Blog di

di Serena Cappelli

Se Cenerentola si sbronza e Cappuccetto Rosso va al McDonald's

Blog post del 21/07/2012

E vissero per sempre felici e contenti. O no?
Le principesse Disney sono belle, fortunate, vestite magnificamente e destinate alla felicità eterna. Queste le rende oggetto dell'ammirazione incondizionata delle bambine e dei pensieri turpi di chi bambina non lo è più.
Così le principesse, come la povera Barbie, negli anni sono state bistrattate da artisti, fotografi, stilisti e designer, quasi a voler riversare su di loro la rabbia per quel lieto fine che ci hanno promesso, ma che in realtà non c'è.
Tra di loro c'è Dina Goldstein, apprezzata fotografa di Vancouver, che un po' di tempo fa ha creato la serie Fallen Princesses, capitata sotto i miei occhi – occhi di un'ex-bambina che attaccava amorevolmente le figurine di Cenerentola sul suo bravo album – solo qualche giorno fa.

“L’infanzia è piena di speranza e fantasia – spiega Dina – ma non dovremmo proteggere i nostri bambini dai risultati, spesso deludenti, della vita reale? La serie Fallen Princesses non è stata creata per i bambini, ma per gli adulti che possono relazionarsi alle delusioni quotidiane anche con un po’ di umorismo beffardo ed è quello che faccio io. Trovo la bellezza in ogni cosa anche se la vita è complicata e piena di sfide, è difficile e nessuno è immune dalle disavventure, nemmeno le principesse vere come Lady Diana. I nostri figli, presto o tardi, finiranno per vedere la vita com’è davvero; noi possiamo fargli godere le favole Disney e cercare di essere dei buoni genitori ben sapendo che il lieto fine non sempre c’è”.

E così, per noi adulti, ecco Cenerentola sola ed alcolizzata in un bar, Biancaneve con un pantofolaio teledipendente sul groppone, Ariel rinchiusa in un acquario, Jasmine che va in guerra, Raperonzolo senza capelli a causa della chemioterapia, Aurora che dorme ancora mentre tutti sono diventati vecchi, Bella sfigurata dalla chirurgia plastica, Cappuccetto Rosso col take-away del McDonald's, la Principessa sul pisello finita in una discarica con i suoi materassi, Pocahontas gattara.

Ma davvero non c'è più spazio per il lieto fine?

COMMENTI /

Ritratto di Angelo D’Addesio
Sab, 21/07/2012 - 13:47
Amdaddesio
Mulan non c'è...Sarà già scomparsa addirittura :-)
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Sab, 21/07/2012 - 18:28
scappelli
No, guarda bene. L'ha mangiata Cappuccetto Rosso :)
SHARE
Ritratto di Chiara Fornari
Dom, 22/07/2012 - 07:54
Cfornari
Serena, sei sempre più brava...Pocahontas gattara è fantastica. un bacio
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Dom, 22/07/2012 - 11:16
scappelli
Ah ah Chiara, sei troppo buona :) un bacio!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Istat: tasso di disoccupazione fermo al 12,4%

Calano gli occupati. Disoccupazione giovanile scende solo dello 0,1% fermandosi a quota 41,5%

Egitto, ucciso il procuratore generale in un attentato al Cairo

Secondo il ministero dell'Interno, "bomba all'interno di una vettura e' esplosa al passaggio della vettura del procuratore"

L'Eurogruppo ha votato no alla proroga degli aiuti per la Grecia

no dell'Eurogruppo alla richiesta di Atene di una proroga degli aiuti per arrivare al referendum senza l'incubo della chiusura delle banche e del fallimento

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

La risposta russa alle bandiere arcobaleno di Facebook

Per celebrare la Corte Suprema e le unioni gay, i profili di Facebook si sono tinti di vari colori. In Russia hanno preferito la bandiera nazionale

Oggi è il giorno più lungo (di un secondo)

Per bilanciare il ritardo della rotazione terrestre rispetto agli orologi atomici, è stato inserito un secondo in più, nell’ultimo minuto del giorno

Paura e arte: la cultura del tatuaggio nella mafia giapponese

In Occidente è una moda, in Giappone fino a poco tempo fa un marchio d’infamia: era il segno distintivo della Yakuza. E fa ancora paura

Il primo default della storia? Avvenne in Grecia, nel IV secolo

È il primo caso documentato in modo chiaro. Tredici città della Lega Delio-Attica non ripagarono i debiti, e provocarono diversi problemi

PRESI DAL WEB

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale

Ballate e guardate l’alba: i compiti per le vacanze di un prof di Fermo

La lista dei compiti per le vacanze consegnata agli alunni dal professore Cesare Catà, insegnante al Liceo delle Scienze Umane "Don Bosco" di Fermo