Blog di

di Serena Cappelli

Seduti o in piedi: l'approccio dell'uomo alla tazza come dibattito politico

Blog post del 8/07/2012

Mentre scrivo mi rendo conto di avere solo qualche ora prima che la depressione domenicale mi colga inesorabilmente e il panico cominci ad invadere il mio spirito altrimenti gioioso. Che fare, accidenti, che fare per godere al meglio del poco tempo che mi rimane prima di sprofondare nel baratro?
Devo, nell'ordine: stendere, caricare un'altra lavatrice, far cuocere zucchine ed involtini.
Mmmhhh, pensandoci bene, io non vedo l'ora che arrivano quelle dannate 16:13, così – forse – potrò godermi il dolce far niente.

Già, le 16:13. Sembra, infatti, che sia questa la linea di demarcazione tra il folle entusiasmo per il fine settimana e la crisi nera per l'arrivo del lunedì. Un sondaggio condotto dalla catena alberghiera Premier Inn ha infatti svelato che l'ora X per la depressione domenicale scatta alle quattro del pomeriggio e che la sensazione sgradevole si protrae fino a sera. Non solo, sembra anche che il 41% degli interpellati passi la notte tra la domenica e il lunedì in preda all'ansia all'idea di dover riportare le stanche membra in ufficio.

Ma insomma, non saranno mica questi i problemi, accidenti! I problemi veri sono ben altri.
I problemi veri sono quelli che affliggono in questi giorni alcuni svedesi, precisamente quelli del Consiglio Generale della regione di Sörmland: gli uomini devono fare pipì in piedi o seduti?
Già, perché quella che è una scelta personale potrebbe ben presto diventare una voce del regolamento interno del suddetto Consiglio Generale. Tale Viggo Hansen, il promotore della pipì da seduti, sostiene infatti che la cosa, oltre a creare meno disagio attorno alla tazza, allungherebbe la vita sessuale degli uomini e diminuirebbe i problemi alla prostata.

Ma, mi chiedo io, chi farà i controlli del caso?
In ogni caso la questione scotta. Tra l'altro, sembra che gli uomini che preferiscono posare le loro grazie sul trono invece che restare in piedi e marcare il territorio siano sempre di più, vuoi per scelta personale, vuoi perché costretti dalle mogli.
Ma i miei amici direbbero: siamo matti? 

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Dom, 08/07/2012 - 14:18
mgiovanniello
Pisciare seduti? È un' idiozia totale. Francamente iniziamo ad averne piene le scatole di quest' era in cui gli uomini sono obbligati a scimmiottare le donne. È ora di finirla.
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Dom, 08/07/2012 - 15:57
scappelli
Le assicuro, Marco, che nel caso in questione noi donne tante volte saremmo contente di poter scimmiottare gli uomini :)
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 08/07/2012 - 17:15
Stanno fuori come un balcone, vivono nel paese dei balocchi, come i polli di allevamento, non dovendo preoccuparsi di acqua, cibo, malattie, predatori etc. finiscono per beccarsi tra loro senza motivo. Prima o poi, con calma qualcuno dovrebbe spiegargli che mentre loo si fanno le seghe mentali, la razza umana, si occupa di cose più serie ed infatti ha inventato la tavoletta per il cesso, il bidet, il detergente multiuso per superfici dure, i rotoloni, il copritavoletta di carta monouso ed addirittura il GoGirl in silicone e tutte le altre soluzioni usa e getta per fornire anche alle donne la capacita di pisciare in piedi negli orinatoi a muro. Alla faccia della parità di genere e delle pari opportunità.
SHARE
Ritratto di Roger
Dom, 08/07/2012 - 18:21
Roger
Finchè la tazza non la puliamo noi è anche comodo pisciare in piedi, ma avete mai provato ad entrare nel bagno di casa vostra dopo che la sera prima avete invitato 20 amici maschi...e vi tocca pulire? Altro che pisciare seduti e basta, bisognerebbe pure fornirli di imbuto per il resto ;)
SHARE
Ritratto di The jerk
Dom, 08/07/2012 - 18:31
The jerk
Ahahah! Grande Serena. Innanzitutto per la questione delle 16.13. Capisco tante cose, da ora, sulla maledetta depressione che mi stupra la domenica pomeriggio. Ma è sull'orinare in piedi o seduto che, ancora una volta, mi solletichi profonde riflessioni di vita vissuta. Io qui potrei essere un'autorità: fino a un certo punto della mia vita pisciavo seduto. Ragioni meccaniche. Poi a 27 anni ho iniziato a pisciar drizzo. Conosco ogni sfumatura. Te le racconteró in un post. ;) burp domenicale
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Dom, 08/07/2012 - 19:55
scappelli
@Anonimo Fantastico l'accenno al detergente multiuso per superfici dure. Lo voglio! @Roger (number one, number one!!!!) Ti consiglio il detergente del sig.Anonimo :) @Jerk Lascia stare va, che ho appena risposto ad una tizia su fb che mi faceva notare la mia pochezza. Aspetterò le tue sfumature, allora! Se l'avessi saputo, ti avrei chiesto una consulenza ;)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Gb, uragano Gonzalo: 3 morti, 5 feriti

Oltre alla donna uccisa da un albero caduto a Knightsbridge, un altro uomo è morto in Essex per il ribaltamento di un furgone che stava riparando

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“