Blog di

di Serena Cappelli

“Vietato rifiutare il voto”: succede all'università di Bologna

Blog post del 9/04/2012

Bologna la dotta lo sarà un po' meno? Per snellire le pratiche e (in teoria) abbassare il numero di fuori corso, l'Alma Mater cerca di rendere più difficile quella che - per tutti gli studenti e gli ex-studenti - è sempre stata un po' l'ultima spiaggia: ma sì, vado, provo a fare l'esame e al massimo rifiuto il voto.

D'ora in poi, a Bologna, farlo sarà molto, molto più difficile. A Medicina, il preside di facoltà Sergio Stefoni ha inviato una nota che recita così: “Vi segnalo che non deve essere consentito agli esaminandi di rifiutare il voto una volta che sia stato attribuito dal docente”. Hai preso un diciotto stiracchiato? Affari tuoi, devi tenerlo.
Altre facoltà danno più spazio ai compromessi, ma intanto gli studenti insorgono.
Il tutto deriva, mi sembra di capire, dall'informatizzazione del sistema. Il docente corregge il compito, inserisce il voto e, da quel momento, les jeux sont faits. Almeno a Medicina. A Lettere, la preside di facoltà Carla Giovannini ha infatti proposto di convocare tutti gli studenti prima dell'inserimento definitivo, dando loro la possibilità di scegliere. Ma da Medecina replicano che gli studenti da loro sono troppi e convocarli tutti diventa infattibile.

Il discorso di base, come sempre quando si parla di università, è un discorso di soldi: meno voti rifiutati, meno tempo perso, meno laureati fuori corso, più efficienza, più finanziamenti.
Certo è che rifiutare il voto è un diritto. Costringere a prendere quello che passa in convento mi sembra un po' eccessivo, nonostante io – all'università – sia sempre stata del partito Non Si Butta Via Niente, come col maiale. Ma è sempre stata, appunto, una mia scelta.

COMMENTI /

Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 09/04/2012 - 12:36
scappelli
Apprendo ora che l'università di Bologna ha fatto marcia indietro. http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/04/09/news/universit_medicina-33003965/ La media è salva :-)
SHARE
Ritratto di Manuela Ravalli
Mar, 10/04/2012 - 00:33
Mravalli
anche all'Università Bocconi di Milano non si rifiuta
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mar, 10/04/2012 - 10:53
scappelli
@Spm @Vincent @Manuela Sto scoprendo a poco a poco di aver frequentato il paradiso del rifiuto :-) A parte gli scherzi, ho sempre creduto che rifiutare il voto fosse una prassi comune, oltre che consentita. Evidentemente mi sbagliavo. C'è da dire che nell'università dove lavoro io (la Statale di Milano) a volte sono gli stessi docenti a consigliare di ripresentarsi per non "rovinare" la media.
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 11/04/2012 - 14:26
scappelli
@Arayan e @Anonimo A questo punto non mi resta che cospargermi il capo di cenere e dirmi da sola: "Serena, che ignorante!" :)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Per Civati il nome giusto per il Colle è quello di Romano Prodi

Il professore è il candidato del dissidente del Pd

Pakistan, mega blackout nell’80% del Paese

Poco dopo la mezzanotte circa l’80% del territorio, compresa la capitale, è precipitato nel buio

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

L’origine del mondo spiegata con X-Files

Ancora alla ricerca di una teoria in grado di raccontare come è nato l’universo
Gillian Anderson racconta i vari modi con cui l’umanità ha ricostruito l’inizio della storia
SHARE

Cosa mangiate quando mangiate le patatine fritte

Un filmato mostra il processo produttivo delle patatine del McDonalds. Ci sono almeno 19 ingredienti
SHARE

Ansia e confusione, il punto di vista del soldato

Il punto di vista di un soldato durante un attacco militare
Il corto si chiama Confusion through Sand e mostra l’azione concitata di un attacco militare
SHARE

Le 36 domande per smettere di essere innamorati

Non sempre chiedere cose avvicina le persone. Anzi, spesso sapere di più può far finire la relazione
Bello l’amore, finché dura. Per evitare che finisca presto, mai (e poi mai) fare queste domande
SHARE

PRESI DAL WEB

Studente turco espulso dall’Italia: "La soluzione è il paganesimo"

"Sono pronto a farmi esplodere davanti alle ambasciate". Per questi messaggi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di procurato allarme

State of the Union: le parole usate dai presidenti americani nella storia

"Freedom" è recente, mentre "indiani" è scomparso. "Donne" si usa da pochi anni, e "Cina" ricorre a fasi alterne

Greta e Vanessa raccontate da vicino

La prigionia, la negoziazione, i “te le libero anche domani”. Il racconto di Daniele Raineri