Blog di

di Alessia Glaviano

La iper-informazione e il dilemma del prigioniero

Blog post del 3/06/2012
Parole chiave: 

Screenshot del sito della BBC domenica 27 maggio 2012 - la fotografia è di Marco di Lauro scattata in Iraq nel 2003.

 

Venerdì 25 maggio in Siria è avvenuto un massacro, ad Hula sono stati uccisi 108 civili fra cui 49 bambini e 34 donne.

la Domenica seguente il sito della BBC per illustrare la strage Siriana ha utilizzato erroneamente una fotografia di Marco Di Lauro, pluripremiato fotoreporter, scattata in Iraq nel maggio 2003, attribuendola a un militante ribelle.

La fotografia di Di Lauro è molto forte: un bambino salta su un mucchio di cadaveri, è un'immagine incredibilmente efficace, rende bene l'idea, ma è un falso giornalistico, e non è accettabile che la BBC faccia un errore simile.

La foto è stata prontamente rimossa e la BBC si è scusata ma un errore del genere risolleva una serie di questioni mai risolte da quando "L’informazione come lezione sta lasciando spazio all’informazione come conversazione ", come osservava nel 2004 Tom Curley, direttore di Associated Press, ovvero da quando la natura interattiva di internet, con i social network, twitter, i blog, i commenti agli articoli ha portato alla nascita del "citizen Journalism", il giornalismo collaborativo.

Quello che mi stupisce è che la suddetta immagine non era neanche di un citizen journalist, ma di un conosciutissimo fotoreporter con tanto di sito internet, sarebbe quindi bastato fare una ricerca immagine con google per risalire alla fonte.

Insomma un errore imperdonabile per un organo di stampa, una superficialità ancora più inaccettabile nell'era del giornalismo collaborativo, perchè il punto di forza della stampa tradizionale rispetto ad esso dovrebbe proprio essere l'affidabilità e la credibilità per quanto riguarda il controllo delle fonti e dei fatti.

Non è la prima volta che accade, successe anche con le immagini di un normale cimitero libico, con tombe prescavate in cemento, pubblicate da molti quotidiani italiani come fosse comuni.

Credo che la nuova massa crescente e fluida dell' informazione abbia dato alla testa a molti, bisogna ancora assestarsi, capire in che direzione andare.

Pensavo alla "Teoria dei giochi" e in particolare al "dilemma del prigioniero" che credo sia applicabile anche alla tentazione di pubblicare notizie false su internet, essendo internet un "gioco" ripetuto all'infinito, questa ripetitività dovrebbe funzionare da detterrente, scongiurando la pubblicazione di notizie false, per non incorrere in smentite.

Se io non "collaboro" pubblicando una notizia falsa, l'altro a sua volta non collaborerà pubblicando a sua volta una smentita o un'altra notizia falsa che potrebbe danneggiarmi, la sola possibilità che questo accada dovrebbe portare a un equilibrio razionale conveniente.

Ma la realtà è che siamo immersi continuamente in un magma, dove le notizie sono onde e si vampirizzano l'un l'altra senza lasciare tracce, niente resta, sedimenta.

I meccanismi di autoregolazione ultimamente sembrano fare acqua da tutte le parti, come la mano insivibile di Adam Smith che sembra ormai preistoria chi davvero segue una notizia dalla sua nascita alla sua trasformazione? In quanti davvero approfondiscono? In queste condizioni l'importante è spesso solo arrivare per primi, spararla anche grossa e lasciare che tutto si perda.

Platone nel Fedro metteva in guardia dalla scrittura, che in quanto protesi della memoria avrebbe favorito l'oblio, oggi Platone sarebbe disperato.

Con il giornalismo collaborativo, come tutte le cose che iniziano, c'è stato grande entusiasmo, si è parlato di democratizzazione dell'informazione, pluralismo, possibilità di avere notizie da qualsiasi fronte, tutto vero, ma è anche vero che ci sono tantissime persone che commentano gli articoli solo per offendere o attirare l'attenzione, e, molto più grave, non dimentichiamo che se gli organi di stampa tradizionale hanno spesso dei "padroni" e quindi delle agende da seguire, anche i singoli hanno le loro personali agende, i loro interessi, meno trasparenti degli organi di stampa, difficilmente identificabili e quindi più pericolosi, il rischio che l'informazione diventi sempre più vittima della propaganda è estremamente verosimile.

In questo clima i giornali devono essere inattaccabili, devono essere le fonti a cui tutti guardiamo per verificare una notizia letta su twitter, facebook o qualche blog.

Tornando al massacro di Hula, il The Times ha fatto una scelta fotografica coraggiosa, pubblicando la fotografia di un bambino morto adagiato dentro un lenzuolo con un motivo di stampe floreali, macchiato di sangue all'altezza della piccola testa, il viso di tre quarti, la didascalia legge: Houla, Syria. One of 49.

E' una fotografia che fa veramente male, il credito sul The Times leggeva AP, sono andata quindi sul sito di AP e ho visto la sequenza di immagini da cui si evince chiaramente che questi bambini sono stati uccisi uno a uno crudelmente, sono immagini forti, di quelle che ti contraggono lo stomaco e il viso.

 

Il credito delle foto su AP legge : THE ASSOCIATED PRESS IS UNABLE TO INDEPENDENTLY VERIFY THE AUTHENTICITY, CONTENT, LOCATION OR DATE OF THIS CITIZEN JOURNALISM IMAGE.

E' difficile avere un'opinione su cosa sia giusto fare, anche in questo caso non possiamo risalire con chiarezza alla fonte, è un rischio che si sceglie di correre con responsabilità, una scelta coraggiosa, forte,  sicuramente diversa dal dilettantismo dimostrato dalla BBC che pubblica una foto di un pluripremiato  fotografo professionista.

Resta il fatto che purtroppo le fotografie non ci dicono chi ha commesso la strage, i superstiti così come la comunità internazionale e l'Onu incolpano le forze governative di Assad mentre lui utilizza le stesse immagini che lo incriminano per strumentalizzare il massacro addossandone la responsabilità ai ribelli.

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Pierpaolo
Lun, 04/06/2012 - 07:19
Pierpaolo
Il massacro è stato perpetrato secondo i dettami delle scuole dei contras e dell'UCK. Questo dovrebbe già dire qualcosa.
SHARE
Ritratto di Fabrizio Sibilla
Lun, 04/06/2012 - 10:23
fabriziosibilla
Più che dilemma del prigioniero mi sembra il classico trilemma (velocità di pubblicazione VS verifica delle fonti VS verità).
SHARE
Ritratto di roberto
Lun, 04/06/2012 - 19:02
roberto
I giornalisti continuano a propinarci le notizie, esaltando i massacri ma NON spiegano cosa succede. Sembra che sia tutta una preparazione dell'opinione pubblica ad accettare interventi militari. Dal Marocco alla Giordania, dall'Europa alle americhe c'è un inneggiare alla "primavera araba", fole per i tonti che non vogliono vedere le conseguenze della destabilizzazione dei regimi laici, che sicuramente sono corrotti come putroppo capita in paese che non conoscono e non sopportano la democrazia, una destabilizzazione che proviene dall'esterno ed in particolare dai penisola arabica, ciò richiede tanti soldi ed un lungo lavoro di preparazione. Purtroppo gli occidentali si sono accodati a questa quessa strisciante tramutandola anche in guerra aperta con i francesi ed Obama. Lo hanno fatto adducendo motivi umanitari mentre in realtà c'erano interessi economici. Obama NON conosce la storia, dovrebbe studiare cosa è successo in Somalia quando gli USA hanno costretto Siad Barre a lasciare il potere: in sei mesi è scorso più sangue che negli anni che era al potere! Ne valeva la pena ? Diffido di persone poco realiste e per nulla pragmatiche come Carter od Obama, purtroppo quel nobel per la pace in bianco è costato molto caro. Oltre alla storia, Obama dovrebbe imparare a giocare agli scacchi, che richiedono la previsone delle mosse successive , e se non vengono analizzate in profondità portano alla sconfitta certa.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Istat: disoccupazione giovanile record al 43,3%

Sciopero dei precari anche all’Istat, che non ha tenuto la consueta presentazione dei dati

La base contesta il blog: «Beppe e Casaleggio, non vi reggiamo più»

In poche ore arrivano al sito di Grillo arrivano duemila commenti, molti lapidari: «Autogol», «delusione». Una parte si schiera con i leader

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des