Blog di

Scusa, sai che cos’è la foto di Vasto?

Blog post del 6/03/2012
Parole chiave: 

I giornalisti politici sono una strana specie, convinti che l’universo mondo non faccia altro che dibattere quotidianamente e approfondire i vari modelli elettorali: il francese a doppio turno, l’australiano con barrage, il senegalese col premio di maggioranza, e via dicendo. E quando scrivono pensano di rivolgersi a una platea che, come loro, si abbevera di rassegne stampa della Camera, di battute – a loro dire – imperdibili in Transatlantico, di dichiarazioni rese alle agenzia di stampa di quel tal politico che alla sesta riga alludeva, ma senza nominarlo, in modo inequivocabile al suo collega di partito che però nella notte stava creando una corrente prossima alla scissione. Insomma, vivono in un mondo tutto loro. E ogni tanto questo concetto viene reso plasticamente evidente dall’uso di termini, in genere neologisimi, o di riferimenti a fatti o persone che in realtà nessuno conosce.

Stavolta il riferimento è a una fotografia. Provate a leggere gli articoli politici sulle primarie di Palermo. Non ce n’è uno che non faccia riferimento alla “foto di Vasto”. Come se si trattasse di una pietra miliare nella storia della fotografia e quindi chi vuoi che non la conosca. E allora, sentendoci anche piuttosto ignorantelli, e col timore di imbatterci in un novello Nanni Moretti che potrebbe bacchettarci su Vasto come sulla Sacher Torte (“Non conosci la Sacher Torte? Continuiamo così, facciamoci del male”), siamo andati zitti zitti, in punta di piedi, a cercare tra le immagini che hanno fatto la storia certi di imbatterci prima o poi nella celeberrima immagine.

E così, eccone un po’: c’è il miliziano antifranchista immortalato da Robert Capa mentre viene ucciso.

O, ancora, il bacio del marinaio americano a una donna per strada alla notizia che la guerra era finita. La scattò Alfred Eisenstaedt, ma si era a Manhattan non a Vasto, in Abruzzo.

Ma non ci arrendiamo. E ci imbattiamo nei volti disperati e piangenti dei bambini vietnamiti terrorizzati per l’attacco al napalm. Era il 1972 e anche in questo caso piuttosto distanti dall’Abruzzo.

Poi, come non ricordare, il ragazzo fermo di fronte al carrarmato in piazza Tien An Men, Pechino. Correva l’anno 1989.

Insomma, nelle foto che hanno fatto la storia pare che non ci sia quest’immagine di Vasto. Ci sentiamo sempre più piccoli. Poi ci viene in soccorso il quotidiano La Stampa che in un atto eroico piazza in ottima evidenza una fotografia che immortala tre persone: Nichi Vendola, Antonio Di Pietro, Pier Luigi Bersani. Didascalia a caratteri semicubitali: La “foto di Vasto”. E noi in fondo ci sentiamo più sollevati.  

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Mar, 06/03/2012 - 13:34
mgiovanniello
A Gallo i genitori mettevano l' acido muriatico nel biberon. Comunisti.
SHARE
Ritratto di carlomaria
Mar, 06/03/2012 - 14:29
carlomaria
Cara Dottor Gallo, l’immagine della “Conferenza di Vasto” è davvero una pietra miliare della storia della politica italiana. Mi sono messo subito in contatto con gli Archivi dei Fratelli Alinari di Firenze. Il Direttore dell’Archivio mi ha riferito che pur di avere la lastra originale dove sono ritratte queste eccelse personalità politiche, cederà volentieri i diritti d’immagine della storica fotografia della Conferenza di Teheran del 1943. La saluto cordialmente
SHARE
Ritratto di Stefania Divertito
Mer, 07/03/2012 - 16:31
StedaniaD
dovrebbero mettere l'acido muriatico nel biberon di molte altre firme che in realtà fanno solo sonnecchiare. Ebbravo Gallo
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Disoccupazione giovanile, a gennaio scende al 41,2%

Nel 2014 il tasso di disoccupazione è salto al 12,7% dal 12,1% del 2013. Il dato annuale è il massimo mai registrato dal 1977

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

Le città divise: dove vanno turisti e residenti

Monumenti e piazze sono luoghi per chi visita. Chi vive in città, va altrove. La mappa lo dimostra
SHARE

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica