Blog di

di Serena Cappelli

Scaricare da internet nuoce alla salute? Una ricerca collega file-sharing e depressione

Blog post del 23/05/2012
Parole chiave: 

I ricercatori di tutto il mondo amano collegare qualsiasi comportamento umano – dal semplice uso dei jeans all'amore per i muffins – al rischio depressione. Questa volta tocca al peer-to-peer.

Secondo uno studio della Missouri University of Science and Technology, intitolato “Associating Depressive Symptoms in College Students with Internet Usage Using Real Internet Data”, esistono – infatti – dei legami ben precisi tra file-sharing e sintomi depressivi.
Questi ricercatori americani hanno monitorato, per un mese, la connessione internet di 216 studenti e l'hanno confrontata con i loro profili psicologici. Ne è emerso un quadro, secondo loro, parecchio significativo: gli studenti che presentano sintomi depressivi sono quelli più dediti al file-sharing, all'uso smodato della chat e al controllo eccessivo della posta elettronica.
Tra l'altro, secondo gli autori, il loro studio è il primo ad analizzare dati “reali”, raccolti cioè monitorando direttamente le connessioni e garantendo, in questo modo, piena libertà e anonimato agli studenti.

E la rete, giustamente, insorge.
Per TorrentFreak, famoso blog dedicato al file-sharing, studi del genere potrebbero essere usati a loro favore da associazioni come la Motion Picture of America (MPAA) e la Recording Industry Association of America (RIAA), che difendono gli interessi dell'industria cinematografica e discografica: se scaricare nuocesse davvero alla salute mentale e favorisse la depressione, ci sarebbe un motivo in più per combattere il file-sharing selvaggio.
Sempre TorrentFreak sottolinea come lo studio evidenzi che i sintomi depressivi caratterizzano non solo gli entusiasti del P2P, ma anche chi chatta troppo o chi manda troppe email. Ed aggiunge che, in passato, studi del genere hanno prodotto risultati simili anche per chi fa troppo shopping online, chi guarda troppi video, chi usa troppo i social network, chi rimane davanti al pc fino a tarda notte.

Ma, al di là dei risultati condivisibili o no, cosa è che spaventa tanto?
È presto detto: Sriram Chellappan, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, suggerisce che non sarebbe una cattiva idea sviluppare dei software da installare sulla rete del campus, per monitorare questi “comportamenti a rischio”. Che, in parole povere, vuol dire controllare la navigazione degli studenti per capire se sono depressi. Solo?
Big Brother is watching you.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Andrea
Mer, 23/05/2012 - 18:31
Andrea
Appunto. Questo studio in realtà è una furbata per poter mettere sotto controllo chi scarica.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’umiliazione di un Pd trasformista inaugura in Emilia la discesa di Renzi

Il crollo della partecipazione dei cittadini al voto nella regione che garantiva l’affluenza più alta d’Italia suona come un de profundis per la democrazia

Usa, il segretario della Difesa Chuck Hagel rassegna le dimissioni

Erano state volute dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama

Ebola: primo italiano contagiato

Giungerà in Italia stanotte, ricoverato a Spallanzani

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE

Storia dei prodotti domestici: una guida visuale

I processi chimici trasformano le materie prime dell’agricoltura in tutt’altro. Ecco come fanno
SHARE

Consigli rinascimentali per scegliere la donna giusta

Li abbiamo estratti dai "Ricordi" di Giovanni di Pagolo Morelli, che morì nel 1444. Sono molto saggi
SHARE

La scienza occulta dietro alla copertina dei libri

In un libro il testo non è tutto. Conta molto anche la copertina. Spesso è perfino la cosa migliore
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Per Amazon è arrivato il momento di pagare di più i suoi dipendenti

L’azienda americana dispone di uno dei più alti tassi di rotazione del personale tra le aziende tecnologiche

Ho passato un weekend sulla nave da crociera con un barman robot

Quantum of the Seas è la nave da crociera che punta a conquistare i giovani con il suo carico di tecnologia

Ecco che cosa succede se si tiene un leone in casa

Una coppia vive con un leone sin da quando era cucciolo. Ma poi il “gattone” è cresciuto e non sempre è capace di controllare la propria forza e vivacità