Blog di

Qualcuno spieghi a Ligabue che piazza Plebiscito non è Campovolo

Blog post del 29/03/2012

Questo blog apre una parentesi e va un po’ fuori tema anche se il titolo scelto “mi consente” di spaziare come Johann Cruijff nell’Olanda del calcio totale. E allora scrivo di Napoli, del sindaco de Magistris e di Ligabue.

Ogni anno il rocker di Correggio tiene sulla corda i suoi innumerevoli fan e poi sceglie le date e i luoghi dei concerti. In genere pochissimi. La scorsa estate fece una sola tappa, a Campovolo, il 16 luglio. Quest’anno il regista di Radiofreccia di tappe per il suo tour “Sotto il bombardamento - Rock in 2012” ne ha scelte cinque: dalla Royal Albert Hall di Londra a Locarno, a Cividale del Friuli, al Teatro Antico di Taormina. Insomma, quattro luoghi “protetti”. Per poi finire a Napoli, in piazza del Plebiscito, di fatto l’unica tappa al Sud (anche se c’è Taormina). 

E che c’è di strano, direte voi (sempre che abbiate continuato a leggere fin qui)? Ve lo spiego subito. A memoria non ricordo un concerto in piazza del Plebiscito a pagamento. Quello più famoso resta Pino Daniele del 1981, l’anno successivo al terremoto. L’ultimo di un certo richiamo fu quello di Manu Chao in piena epoca no global. Tutti concerti con ingresso libero, ovviamente. Stavolta no, la piazza sarà transennata e il biglietto costa 48 euro (anche se su Internet c’è chi li vende persino a 300, spacciando un posto prato che in piazza non esiste). 

Piazza del Plebiscito, a Napoli, è diventata con Antonio Bassolino un luogo simbolo. In realtà già lo era prima, anche se ridotta a un immenso parcheggio. Nel 1993 il sindaco ebbe l’idea più geniale del suo diciassettennio: chiuderla al traffico e liberarla da auto, taxi e autobus. Per restituirla ai napoletani e successivamente aprirla a installazioni di arte contemporanea. Tenere un concerto lì a pagamento è praticamente impossibile, a meno che Ligabue non si doti di un servizio d’ordine più o meno simile a quello della Casa Bianca. (Devo dire che le stesse difficoltà ci sarebbero al Circo Massimo o in qualsiasi altro luogo simbolo di qualsiasi città). 

Ed è quantomeno singolare che uno come Ligabue, che l’anno scorso tenne concerti solo nei teatri con vendita on line e biglietti nominativi, l’unico ormai in grado di far percorrere anche mille chilometri ai suoi fan pur di ascoltare la sua voce, si presti a un’iniziativa del genere che provocherà solo confusione (se gli va bene) e già produce  smarrimento tra i suoi fan. 

Già Napoli in questi giorni sta vivendo con particolare fastidio la chiusura del Lungomare e lo stravolgimento della circolazione per ospitare gare di quarta fila della Coppa America di vela (per dirla calcisticamente è come se fosse l’Intertoto) propagandate invece dal sindaco de Magistris come l’evento dell’anno. 

Sicuramente Ligabue a Napoli è un evento di richiamo. E probabilmente convincere il rocker sarà stato un successo personale di Claudio de Magistris, fratello del sindaco, tra i più noti organizzatori di eventi. Forse, però, non hanno spiegato bene al cantante che piazza del Plebiscito non è Campovolo. Ed è bene che qualcuno lo faccia. 

COMMENTI /

Ritratto di Massimiliano Gallo
Gio, 29/03/2012 - 12:01
mgallo
48 euro. Sono in vendita da oggi.
SHARE
Ritratto di carlomaria
Gio, 29/03/2012 - 13:30
carlomaria
<p> Sono in vendita da oggi e gi&agrave; esauriti. Li ha presi tutti la camorra.</p>
SHARE
Ritratto di Massimiliano Gallo
Gio, 29/03/2012 - 13:43
mgallo
Sì, è vero, gentile anonimo, quello fu a pagamento. Il seguito che aveva Pino Daniele nel 2008 non è più, ahilui, paragonabile a quel che scatena oggi un concerto del Liga. Ma comunque grazie, quello fu a pagamento.
SHARE
Ritratto di Stefania Divertito
Gio, 29/03/2012 - 18:11
StedaniaD
Pino Daniele a pagamento nel 2008. Io c'ero, febbricitante, ma c'ero. Ed ero pure abbastanza incazzata perchè c'era gente che scavalcava, chi si passava il biglietto, chi ascoltava il concerto appena dopo le transenne senza pagare. Per me ne era valsa la pena. Fu quello, credo, l'ultimo concerto in cui Pinuccio se 'firava 'e cantà. E senza dubbio ne varrà la pena il 20 luglio. Il biglietto è in mio possesso senza intercessione camorristica, solo con una carta di credito prepagata, per l'acquisto online. Ora, sappiate che il 20 luglio saremo in sette: Jacopo (da Cagliari), Silvana (da Barcellona), Deborah, Anna e Brigida (da Napoli), Enrico (da Bergamo), io (da Roma). Chi viene da fuori non ha mai visto Napoli e ne approfitterà... direi che è una buona notizia il concerto per la città. Però lancerei un appello: studiate un po' meglio la disposizione delle transenne e il servizio d'ordine, perchè di questi tempi spendere 50 euro per un concerto è una botta, e vedere i furbi che si intrufolano fa troppo incazzare. Stefania
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Gentiloni: dobbiamo ridiscutere Dublino, altrimenti dovremo ridiscutere Schengen

Il ministro degli Esteri a Cernobbio: dobbiamo essere portatori di valori di civiltà, il Mediterraneo è un’opportunità

Draghi: pronti a estendere il Quantitative easing oltre il 2016 se necessario

La Bce aumenta la quota di titoli acquistabili in una singola emissione e abbassa le stime su inflazione e Pil

Mafia Capitale, la procura verso il 'no' per il patteggiamento di Buzzi

I pm dovrebbero dare parere negativo alla nuova richiesta avanzata dai difensori del 'ras' delle coop

Smemoranda 

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol &amp; Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

L’isola speciale per accogliere i migranti

La proposta shock del miliardario Sawiris: «Ne compro una e la uso per accogliere i rifugiati. Lì potranno stare al sicuro e lavorare»

“L’uomo che ripara le donne”, il film che il Congo non vuol far vedere

Racconta la storia di un medico che si dedica a casi di abuso e violenza contro le donne. La maggior parte compiuti da soldati

Come cominciare bene un film: un’antologia

Un video raccoglie gli incipit di 35 film, tutti noti. Guardandoli si capisce quanto sia difficile cominciare. Ma se si comincia bene, si è già a metà

Viaggiare in America, seguendo i road trip della letteratura

Da “On the Road” a Mark Twain, passando per Pirsig e i coniugi Fitzgerald: quando la letteratura si dispiega per chilometri

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin