Blog di

Balle su balle, quanto a lungo il mondo dei social media riuscirà a restare credibile?

Blog post del 30/07/2012

L'esperienza di prenotare un ristorante su Tripadvisor è di quelle esemplari. Ora molte recensioni sanno di finzione lontano un chilometro. Scritte con linguaggi poco credibili, aggettivi da comunicato stampa, spesso la foto che le accompagna è di improbabili luoghi esotici anziché di persone in carne e ossa. Magari è diventata una moda usare foto di spiagge tropicali o di mari cristilini anziché metterci la propria faccia in qualche forma. Faccio una veloce verifica fra i circa 650 contatti che ho su Facebook e vedo che la stragrande maggioranza usa come foto la propria faccia. Il sospetto che i ristoratori e gli albergatori abbiano scoperto il pezzo si fa sempre più concreto. Ora, per leggere la valutazione di un ristorante, devo leggere molte più recensioni di prima per farmi una seppur vaga opinione. La gran parte le scarto perché, non ho prove per affermarlo in maniera apodittica, ma l'odore di falso si fa sempre più forte. 

Unisco questa esperienza a quanto raccontato su Linkiesta da Paolo Bottazzini sul non-dibattito sui finti follower di Grillo. Ricorda infatti l'ottimo Bottazzini che «il fatto che esistano falsi profili di follower, e che siano pure tanti, è un fatto ben noto a tutti coloro che lavorano nel meraviglioso mondo del digitale: basta cercare su Google “acquistare follower” per farsene un’idea». Un nostro blogger, Daniele Buzzurro, ha sollevato un dibattito su quanto siano finti i Trending topics di Twitter. Un finto editoriale di Bill Kellner sul New York Times ha avuto una diffusione incredibile sui social prima che emergesse che era finto, tanto da coniare il termine «social hoax» ovvero "bufala social". Un twit di un nome affermato come Sandro Ruotolo spinse tutti a pensare che l'uomo fermato subito dopo l'attentato di Brindisi fosse il colpevole e l'innocente rischiò il linciaggio. Ogni giorno la Rete è piena di balle, lo sappiamo, ma i social non sono la Rete. Come dice un amico alla Fondazione Ahref «la Rete era solo la brutta copia del digitale, sono i social che hanno cambiato il gioco». Viene in mente quello che dicevano gli ottimisti anni fa: «su Twitter sei sincero con gli sconosciuti, su Facebook menti agli amici». 

Certo, i massmediologi spesso usano una distinzione fra mentire, dire il falso sapendo di farlo, e ingannare, dire il falso senza saperlo. E ovviamente non si intende qui dire che i social media siano di per sé menzogneri o ingannevoli. Rispecchiano semplicemente la natura umana, e quando sono mendaci, non hanno nulla da invidiare a giornali e televisione. Come tutte le novità, a una prima fase spontanea, ne segue una organizzata e con essa i meccanismi di verità si modificano.

Come coi giornali, non posso leggerne solo uno per capire quello che accade. Come con tutti i media, esistesse una verità sola, non ci sarebbero bisogno di tante testate. Quando lavoravo in televisione a Londra alcuni colleghi mi raccontarono che una delle prime regole era che tutto doveva sembrare spontaneo, per quanto tutto, allo stesso tempo, dovesse essere assolutamente prefrabbricato (come mai nei titoli di testa di alcuni reality, che dovrebbero essere il massimo della spontaneità, mi è capitato di leggere i nomi di decine di autori?). Troppi soldi sono in ballo per permettersi il lusso di essere davvero spontanei e per potersi permettere errori, potenzialmente disastrosi, indotti da tanta disinvoltura, ma la tv funziona solo se sembra spontanea.  

I media tradizionali vivono da anni una crisi di credibilità che li fa figurare in basso alle classifiche. E, a differenza dei social, sono controllati da editori che hanno degli interessi. In fondo però Twitter e Facebook sono dei media (più social media Twitter, più social network Facebook), con la differenza che sono "social". Una volta che i grandi interessi, che muovono quella parte di finta informazione che in realtà è comunicazione mascherata, avranno ben capito come usare i nuovi media, quanto ci metteranno questi a raggiungere la credibilità di quelli tradizionali in questa guerra all'ultima balla? O meglio: quanto il successo commerciale dei social sarà un grave danno, se non la fine, della loro credibilità?

 

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Mar, 31/07/2012 - 13:56
mgiovanniello
<p>Condivido l&#39; articolo e mi permetto di dare un consiglio agli ultimi arrivati sul &nbsp;tema che l&#39; ha ispirato.</p> <p>La credibilit&agrave; delle recensioni dei ristoranti su Tripadvisor &egrave; particolarmente bassa, per quella degli alberghi &egrave; pi&ugrave; facile evitare fregature. Io leggo solo le recensioni di chi ne ha scritte tante, perch&eacute; &egrave; ovvio che quella di un albergo di Tokyo, scritta da un utente di Modena che non ha recensito nient&#39; altro in vita sua, &egrave; quasi certamente falsa. &Egrave; molto pi&ugrave; impegnativo, per un finto recensore, inventarsi di sana pianta un finto utente che ha recensito, negli anni, alberghi in giro per il mondo.</p> <p>Molto scarni, ma affidabili sono invece i giudizi che compaiono su Booking, che non possono essere scritti da finti recensori. Il cliente che ha prenotato appunto con Booking ed &egrave; effettivamente andato all&#39; hotel, che a sua volta ha ricevuto il pagamento della stanza, riceve un e-mail che lo invita a scrivere una recensione. Giusti o sbagliati che siano, sono giudizi reali e non inventati.</p>
SHARE
Ritratto di corsi gm
Mer, 01/08/2012 - 15:12
corsi gm
ni...vediamolo dall' altra parte del tavolo. Booking non accetta strutture piccole, quindi ciccia il B&b di charme con 2 stanze. Iscriversi poi a portali di questo tipo é moooolto caro ( un operatore ne deve avere da 5-6 del B&b a 15-20-30 dell' albergo tredizionale a suon di 300-500 euro anno. ) Personalmente collaboro molto con TA, articoli piú che valutazioni ma chiede tanto tempo, anche solo sistemare bene le foto..quindi é ovvio che ci siano persone che lasciano 1 commento o 2 e poi fine. É scontato che ci siano i falsi, ma la statistica chi ha insegnato da decenni che le punte si eliminano. Sulla mia struttura ho solo 7 commenti, tutti positivi e siamo aperti da 1986. Ma io non ho il cliente che va su Fb né su TA né sui socialqualcosa e se ci va ne esce subito. L' unico giudizio negativo l' ho avuto da uno che...non abbiamo mai visto, mai venuto, evidentemente un errore. Portato le prove a TA ed é stato cancellato. TA si comporta seriamente con le persone serie, certo ci mette secoli a muoversi, risponde dopo mesi a un errore di pagina, tuttavia se si ha sale in testa é ottimo. Bisogna accettare che la rete é trasparenza ma la trasparenza permette di difendersi. Il problema é un altro: non si puó delegare alla rete la nostra difesa dicendole" togli, censura, seleziona, elimina" ma bisogna essere adulti e affinare i propri strumenti. Capaci tutti di aspettare cavalieri sui cavalli bianchi..
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Musei, con le nuove regole boom di ingressi

Ad agosto più 10% di visitatori nei musei, +11% di incassi e 8% di ingressi gratuiti

Germania, il tribunale decide: i taxi di Uber non possono più circolare

La sentenza è temporanea. Per i conducenti che la ignorano c’è il rischio di multe fino a 250 mila euro. La start up di San Francisco: "Continueremo lo stesso"

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Nuovo Cinema Pyongyang: i film della propaganda

L’industria cinematografica piegata alle volontà del regime ha prodotto anche film belli. Eccone tre
SHARE

Il video che mostra come un autistico vede il mondo

Un disturbo molto conosciuto ma poco studiato: un mix tra animazioni e video racconta come si vive
SHARE

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Washington Post, Bezos cambia i vertici, finisce dopo 81 anni l’era dei Graham

La “publisher” Katherine Weymouth, pronipote del capostipite della famiglia Graham, è stata sostituita dal fondatore e Ceo di Politico Frederick Ryan Jr.

Tutta la verità su Hello Kitty

Un ironico articolo spiega le motivazioni secondo cui il personaggio di Hello Kitty non rappresenterebbe un gatto. Nel caso a qualcuno interessasse