Blog di

di Carlo Maria Miele

La Nazionale, il “rischio biscotto” e un’etica sportiva che vale solo per gli altri

Blog post del 15/06/2012
Parole chiave: 

Siamo un paese assuefatto alla corruzione (non solo nello sport), nel quale ogni decennio viene fuori uno scandalo calcioscommesse, nella cui Nazionale gioca un calciatore indagato di associazione a delinquere e frode sportiva, e il cui capitano può apertamente dichiarare che non c’è niente di male se due squadre si accordano per un pareggio, senza essere stigmatizzato più di tanto. Ma guai se a venire meno all’etica sportiva, anche solo in via ipotetica, sono gli altri.
 

Ecco così che tutti i commenti del post partita Italia-Croazia sono proiettati sulla prossima partita del girone Spagna-Croazia e al “rischio biscotto”, a un eventuale pareggio per 2 a 2 che manderebbe le due squadre direttamente ai quarti, ai danni della “povera” Italia.
 

 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Andrea Mariuzzo
Ven, 15/06/2012 - 22:46
Amariuzzo
è vero che, se siamo in questa situazione, lo dobbiamo soprattutto a noi stessi. ed è vero che per una volta che il biscotto è riuscito in pieno (con una collusione evidente che avrebbe dovuto, secondo me, spingere l'UEFA a intervenire) altre volte la combinazione non si è verificata, e noi siamo passati per demeriti altrui o siamo comunque stati eliminati per demeriti nostri. non solo agli Europei, ma anche in Champions (come ricordano i milanisti che lamentavano il possibile biscotto tra Chelsea ed Herta Berlino, prima di perdere col Galatasaray per evitare recriminazioni). Detto questo: 1) Buffon non ha detto che concordare le partite in quel modo sia una bella cosa: ha detto che è se succede è perché ci sono ragioni e interessi che lo fanno succedere, ha fatto un'osservazione sulla realtà. è come se io potessi essere accusato di collusione con la mafia perché ne studio le origini storiche e sociali. 2) quello che bisognerebbe denunciare apertamente non è la possibilità del biscotto, ma il fatto che, come si è visto nel 2004, un accordo ai nostri danni avvenga col consenso dell'opinione pubblica internazionale e con la sostanziale connivenza delle istituzioni calcistiche. Sono sicuro che se mai un giorno ci trovassimo noi nella possibilità di combinare una qualificazione, i giornali di tutto il mondo griderebbero agli italiani mafiosi, e l'UEFA sarebbe capace di intervenire per cambiare le regole in corsa. Già, nei fatti, ha mostrato la linea di condotta la FIFA, punendo per due parole un po' colorite Materazzi tanto quanto un tentato omicida (ché quello può succedere colpendo con violenza il petto nel posto sbagliato) come Zidane, fatto peraltro passare per un giocatore "solitamente corretto e sportivo" mentre tutto il mondo sa che era una testa calda non nuova a risse ed espulsioni.
SHARE
Ritratto di Roberto Puccianti
Sab, 16/06/2012 - 00:41
Roberto Puccianti
La coerenza è un valore importante da rispettare sempre e non solo quando ci torna comodo, L'Italia calcistica ha combinato "biscotti" per molto meno, per interessi personali dei giocatori. Io fossi in loro, il biscotto lo farei perchè è la cosa più ragionevole per due formazioni che rischierebbero solo di farsi del male. Se proprio la vogliamo dire tutta, Buffon non merita solo il biscotto, ma la radiazione per quello che illegalmente ha fatto in Italia e chi non rispetta la legge e un fuorilegge!!! Incrociamo le dita e facciamo solo quello che possiamo fare: vincere con l'Irlanda.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Sab, 16/06/2012 - 11:19
Anonimo
Spagna - Croazia 2-2 zitti e a casa
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti