I ricercatori di tutto il mondo amano collegare qualsiasi comportamento umano – dal semplice uso dei jeans all'amore per i muffins – al rischio depressione. Questa volta tocca al peer-to-peer.

Secondo uno studio della Missouri University of Science and Technology, intitolato “Associating Depressive Symptoms in College Students with Internet Usage Using Real Internet Data”, esistono – infatti – dei legami ben precisi tra file-sharing e sintomi depressivi.
Questi ricercatori americani hanno monitorato, per un mese, la connessione internet di 216 studenti e l'hanno confrontata con i loro profili psicologici. Ne è emerso un quadro, secondo loro, parecchio significativo: gli studenti che presentano sintomi depressivi sono quelli più dediti al file-sharing, all'uso smodato della chat e al controllo eccessivo della posta elettronica.
Tra l'altro, secondo gli autori, il loro studio è il primo ad analizzare dati “reali”, raccolti cioè monitorando direttamente le connessioni e garantendo, in questo modo, piena libertà e anonimato agli studenti.

E la rete, giustamente, insorge.
Per TorrentFreak, famoso blog dedicato al file-sharing, studi del genere potrebbero essere usati a loro favore da associazioni come la Motion Picture of America (MPAA) e la Recording Industry Association of America (RIAA), che difendono gli interessi dell'industria cinematografica e discografica: se scaricare nuocesse davvero alla salute mentale e favorisse la depressione, ci sarebbe un motivo in più per combattere il file-sharing selvaggio.
Sempre TorrentFreak sottolinea come lo studio evidenzi che i sintomi depressivi caratterizzano non solo gli entusiasti del P2P, ma anche chi chatta troppo o chi manda troppe email. Ed aggiunge che, in passato, studi del genere hanno prodotto risultati simili anche per chi fa troppo shopping online, chi guarda troppi video, chi usa troppo i social network, chi rimane davanti al pc fino a tarda notte.

Ma, al di là dei risultati condivisibili o no, cosa è che spaventa tanto?
È presto detto: Sriram Chellappan, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, suggerisce che non sarebbe una cattiva idea sviluppare dei software da installare sulla rete del campus, per monitorare questi “comportamenti a rischio”. Che, in parole povere, vuol dire controllare la navigazione degli studenti per capire se sono depressi. Solo?
Big Brother is watching you.

COMMENTI /

Ritratto di Andrea
Mer, 23/05/2012 - 18:31
Andrea
Appunto. Questo studio in realtà è una furbata per poter mettere sotto controllo chi scarica.
SHARE
Non aprite quelle porte
Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Blitz a Nizza: catturato il superlatitante Antonio Lo Russo

Stanato dai carabinieri il boss che stava a bordo campo allo stadio San Paolo

Blitz dell’aviazione di Kiev, bombardato aeroporto. 4 morti e 2 feriti

Iniziata l’operazione anti-terrorismo nell’Est ucraino. ll governo ucraino conferma l’attacco sullo scalo di Kramatosk

Guardare i venti che sconvolgono il mondo

Grecale, maestrale, tramontana: i flussi che girano intorno al globo, in una mappa in tempo reale
SHARE

Le icone del rock a icone

Tata&Friends hanno preso i nomi di decine di band e li hanno trasformati in geniali rebus visivi
SHARE

Come cancellare le ricerche imbarazzanti su Facebook

Ogni ricerca fatta sul social network viene memorizzata, ma con qualche mossa si può eliminare tutto
SHARE

Tra Marte e la Luna rossa: notte con gli occhi al cielo

I due eventi astronomici catalizzano l’attenzione degli appassionati. Ma qui si vedrà ben poco
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Il Mit crea mobili che possono cambiare forma con il solo gesto di una mano

L’istituto di Boston ha realizzato un progetto digitale che potrebbe consentire all’utente di interagire con oggetti fisici a distanza

I sintomi traumatici si possono trasmettere tra generazioni tramite lo sperma

Uno studio effettuato su dei ratti mostra come alcuni traumi possano essere ereditati tramite l’espressione genica dello sperma

BuzzFeed: gattini e hard news? C’è spazio per tutto se l’obiettivo è rinnovarsi

Viaggio dentro la testata newyorkese per cui tutti ora vogliono lavorare. La crescita è evidente e non c’è la paura di proporre anche dei contenuti leggeri