Blog di

di Alessia Glaviano

Gli zingari di Josef Koudelka e altre storie

Blog post del 23/06/2012

Foto di Josef Koudelka, Slovacchia, 1967

 

Alla Fondazione Forma di Milano in mostra fino al 16 settembre gli zingari di Josef Koudelka, 109 immagini che compongono anche il libro edito da Contrasto.

Una prima mondiale quella da Forma, un libro e una mostra che Koudelka aveva in mente da 43 anni, un primo progetto del libro era stato infatti già pensato dal fotografo negli anni '70 prima di lasciare la Cecoslovacchia.

Ho intervistato Koudelka giovedi mattina per Vogue.it, prima della conferenza stampa, nella giornata inaugurale della mostra.

Da Forma c'era tutta la squadra, che ringrazio pubblicamente perché Forma è davvero il centro di eccellenza della fotografia a Milano: il presidente Roberto Koch, il vicepresidente Denis Curti, la responsabile dell'ufficio stampa Laura Bianconi, la direttrice di Forma galleria Alessia Paladini e la direttrice artistica di Fondazione Forma Alessandra Mauro, tutte persone che stimo molto e che hanno grande passione per il loro lavoro.

 

Foto di Josef Koudelka, Moravia,1966

 

Le fotografie erano già tutte appese ma il prespaziato con il titolo della mostra bisognava ancora attaccarlo al muro, la prima versione a Koudelka non era piaciuta e la seconda
versione era lì fissata temporaneamente con del nastro adesivo, mentre l'artista decideva - con i suoi tempi - se 5 cm più in alto o più in basso, più a destra o a sinistra, non è stata impresa facile.

I miei dubbi su cosa aspettarmi da un fotografo come lui, che personalità potesse avere un uomo che ha fatto delle scelte di vita così radicali, si sono dissolti ben presto.

Dire che Koudelka è molto attento ai dettagli non sarebbe abbastanza. La sua attenzione anche al più piccolo dei particolari è maniacale.

 

Foto di Josef Koudelka, Romania, 1968

 

Josef è capace di stare ore in silenzio seduto davanti a un muro della galleria per decidere quale sia la sequenza migliore per le sue fotografie.

Ma facciamo un passo indietro per chi di voi non conoscesse questo grande artista.

Koudelka oggi ha 74 anni, è membro di Magnum dal 1970 e ha vinto tutti i premi possibili immaginabili, è uno dei padri storici della fotografia, parlare con lui è come incontrare Henri Cartier Bresson o Robert Capa.

Nato nel 1938 a Moravia in Cecoslovacchia, inizia a fotografare giovanissimo a 12 anni, studia e diventa ingegnere aeronautico, professione che abbandona nel 1967 per dedicarsi esclusivamente alla fotografia. Crescendo, i soggetti che fotografa sono gli attori in un teatro della sua città e gli amati zingari della vicina Romania.

 

Foto di Josef Koudelka, Slovacchia,1963

 

Nel 1968, quando Josef è trentenne, la Cecoslovacchia sta vivendo la sua primavera, il riformista Alexander Dubcek ha preso il potere e abolito molte delle restrizioni imposte dal blocco sovietico.

Poi una notte di agosto, appena rientrato da un viaggio in Romania dove aveva fotografato gli amici zingari, Josef riceve alle 3 del mattino una prima telefonata da un'amica che gli dice che le truppe russe stanno per entrare a Praga.

Josef pensa che l'amica sia ubriaca e riaggancia, alla terza telefonata dell'amica sente il rombo degli aerei in cielo, e si precipita in strada, documenta così l'invasione sovietica di Praga con delle immagini che sono diventate una pietra miliare del fotogiornalismo.

Con l'aiuto di Eugene Ostroff, curatore dello Smithsonian Institution e di Anna Farova, una storica della fotografia riesce a far uscire clandestinamente i rullini da Praga e farli arrivare nelle mani di Elliott Erwitt - e quindi Magnum - a New York, le immagini fanno subito il giro del mondo ma per paura di possibili ripercussioni sulla sua famiglia Josef non vuole che fossero a lui creditate, compaiono quindi ovunque come scattate da P.P. - Prague Photographer.

Solo nel 1984, dopo quindici anni, quando anche suo padre muore, Koudelka prende il dovuto credito delle foto pubblicamente.

 

Foto di Josef Koudelka, Slovacchia,1967

 

Intanto nel 1969 l'ignoto fotografo di Praga riceve il premio Robert Capa dell’Overseas Press Club e Magnum gli offre una sovvenzione per fotografare gli zingari fuori dalla Cecoslovacchia per tre mesi, poi nel 1970 Erwitt lo aiuta a ottenere asilo politico a Londra, seguiranno diciassette anni di “vagabondaggio”, senza fissa dimora, poi nel 1987 riceve la cittadinanza francese e da allora vive fra la Francia e Praga, dove è potuto ritornare solo nel 1991.


Il lavoro in mostra da Forma è uno dei documenti fotografici più importanti del '900. Koudelka inizia a fotografare gli zingari nel 1962, quando era addirittura vietato parlarne, e prosegue fino al 1971 documentando la vita delle comunità gitane di Boemia, Moravia, Slovacchia, Romania, Ungheria, Francia e Spagna.

Il pregiudizio di allora non era diverso da quello di oggi, gli zingari rubano e uccidono, questo lo avevano detto anche a Josef, ma lui i gitani per la prima volta li incontra da adolescente a un festival di musica folk, e quello che lo colpirà sarà la loro musica ed espressività.


Zingari di Koudelka non è un lavoro politico, ma piuttosto un'analisi della vita, era questo l'obiettivo di Koudelka e la comunità gitana ne costituiva un condensato ideale: le stagioni della vita sono in essa perfettamente rappresentate e le emozioni vissute senza alcuno scrupolo o freno sociale.

Dopo averlo conosciuto capisco meglio questa necessità di fare ordine sempre presente nelle sue immagini, la cura per la composizione, la luce, niente è lasciato al caso.

Quello che mi stupisce è che la stessa capacità di composizione del frame è presente nelle fotografie dell'invasione di Praga del '68, com'è possibile avere questo occhio e questa capacità quando hai solo pochi istanti per scattare e devi anche stare attento a non farti scoprire?

 

Foto di Josef Koudelka, Boemia, 1963

 

E' questo che divide la fotografia, il documento, dall'arte. Forse Koudelka abituato a fotografare gli artisti in palcoscenico era addestrato a comporre la scena, ma questo non basta a spiegare la genialità delle sue immagini, Koudelka non è un fotoreporter, la vita ha voluto che si trovasse a documentare un avvenimento storico e lo ha fatto nell'unico modo che conosceva, con il suo occhio, quello di un poeta che scrive con la luce.

Pensando alle scelte di vita di Koudelka, potrebbe sembrare strana la sua intransigenza arrivati alle sue fotografie: l'amore per gli zingari, le leggenda di un Koudelka che dorme per terra anche negli alberghi e che ha  degli stuzzicadenti attaccati alla sua Leica per la messa a fuoco, e poi tre figli da tre donne diverse di tre paesi diversi, nessuna casa, nessun vestito se non quelli che indossa e un cambio, nessun compromesso, mai accettato lavori per i giornali ma solo commissioni governative, una vita vissuta mantenendo se stesso e i suoi figli solo con i premi, le sovvenzioni, la vendita dei libri ma non delle fotografie, le fotografie non le vende perché lo irrita terribilmente pensare che chiunque possa possederle.

Strano ma forse invece ovvio, come se essendo umanamente impossibile raggiungere nella vita il livello di perfezione ottenibile con le immagini la sua esistenza fosse tutta tesa verso l'esperienza del mondo per poterlo "ordinare" nelle sue immagini.

Un caos ordinato. Una totale identificazione con il medium.

 

Foto di Josef Koudelka, Romania, 1968

 

Camminiamo insieme nello spazio della mostra, il maestro mi spiega che c'è una differenza fondamentale fra un libro e la mostra che ne espone le stesse fotografie: quando guardi un libro ne giri le pagine, se vai a una mostra invece guardi i muri, non si può pensare di adottare la stessa sequenza che hai nel libro per i muri.

Koudelka ha vissuto con queste fotografie per 43 anni, ne parla come si potrebbe fare dei propri figli, le ama e le rispetta, le stampe sono incredibili, le ha curate tutte una per una così come il libro, che ci tiene a precisare è stato prodotto da uno stampatore tedesco bravissimo di cui non riesco a capire il nome, è molto contento di avere trovato questo stampatore perché i libri che vede adesso in giro sono tutti "piatti", brutti.

Mi racconta che negli anni '60 per caso ha comprato un grandangolo da una vedova che vendeva tutto, il grandangolo è risultato l'obiettivo perfetto per i piccoli spazi in cui vivevano gli zingari, poi uscito dalla Cecoslovacchia abbandona il grandangolo perché ormai quella tecnica l'aveva utilizzata e la ripetizione non lo interessa, prende una Leica 35 mm e inizia a girare il mondo.

Purtroppo iniziano ad arrivare i giornalisti per la conferenza stampa e la nostra passeggiata si conclude, ma mi auguro di continuare a discorrere con lui ad Arles fra pochi giorni, durante il Festival della Fotografia, ci sarà anche lui con una versione più piccola di questa stessa mostra, che mi anticipa... sarà ovviamente diversa.

Foto di Josef Koudelka, Slovacchia, 1966

 

 

 

Zingari di Josef Koudelka

Fondazione Forma per la Fotografia


Milano, Piazza Tito Lucrezio Caro, 1


Dal 21 giugno al 16 settembre 2012

Tutti i giorni dalle 11 alle 21

Giovedì e Venerdì fino alle 23. Chiuso il Lunedì

Per informazioni: 02 58118067

 

 

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Gb, uragano Gonzalo: 3 morti, 5 feriti

Oltre alla donna uccisa da un albero caduto a Knightsbridge, un altro uomo è morto in Essex per il ribaltamento di un furgone che stava riparando

Ebola, guarito il cameraman della Nbc

Ashoka Mukpo verrà presto dimesso, è quarta guarigione in Usa

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“