Blog di

Blog a più mani

Il debito estero USA

Blog post del 1/10/2011
Parole chiave: 

A differenza del deficit pubblico, il debito estero non è necessariamente un problema: se le opportunità di investimento sono buone, e i risparmi scarseggiano, è economicamente ragionevole chiedere capitali dall’estero, e remunerarli con le opportunità di investimenti interne che grazie al debito potranno essere finanziate.

Non è però questo il caso dei deficit commerciali abituali dei Paesi ricchi (il deficit commerciale è all’incirca pari al deficit di capitale, in base all’identità nota come “bilancia dei pagamenti”). La Spagna ha fatto tanto debito per finanziare un boom immobiliare insostenibile, e non erano certo buoni investimenti. Idem per il debito delle banche USA nei confronti dei mutui immobiliari. In un boom speculativo generato dalle banche centrali attraverso garanzie pubbliche, liquidità assicurata e denaro a buon mercato, l’allocazione dei rischi sul mercato non ha alcun senso (moral hazard), e dunque non si può dire che gli investimenti siano oculati.

Inoltre, l’equity extraction e i bassi tassi di interesse stimolano i consumi a danno dei risparmi, e dunque riducono la quantità domestica di credito investibile, rendendo artificialmente necessario il deficit commerciale per finanziare la produzione interna. Questa è l'origine del boom del debito estero USA.

Gli USA scelsero di andare ad indebitarsi con l’estero all’inizio del boom che è finalmente esploso nel 2007: negli anni ’80, tempi di deficit e debito pubblico (poi si dice che Reagan era liberale… i liberali veri hanno sempre insistito sul pareggio di bilancio), di politiche monetarie (dopo Volcker, of course) lassiste, e di deficit commerciale (all’epoca col Giappone). La cosa rientrò successivamente con i risparmi militari legali alla sconfitta dell’URSS, ma a partire dal boom dell’azionario a fine anni ’90 si ricominciò ad indebitarsi con l’estero per finanziare il deficit pubblico e gli investimenti privati. Oggi gran parte dei fondi provengono dalla Cina, che di fatto è il “capitalista” che consente al “proletario” americano di ottenere i “mezzi di produzione”. Situazione sostenibile? Probabilmente no, ma a Washington non sono in grado di concepire un’alternativa, pare.

La Cina ha dei problemi col debito pubblico USA: con tassi di interesse bassissimi, e rischi di svalutazione competitiva del dollaro e di inflazione dei prezzi, i suoi crediti verso gli USA rischiano di rivelarsi carta straccia. Un’alternativa potrebbe essere l’Europa, che però è solo marginalmente più seria, sul piano macroeconomico, degli USA, quindi l’euro non è un’alternativa credibile al dollaro (e poi l’Europa ha problemi oggi, gli USA li avrà tra vent’anni, e a meno che non compriate titoli cinquantennali, la differenza conta). Fossi la Cina cercherei di diversificare, e punterei ad investire soprattutto in attività economiche reali, non in titoli pubblici, ma farlo sulla scala in cui lo fa la People’s Bank of China è difficile.

Se per caso i cinesi si stufassero dei T-bills, l’economia USA crollerebbe a picco, perché gli stranieri finanziano l’economia USA per una quantità pari al 7-8% del PIL (metà dalla Cina), e senza questi fondi occorrerebbe diminuire gli investimenti, la spesa pubblica e i consumi di quasi un triliardo di dollari l’anno. Le ultime due opzioni sarebbero positive nel lungo termine, ma produrrebbero una breve recessione. L’ultima sarebbe l’addio alla crescita economica, e dunque anche alla sostenibilità finanziaria del debito. Il governo federale, gli enti locali e i privati americani prima o poi dovranno uscire dal paese dei balocchi e guardare in faccia la realtà. E non ha un bell’aspetto.

Nel frattempo a Washington sono impegnatissimi a impedire che ciò accada: quando non ce la faranno più, la realtà sarà ancora più brutta da affrontare.

Pietro Monsurrò

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Netanyahu in Italia: "Pagate troppe tasse", e spiega la curva di Laffer

Il siparietto del primo ministro israeliano a Expo: su un foglio spiega la politica usata da Tel Aviv per tornare a crescere

Savannah, studente ucciso in una sparatoria al campus

La vittima si chiama Christopher Starks, ed è morto in ospedale in seguito alle ferite riportate

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Regole per bere tè in compagnia, in stile vittoriano

È la cerimonia più leggera, ma anche quella che ha avuto maggior successo. Se si seguono le regole di una volta, è sicuro che ci si diverta di più

Vi siete sempre allacciati le stringhe nel modo sbagliato

Un nuovo metodo è stato inventato (e non si capisce perché quello vecchio non andasse più bene) per assicurare le scarpe

Tecnica collaudata per dormire bene sui lunghi voli

Gli inconvenienti di chi gira il mondo (per affari o per diletto): jet lag e sonno arretrato. Un’infografica cerca di risolvere il secondo problema

Grecia: trova le differenze tra il 1854 e il 2015

Un testo di Edmond About del 19esimo secolo racconta lo stato (disastroso) dell’economia ellenica a lui contemporanea. Non sembra sia cambiato molto

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin