Blog di

di Beppe Roncari

Anteprima Spider-Man (not so Amazing...)

Blog post del 27/06/2012

FANTASIA? REALTÀ?

 

Venerdì 22 giugno scorso ho assistito a Milano a una delle proiezioni in anteprima del nuovo kolossal della Columbia: The Amazing Spider-Man, il reboot cinematografico della saga dell'Uomo Ragno, con un ottimo Andrew Garfield al posto di Tobie McGuire nel ruolo di Peter Parker.

Non ne ho scritto subito perché la mattina dopo sono partito di buon'ora per il mare (come testimonia la foto sotto ^___^), ma comunque siamo lo stesso un bel po' in anticipo rispetto all'uscita ufficiale del film il 4 luglio (festa dell'Indipendenza americana).

 

[spider-man_2012]

 

E poi avevo un problema che mi rodeva... questo film lo devo consigliare sì o no? Se volete vedere un film d'azione senza pretese, allora andatelo a vedere con piacere, se vi piacciono le scene ad effetto e i combattimenti.

Ma se aspettate la trama commovente e appassionante del primo Spider-Man di Sam Raimi... statevene a casa, e soprattutto non invitate le vostre fidanzate!

La trama è del tutto incoerente nel film, e le innumerevoli semine sconclusionate e imprecise... solo chi ha una profonda conoscenza di Spider-Man e del suo universo fuori dal film riesce a raccapezzarcisi... Faccio un esempio.

Nel film Peter Parker costruisce da solo i suoi lanciaragnatele... ma come fa? Dove si procura i componenti? Come fa a rubare i fili di ragno indistruttibili dalla Oxcorp dopo esserne stato sbattuto fuori in malo modo dalla sua girlfriend Gwen Stacy (alias, la bellissima ed eterea Emma Stone)?

E come mai a un certo punto dimentica completamente la ricerca dei genitori che sembrava il suo movente per la prima metà del film?

Spero di non fare spoiler eccessivi, davvero, ma in fondo non c'è nessuno spoiler da fare, il che è abbastanza triste...

Vi dico solo: se al "momento delle GRU" anche a voi viene voglia di uscire dalla sala... vi capisco, non siete i soli.

 

Ma Spider-Man è sempre Spider-Man. E le sue acrobazie sempre stupefancenti (amazing). Anche se a dirla tutta anche in questo film il 3D è tendenzialmente inutile, sprecato... peccato! Toglie solo luminosità alle belle scene in 2D (toglietevi gli occhialini per godervele) e non dà particolare godimento mentre Spidey svolazza fra i grattacieli di New York...

 

FANTASIA? REALTÀ? Comunque sia, buona visione a tutti, Folks, dal vostro beneamato blogger di quartiere!

 

 

Il trailer ufficiale in italiano.

 

 

COMMENTI /

Ritratto di ma chi ti da licenza di scrivere?
Ven, 06/07/2012 - 22:34
ma chi ti da licenza di scrivere?
Dalla sala solo tu saresti voluto uscire...dato che di film poco ne capisci
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Burkina Faso, assaltata la sede della tv di Stato a Ouagadougou

Saccheggiato anche il palazzo del Parlamento. Si protesta contro la riforma costituzionale che permette al Presidente di prolungare suo mandato

Tar, de Magistris torna in carica

Giudici amministrativi, atti alla Corte Costituzionale

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE

Tattiche per non far invecchiare né cervello né idee

Quattro consigli per sfuggire al veleno della routine
SHARE

Imparare la filosofia dell’Oriente e vivere meglio

A scuola si insegna solo la tradizione occidentale. Urge rimediare subito, con un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Lavoro e famiglia: nemmeno in Norvegia le donne riescono ad avere tutto

Nonostante le politiche illuminate su figli e carriera, introvabili altrove, le donne faticano ad andare avanti e crearsi una carriera

Un weekend con il Dalai Lama e la sua patria portatile

Incontrare una delle personalità più importanti del pianeta e capire, alla fine, i motivi della sua popolarità