Blog di

di Serena Cappelli

Se Cenerentola si sbronza e Cappuccetto Rosso va al McDonald's

Blog post del 21/07/2012

E vissero per sempre felici e contenti. O no?
Le principesse Disney sono belle, fortunate, vestite magnificamente e destinate alla felicità eterna. Queste le rende oggetto dell'ammirazione incondizionata delle bambine e dei pensieri turpi di chi bambina non lo è più.
Così le principesse, come la povera Barbie, negli anni sono state bistrattate da artisti, fotografi, stilisti e designer, quasi a voler riversare su di loro la rabbia per quel lieto fine che ci hanno promesso, ma che in realtà non c'è.
Tra di loro c'è Dina Goldstein, apprezzata fotografa di Vancouver, che un po' di tempo fa ha creato la serie Fallen Princesses, capitata sotto i miei occhi – occhi di un'ex-bambina che attaccava amorevolmente le figurine di Cenerentola sul suo bravo album – solo qualche giorno fa.

“L’infanzia è piena di speranza e fantasia – spiega Dina – ma non dovremmo proteggere i nostri bambini dai risultati, spesso deludenti, della vita reale? La serie Fallen Princesses non è stata creata per i bambini, ma per gli adulti che possono relazionarsi alle delusioni quotidiane anche con un po’ di umorismo beffardo ed è quello che faccio io. Trovo la bellezza in ogni cosa anche se la vita è complicata e piena di sfide, è difficile e nessuno è immune dalle disavventure, nemmeno le principesse vere come Lady Diana. I nostri figli, presto o tardi, finiranno per vedere la vita com’è davvero; noi possiamo fargli godere le favole Disney e cercare di essere dei buoni genitori ben sapendo che il lieto fine non sempre c’è”.

E così, per noi adulti, ecco Cenerentola sola ed alcolizzata in un bar, Biancaneve con un pantofolaio teledipendente sul groppone, Ariel rinchiusa in un acquario, Jasmine che va in guerra, Raperonzolo senza capelli a causa della chemioterapia, Aurora che dorme ancora mentre tutti sono diventati vecchi, Bella sfigurata dalla chirurgia plastica, Cappuccetto Rosso col take-away del McDonald's, la Principessa sul pisello finita in una discarica con i suoi materassi, Pocahontas gattara.

Ma davvero non c'è più spazio per il lieto fine?

COMMENTI /

Ritratto di Angelo D’Addesio
Sab, 21/07/2012 - 13:47
Amdaddesio
Mulan non c'è...Sarà già scomparsa addirittura :-)
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Sab, 21/07/2012 - 18:28
scappelli
No, guarda bene. L'ha mangiata Cappuccetto Rosso :)
SHARE
Ritratto di Chiara Fornari
Dom, 22/07/2012 - 07:54
Cfornari
Serena, sei sempre più brava...Pocahontas gattara è fantastica. un bacio
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Dom, 22/07/2012 - 11:16
scappelli
Ah ah Chiara, sei troppo buona :) un bacio!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Mutui subprime: Bank of America pagherà una multa di 16,6 miliardi di dollari

L’accordo con il Dipartimento della Giustizia Usa sarà il maggiore mai trovato da una società americana

Le due cooperanti italiane Vanessa e Greta nelle mani dell’Isis

Sono loro le due italiane citate dal Guardian che sarebbero prigioniere dei terroristi iraqeni. Lo dice l’autore dell’articolo

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

La decapitazione di James Foley e la difficoltà delle scelte editoriali

Il video dell’esecuzione è nella scia degli orrori della rete: le immagini sono sconcertanti e ci interrogano sui limiti della censura e della pubblicabilità