Blog di

di Serena Cappelli

Americani e turchi i più convinti: la fine del mondo è vicina

Blog post del 2/05/2012
Parole chiave: 

Leggo la notizia e rimango senza parole. Un uomo su sette crede – davvero – che la fine del mondo sia vicina. Potenza dei Maya?
Secondo un sondaggio realizzato dall’Istituto Ipsos per Reuters, il 15% della popolazione terrestre crede che il mondo finirà nell’arco della sua vita e il 10% è convinto che ciò avverrà a dicembre. Che ottimisti! Certo, è pur sempre un sondaggio e sono state interpellate circa sedicimila persone su tot miliardi, ma il risultato è comunque sconcertante. I più convinti dell’imminenza dell’apocalisse sono Turchi e Statunitensi, mentre i più scettici sono Belgi e Britannici.

Che sia colpa di tutta la pubblicità fatta alla profezia Maya? Chissà.
Nel frattempo, il premio Ig Nobel (la parodia del premio Nobel) 2011 per la matematica è andato a tutti quegli scienziati che hanno dato più volte per certa la fine del mondo e si sono sbagliati: Dorothy Martin (data della fine del mondo prevista: 1954), Pat Robertson (1982), Elizabeth Clare Prophet (1990), Lee Jang Rim (1992), Credonia Mwerinde (1999) ed Harold Camping (6 settembre 1994 e 21 ottobre 2011). Speriamo di poter aggiungere anche i Maya.

Ma resta il fatto che, per una persona su dieci, la profezia è fonte di ansia e paura.
Consiglio a costoro un bel giro a Bruxelles, per imparare dai Belgi che i Maya potrebbero anche non avere ragione. Una bella gaufre, due patatine fritte, una foto kitsch al Manneken-Pis, una visita all’Atomium e una bella passeggiata per la città seguendo il Parcours BD, con i suoi fumetti disegnati sui muri. E alla fine, per ritemprarsi, un bell’assaggio di cioccolato. Se i Belgi sono riusciti a migliorare la bontà delle tecniche Maya nell’utilizzo del cacao, perché non dovrebbero avere ragione anche sulla (poca) attendibilità della sciagurata profezia?
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Fabrizio Sibilla
Mer, 02/05/2012 - 09:54
fabriziosibilla
Maya: hanno previsto la fone del mondo per il 2012 ma per loro é arrivata 500 anni prima. Forse che nn bisognerebbe fidarsi di chi sbaglia così alla grande? ;)
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 02/05/2012 - 12:16
scappelli
@Fabrizio Poveri Maya, hanno fatto così tante cose buone e adesso se ne parla solo per la storia della fine del mondo :) @Roberto Che stia per iniziare davvero l'era dell'acquario? :)
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Mer, 02/05/2012 - 15:22
mgiovanniello
E' offensivo un bel "Nuncenepotrebbefregàddemeno" ?
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 02/05/2012 - 16:31
scappelli
Caro Marco, certo che no. Ognuno ha i suoi gusti, ci mancherebbe. Io, purtroppo per me, ho un debole per le notizie inutili :-) Un saluto!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Le città divise: dove vanno turisti e residenti

Monumenti e piazze sono luoghi per chi visita. Chi vive in città, va altrove. La mappa lo dimostra
SHARE

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

La felicità è solo una formula chimica

L’approccio può sembrare troppo arido, ma la verità è questa. Chi vive nei romanzi si rassegni
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica