Mentre scrivo mi rendo conto di avere solo qualche ora prima che la depressione domenicale mi colga inesorabilmente e il panico cominci ad invadere il mio spirito altrimenti gioioso. Che fare, accidenti, che fare per godere al meglio del poco tempo che mi rimane prima di sprofondare nel baratro?
Devo, nell'ordine: stendere, caricare un'altra lavatrice, far cuocere zucchine ed involtini.
Mmmhhh, pensandoci bene, io non vedo l'ora che arrivano quelle dannate 16:13, così – forse – potrò godermi il dolce far niente.

Già, le 16:13. Sembra, infatti, che sia questa la linea di demarcazione tra il folle entusiasmo per il fine settimana e la crisi nera per l'arrivo del lunedì. Un sondaggio condotto dalla catena alberghiera Premier Inn ha infatti svelato che l'ora X per la depressione domenicale scatta alle quattro del pomeriggio e che la sensazione sgradevole si protrae fino a sera. Non solo, sembra anche che il 41% degli interpellati passi la notte tra la domenica e il lunedì in preda all'ansia all'idea di dover riportare le stanche membra in ufficio.

Ma insomma, non saranno mica questi i problemi, accidenti! I problemi veri sono ben altri.
I problemi veri sono quelli che affliggono in questi giorni alcuni svedesi, precisamente quelli del Consiglio Generale della regione di Sörmland: gli uomini devono fare pipì in piedi o seduti?
Già, perché quella che è una scelta personale potrebbe ben presto diventare una voce del regolamento interno del suddetto Consiglio Generale. Tale Viggo Hansen, il promotore della pipì da seduti, sostiene infatti che la cosa, oltre a creare meno disagio attorno alla tazza, allungherebbe la vita sessuale degli uomini e diminuirebbe i problemi alla prostata.

Ma, mi chiedo io, chi farà i controlli del caso?
In ogni caso la questione scotta. Tra l'altro, sembra che gli uomini che preferiscono posare le loro grazie sul trono invece che restare in piedi e marcare il territorio siano sempre di più, vuoi per scelta personale, vuoi perché costretti dalle mogli.
Ma i miei amici direbbero: siamo matti? 

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Dom, 08/07/2012 - 14:18
mgiovanniello
Pisciare seduti? È un' idiozia totale. Francamente iniziamo ad averne piene le scatole di quest' era in cui gli uomini sono obbligati a scimmiottare le donne. È ora di finirla.
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Dom, 08/07/2012 - 15:57
scappelli
Le assicuro, Marco, che nel caso in questione noi donne tante volte saremmo contente di poter scimmiottare gli uomini :)
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 08/07/2012 - 17:15
Stanno fuori come un balcone, vivono nel paese dei balocchi, come i polli di allevamento, non dovendo preoccuparsi di acqua, cibo, malattie, predatori etc. finiscono per beccarsi tra loro senza motivo. Prima o poi, con calma qualcuno dovrebbe spiegargli che mentre loo si fanno le seghe mentali, la razza umana, si occupa di cose più serie ed infatti ha inventato la tavoletta per il cesso, il bidet, il detergente multiuso per superfici dure, i rotoloni, il copritavoletta di carta monouso ed addirittura il GoGirl in silicone e tutte le altre soluzioni usa e getta per fornire anche alle donne la capacita di pisciare in piedi negli orinatoi a muro. Alla faccia della parità di genere e delle pari opportunità.
SHARE
Ritratto di Roger
Dom, 08/07/2012 - 18:21
Roger
Finchè la tazza non la puliamo noi è anche comodo pisciare in piedi, ma avete mai provato ad entrare nel bagno di casa vostra dopo che la sera prima avete invitato 20 amici maschi...e vi tocca pulire? Altro che pisciare seduti e basta, bisognerebbe pure fornirli di imbuto per il resto ;)
SHARE
Ritratto di The jerk
Dom, 08/07/2012 - 18:31
The jerk
Ahahah! Grande Serena. Innanzitutto per la questione delle 16.13. Capisco tante cose, da ora, sulla maledetta depressione che mi stupra la domenica pomeriggio. Ma è sull'orinare in piedi o seduto che, ancora una volta, mi solletichi profonde riflessioni di vita vissuta. Io qui potrei essere un'autorità: fino a un certo punto della mia vita pisciavo seduto. Ragioni meccaniche. Poi a 27 anni ho iniziato a pisciar drizzo. Conosco ogni sfumatura. Te le racconteró in un post. ;) burp domenicale
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Dom, 08/07/2012 - 19:55
scappelli
@Anonimo Fantastico l'accenno al detergente multiuso per superfici dure. Lo voglio! @Roger (number one, number one!!!!) Ti consiglio il detergente del sig.Anonimo :) @Jerk Lascia stare va, che ho appena risposto ad una tizia su fb che mi faceva notare la mia pochezza. Aspetterò le tue sfumature, allora! Se l'avessi saputo, ti avrei chiesto una consulenza ;)
SHARE
Non aprite quelle porte
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico, terremoto vicino ad Acapulco di magnitudo 7.5

L’epicentro vicino ad Acapulco a una profondità di 52 chilometri, nello stato di Guerrera. Scosse avvertite anche a Città del Messico

Danno da 2 milioni a Sicilia e-servizi. Indagati Ingroia e Crocetta

La procura della Corte dei Conti contesta un danno erariale di oltre 2 milioni relativo alle assunzioni nella partecipata

Mps: via libera all’aumento capitale fino a 5 miliardi

La banca ha convocato l’assemblea straordinaria per il 20-21-22 maggio

Viaggio nei siti Internet del passato

Interfaccia di una bruttezza imbarazzante, goffi e poco funzionale. Ma era la rete di 18 anni fa
SHARE

Chi dipinge sui muri di New York le pubblicità

Un video riprende le acrobazie di chi colora e dipinge i muri della Grande Mela
SHARE

Dove andare in vacanza a maggio

Quattro proposte raggiungibili senza problemi, per chi vuole sfuggire dalla pazza folla
SHARE

Il mondo immaginario delle gocce d’acqua

Un’animazione in stop-motion racconta la vita in due dimensioni di un uomo fatto di gocce d’acqua
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Il Papa in soffitta: cosa vuol dire per Benedetto XVI osservare Francesco

È strano che ci siano due papi, ed è strano che vivano così vicino, ma soprattutto: è strano che siano proprio queste due persone

L’esodo al nord: cosa deve fare la Turchia con i rifugiati siriani

Al sesto posto per numero di rifugiati dalla Siria, la Turchia non ha mai aperto i confini, a differenza dei vicini arabi

Lavoro: l’algoritmo per capire quanto a lungo sarai disoccupato

Il criterio fondamentale per questo calcolo non si basa sulle capacità ma sul momento in cui si perde il lavoro