Blog di

di Serena Cappelli

Scaricare da internet nuoce alla salute? Una ricerca collega file-sharing e depressione

Blog post del 23/05/2012
Parole chiave: 

I ricercatori di tutto il mondo amano collegare qualsiasi comportamento umano – dal semplice uso dei jeans all'amore per i muffins – al rischio depressione. Questa volta tocca al peer-to-peer.

Secondo uno studio della Missouri University of Science and Technology, intitolato “Associating Depressive Symptoms in College Students with Internet Usage Using Real Internet Data”, esistono – infatti – dei legami ben precisi tra file-sharing e sintomi depressivi.
Questi ricercatori americani hanno monitorato, per un mese, la connessione internet di 216 studenti e l'hanno confrontata con i loro profili psicologici. Ne è emerso un quadro, secondo loro, parecchio significativo: gli studenti che presentano sintomi depressivi sono quelli più dediti al file-sharing, all'uso smodato della chat e al controllo eccessivo della posta elettronica.
Tra l'altro, secondo gli autori, il loro studio è il primo ad analizzare dati “reali”, raccolti cioè monitorando direttamente le connessioni e garantendo, in questo modo, piena libertà e anonimato agli studenti.

E la rete, giustamente, insorge.
Per TorrentFreak, famoso blog dedicato al file-sharing, studi del genere potrebbero essere usati a loro favore da associazioni come la Motion Picture of America (MPAA) e la Recording Industry Association of America (RIAA), che difendono gli interessi dell'industria cinematografica e discografica: se scaricare nuocesse davvero alla salute mentale e favorisse la depressione, ci sarebbe un motivo in più per combattere il file-sharing selvaggio.
Sempre TorrentFreak sottolinea come lo studio evidenzi che i sintomi depressivi caratterizzano non solo gli entusiasti del P2P, ma anche chi chatta troppo o chi manda troppe email. Ed aggiunge che, in passato, studi del genere hanno prodotto risultati simili anche per chi fa troppo shopping online, chi guarda troppi video, chi usa troppo i social network, chi rimane davanti al pc fino a tarda notte.

Ma, al di là dei risultati condivisibili o no, cosa è che spaventa tanto?
È presto detto: Sriram Chellappan, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, suggerisce che non sarebbe una cattiva idea sviluppare dei software da installare sulla rete del campus, per monitorare questi “comportamenti a rischio”. Che, in parole povere, vuol dire controllare la navigazione degli studenti per capire se sono depressi. Solo?
Big Brother is watching you.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Andrea
Mer, 23/05/2012 - 18:31
Andrea
Appunto. Questo studio in realtà è una furbata per poter mettere sotto controllo chi scarica.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Draghi: “L’euro è irreversibile”

Il presidente della Bce ha annunciato le prossime misure, tra cui l’acquisto di covered bond da metà ottobre e degli abs nel quarto trimestri

Draghi: via all’acquisto di covered bond e Abs. I tassi restano invariati

Il governatore della Bce a Napoli: piano in due anni per rilanciare le imprese

Aperto board Bce a Napoli, attesa decisione sui tassi di ottobre

Governatore Bankitalia Visco: "Errori sulla crisi, trascurata economia reale"

Come sconfiggere la sindrome dell’impostore

Avete successo e pensate che sia un equivoco? Ne soffrite anche voi. Quattro modi per guarire
SHARE

Gli occhi di Hitchcock, ovvero l’arte di creare paura

Le scene più celebri sono quelle in cui è lo sguardo dei protagonisti a dire tutto. Ecco come fa
SHARE

Le app per trovare casa? Sono uguali a Tinder

Non solo potenziali fidanzati/amanti: con lo smartphone si possono passare in rassegna anche le case
SHARE

Lo scioglimento dei ghiacci cambierà anche la gravità

Diminuendo la massa si modifica anche la gravità. Ma non è una cosa di cui preoccuparsi. Per ora
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Una lenta distruzione: come il progresso sta uccidendo la Mecca

Dietro ai nuovi palazzi c’è un’erosione culturale e storica che va a colpire anche la hajji, il pellegrinaggio canonico dei musulmani

La rivoluzione fallita: quando Che Guevara cercò di convertire l’Africa

In Congo, per sostenere Patrice Lumumba, leader socialista e primo presidente eletto democraticamente. Il tentativo non riuscì

Effetto iPhone 6: le marche di jeans faranno modelli con tasche più larghe

American Eagle, Levi's e altre hanno già in cantiere i nuovi pantaloni