Blog di

di Serena Cappelli

Americani e turchi i più convinti: la fine del mondo è vicina

Blog post del 2/05/2012
Parole chiave: 

Leggo la notizia e rimango senza parole. Un uomo su sette crede – davvero – che la fine del mondo sia vicina. Potenza dei Maya?
Secondo un sondaggio realizzato dall’Istituto Ipsos per Reuters, il 15% della popolazione terrestre crede che il mondo finirà nell’arco della sua vita e il 10% è convinto che ciò avverrà a dicembre. Che ottimisti! Certo, è pur sempre un sondaggio e sono state interpellate circa sedicimila persone su tot miliardi, ma il risultato è comunque sconcertante. I più convinti dell’imminenza dell’apocalisse sono Turchi e Statunitensi, mentre i più scettici sono Belgi e Britannici.

Che sia colpa di tutta la pubblicità fatta alla profezia Maya? Chissà.
Nel frattempo, il premio Ig Nobel (la parodia del premio Nobel) 2011 per la matematica è andato a tutti quegli scienziati che hanno dato più volte per certa la fine del mondo e si sono sbagliati: Dorothy Martin (data della fine del mondo prevista: 1954), Pat Robertson (1982), Elizabeth Clare Prophet (1990), Lee Jang Rim (1992), Credonia Mwerinde (1999) ed Harold Camping (6 settembre 1994 e 21 ottobre 2011). Speriamo di poter aggiungere anche i Maya.

Ma resta il fatto che, per una persona su dieci, la profezia è fonte di ansia e paura.
Consiglio a costoro un bel giro a Bruxelles, per imparare dai Belgi che i Maya potrebbero anche non avere ragione. Una bella gaufre, due patatine fritte, una foto kitsch al Manneken-Pis, una visita all’Atomium e una bella passeggiata per la città seguendo il Parcours BD, con i suoi fumetti disegnati sui muri. E alla fine, per ritemprarsi, un bell’assaggio di cioccolato. Se i Belgi sono riusciti a migliorare la bontà delle tecniche Maya nell’utilizzo del cacao, perché non dovrebbero avere ragione anche sulla (poca) attendibilità della sciagurata profezia?
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Fabrizio Sibilla
Mer, 02/05/2012 - 09:54
fabriziosibilla
Maya: hanno previsto la fone del mondo per il 2012 ma per loro é arrivata 500 anni prima. Forse che nn bisognerebbe fidarsi di chi sbaglia così alla grande? ;)
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 02/05/2012 - 12:16
scappelli
@Fabrizio Poveri Maya, hanno fatto così tante cose buone e adesso se ne parla solo per la storia della fine del mondo :) @Roberto Che stia per iniziare davvero l'era dell'acquario? :)
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Mer, 02/05/2012 - 15:22
mgiovanniello
E' offensivo un bel "Nuncenepotrebbefregàddemeno" ?
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 02/05/2012 - 16:31
scappelli
Caro Marco, certo che no. Ognuno ha i suoi gusti, ci mancherebbe. Io, purtroppo per me, ho un debole per le notizie inutili :-) Un saluto!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’Eba: un taglio ai depositi bancari dei greci sarebbe contro la legge

Lo ha affermato il presidente dell’Autorità bancaria europea, Andrea Enria

Un militante filocurdo italiano è stato ferito al confine tra Kurdistan e Siria

Si chiama Alessandro De Ponti, ha 23 anni e non è in pericolo di vita

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

I consigli di Bolaño per chi vuole scrivere racconti

Dodici comandamenti di scrittura che si rivelano, a parte i primissimi, degli ottimi consigli di lettura

La campagna turistica pro-Tunisia, per far dimenticare la paura

Dopo gli attacchi al Bardo e al resort di Sousse le prenotazioni sono crollate. La Tunisia è in difficoltà. E c’è chi reagisce così

Quando per vedere l’Inferno di Dante si andava al cinema

Fu il primo vero lungometraggio (muto) italiano. Tema classico, ma con alcune variazioni. Fu un successo epocale

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale