triliardo di dollari l’anno. Le ultime due opzioni sarebbero positive nel lungo termine, ma produrrebbero una breve recessione. L’ultima sarebbe l’addio alla crescita economica, e dunque anche alla sostenibilità finanziaria del debito. Il governo federale, gli enti locali e i privati americani prima o poi dovranno uscire dal paese dei balocchi e guardare in faccia la realtà. E non ha un bell’aspetto.

Nel frattempo a Washington sono impegnatissimi a impedire che ciò accada: quando non ce la faranno più, la realtà sarà ancora più brutta da affrontare.

Pietro Monsurrò

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti