Blog di

di Alessia Glaviano

Fotografia e cinema: separati alla nascita

Blog post del 1/08/2011

I legami tra fotografia e cinema sono fortissimi.

Da quando si e’ abbandonato il ritratto come unico o maggior modo di espressione fotografica quasi tutte le fotografie possono essere pensate come frame di film (frame di vita).

Nella fotografia si prendono a prestito dal cinema le angolature, le tecniche di luce, la narrativa, i personaggi, gli attori.

Oggi i set fotografici (anche a seconda dei budget a disposizione) sembrano dei veri e propri set cinematografici: esiste la figura del light designer, set designer, prop stylist.

I grandi registi Hitchcok, Kubrick, Godard, Antonioni, Bergman, ecc... sono una continua fonte di ispirazione per i fotografi.

Tra gli artisti che si ispirano al cinema Gregory Crewdson è uno dei miei preferiti.

Guardando le sue immagini si ha davvero la sensazione di osservare la scena di un film, con la differenza che quello che abbiamo sotto gli occhi sarà l’unico fotogramma che vedremo. L'atmosfera che si respira è onirica, surreale.

Gregory Crewdson - "Beneath the Roses" - Untitled, 2005

 

I soggetti delle sue fotografie sono colti in atteggiamenti sospesi, a metà fra un prima e un dopo.

Crewdson allestisce dei veri e propri set cinematografici per realizzare le sue fotografie, dozzine fra assistenti e tecnici, addetti alle luci, al make-up e alla post-produzione, e casting del calibro di Gwyneth Paltrow e Julianne Moore.

 

Un altro grande artista che applica tecniche cinematografiche a scene di vita quotidiana è Philip-Lorca diCorcia.

Philip-Lorca diCorcia - "Heads" - #23, 2000

 

Nella fotografia di moda poi, gli editoriali essendo composti da piu’ pagine si prestano molto allo story telling, e sono in tanti ad ispirarsi al cinema.

 

Peter Lindbergh è un grandissimo maestro che dello stile cinematografico ha fatto la sua firma.

Peter Lindbergh - "Vogue Italia" - settembre 2001

 

Per Ellen Von Unwerth invece l’effetto cinematografico non e’ tanto nella narrativa o qualita’ di luce tanto nel prendere a prestito personaggi di film noti come protagonisti delle sue storie.

Ellen Von Unwerth - "Vogue Italia" - ottobre 2002

 

 

In realtà a ben vedere la fotografia è molto diversa dal cinema.

Nel cinema le "fotografie" si susseguono rapidamente una dopo l'altra in un flusso che assomiglia più al tipo di visione del mondo reale che a quella fotografica.

Nel cinema c'è la possibilità di aggiungere con l'immaginazione elementi nuovi mentre la foto è piena, non vi si può aggiungere altro.

In una fotografia lo sguardo non può vagare, è tutto lì davanti agli occhi, fermo,  niente da togliere, trasformare.

E' come un testo denso da leggere, su cui è possibile soffermarsi e scoprire diversi significati.

 


 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Dom, 07/08/2011 - 03:24
è vero anche il contrario: David Lean, Stanley Kubrick, Fritz Lang, Ernst Lubitsch, Billy Wilder, registi che hanno una fortissima ispirazione fotografica, una "contaminazione" reciproca; uniti alla nascita!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Inter: Massimo Moratti lascia la carica di "presidente onorario"

Insieme con Moratti hanno rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere di amministrazione Angelomario Moratti, figlio di Massimo e Rinaldo Ghelfi

Tunisia, scontro tra terroristi e forze speciali a ovest di Tunisi

Ucciso un agente e diverse persone ferite. Presi in ostaggio due bambini

Spagna: la disoccupazione scende ai minimi dal 2011

I disoccupati spagnoli sono 5,428 milioni, in calo di 195.200 unità, mentre gli occupati sono 22,932 milioni, in calo di 44.200 unità

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Pechino, Mr. Facebook sorprende tutti: intervento in mandarino

Mark Zuckerberg protagonista di un Domanda&Risposta in lingua all'Università Tsinghua a Pechino

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti