Non aprite quelle porte

Blog di

di Serena Cappelli

Scaricare da internet nuoce alla salute? Una ricerca collega file-sharing e depressione

Blog post del 23/05/2012
Parole chiave: 

I ricercatori di tutto il mondo amano collegare qualsiasi comportamento umano – dal semplice uso dei jeans all'amore per i muffins – al rischio depressione. Questa volta tocca al peer-to-peer.

Secondo uno studio della Missouri University of Science and Technology, intitolato “Associating Depressive Symptoms in College Students with Internet Usage Using Real Internet Data”, esistono – infatti – dei legami ben precisi tra file-sharing e sintomi depressivi.
Questi ricercatori americani hanno monitorato, per un mese, la connessione internet di 216 studenti e l'hanno confrontata con i loro profili psicologici. Ne è emerso un quadro, secondo loro, parecchio significativo: gli studenti che presentano sintomi depressivi sono quelli più dediti al file-sharing, all'uso smodato della chat e al controllo eccessivo della posta elettronica.
Tra l'altro, secondo gli autori, il loro studio è il primo ad analizzare dati “reali”, raccolti cioè monitorando direttamente le connessioni e garantendo, in questo modo, piena libertà e anonimato agli studenti.

E la rete, giustamente, insorge.
Per TorrentFreak, famoso blog dedicato al file-sharing, studi del genere potrebbero essere usati a loro favore da associazioni come la Motion Picture of America (MPAA) e la Recording Industry Association of America (RIAA), che difendono gli interessi dell'industria cinematografica e discografica: se scaricare nuocesse davvero alla salute mentale e favorisse la depressione, ci sarebbe un motivo in più per combattere il file-sharing selvaggio.
Sempre TorrentFreak sottolinea come lo studio evidenzi che i sintomi depressivi caratterizzano non solo gli entusiasti del P2P, ma anche chi chatta troppo o chi manda troppe email. Ed aggiunge che, in passato, studi del genere hanno prodotto risultati simili anche per chi fa troppo shopping online, chi guarda troppi video, chi usa troppo i social network, chi rimane davanti al pc fino a tarda notte.

Ma, al di là dei risultati condivisibili o no, cosa è che spaventa tanto?
È presto detto: Sriram Chellappan, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, suggerisce che non sarebbe una cattiva idea sviluppare dei software da installare sulla rete del campus, per monitorare questi “comportamenti a rischio”. Che, in parole povere, vuol dire controllare la navigazione degli studenti per capire se sono depressi. Solo?
Big Brother is watching you.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Andrea
Mer, 23/05/2012 - 18:31
Andrea
Appunto. Questo studio in realtà è una furbata per poter mettere sotto controllo chi scarica.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ucraina, strappata alle forze filorusse la città di Sviatogorsk

L’annuncio del ministero degli Interni di Kiev: I reparti speciali di Kiev riconquistano la cittadina perché al confine tra Donetsk, Lugansk e Kharkiv

Decreto lavoro, la Camera dà il sì alla fiducia

La fiducia c'è con 344 voti a favore e 184 contrari

Lavrov: “Pronti a rispondere come in Georgia se nostri interessi attaccati”

Così il ministro degli Esteri russo sulla crisi ucraina. Usa annunciano invio di 600 soldati in Polonia e nei Paesi baltici

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Da stasera Silvio non potrà più uscire di casa senza questo foglio

arà la sua ‘bussola’, gli indicherà cosa può fare e cosa no, chi può vedere e chi no, a che ora deve andare a coricarsi

Arriva l’alcol in bustina: basta aggiungere un po’ d’acqua ed ecco una vodka

Per quelli che non hanno il tempo di sedersi al tavolino del bar, ecco la soluzione. Un bicchiere d’acqua e una bustina e il gioco è fatto. Ma sarà buono?

Perché il cibo sano ha un gusto peggiore di qualsiasi altro cibo

Esistono trucchi alimentari per ingannare il nostro cervello. E molti ristoranti li utilizzano per confonderci quando si tratta di mangiare sano