Blog di

di Marco Fattorini

Come ai tempi di Ballarò, Silvio chiama Sportitalia. E lo studio invoca: “Torni in campo!”

Blog post del 15/06/2012

C'era una volta Silvio Berlusconi. Premier, patron e uomo di tv che telefonava in diretta al processo di Biscardi per parlare del suo Milan. State tranquilli: il Cavaliere c'è ancora, seppur ben mimetizzato dietro le quinte della scena politica. E sopravvive pure quella verve calcistica che non poteva spegnersi in un'estate di bollenti trattative. Proprio giovedì infatti, Berlusconi ha deciso di alzare la cornetta nel corso della trasmissione "Speciale calciomercato", in onda sulla tv tematica Sportitalia.

Il programma condotto da Michele Criscitiello, che del canale è volto noto e primadonna, si stava occupando della vicenda Thiago Silva quando ecco giungere la telefonata di Silvio Berlusconi. Come ai vecchi tempi, come quando Aldo Biscardi invitava i suoi ospiti in studio a non parlare "in più di tre o quattro per volta che sennò non si capisce niente".

Cambiano contesto e conduttore, ma il protagonista resta lui. "Il vecchio cuore rossonero di Silvio Berlusconi ha permesso di rifiutare questa offerta, Thiago Silva è un grande uomo". E poi ancora parole di miele per Galliani e un occhio alla crisi perché "anche la mia famiglia è stata colpita da un grande salasso, una vera e propria rapina del millennio, versando 564 milioni di euro in contati per il Lodo Mondadori". Un Silvio show con la solita grinta comunicativa che lo contraddistingue.

La notizia vera però sta nella reazione di Michele Criscitiello, piuttosto incredulo ed emozionato per la telefonata ricevuta. Dopo vari ringraziamenti, il conduttore sveste i propri panni e rivolge a Berlusconi un appello politico: "torni presidente, dopo il calcio torni anche in altri ambiti perché qui ci stanno massacrando con le tasse". Endorsement o sbrodolamento? Ai telespettatori l'ardua sentenza (e la nostra solidarietà). 

COMMENTI /

Ritratto di Enrico
Ven, 15/06/2012 - 18:34
Enrico
Torni in politica, qui non si può più rubare con impunita'...la rivogliamo indietro, per pieta' ridateci un governo di veri delinquenti...in parlamento non bastano! Viva i ladri, viva il nostro beneamato B. Torni in campo!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Ven, 15/06/2012 - 19:05
Anonimo
Torna in tribunale e fatti processare ladro!!!!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Ven, 15/06/2012 - 19:05
Anonimo
Torna in tribunale e fatti processare ladro!!!!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Ven, 15/06/2012 - 19:05
Anonimo
Torna in tribunale e fatti processare ladro!!!!
SHARE
Ritratto di Carletto
Ven, 15/06/2012 - 21:01
Carletto
Dalla Rai a Sportitalia.....il declino mi sembra evidente
SHARE
Ritratto di Alejandro
Sab, 16/06/2012 - 13:12
Alejandro
Povero criscitiello..lo stanno massacrando con le tasse,chissà se riesce ad arrivare a fine mese quel poveraccio.Andate a lavorare invece di sparare le solite ca*******!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula