Blog di

di Serena Cappelli

“Vietato rifiutare il voto”: succede all'università di Bologna

Blog post del 9/04/2012

Bologna la dotta lo sarà un po' meno? Per snellire le pratiche e (in teoria) abbassare il numero di fuori corso, l'Alma Mater cerca di rendere più difficile quella che - per tutti gli studenti e gli ex-studenti - è sempre stata un po' l'ultima spiaggia: ma sì, vado, provo a fare l'esame e al massimo rifiuto il voto.

D'ora in poi, a Bologna, farlo sarà molto, molto più difficile. A Medicina, il preside di facoltà Sergio Stefoni ha inviato una nota che recita così: “Vi segnalo che non deve essere consentito agli esaminandi di rifiutare il voto una volta che sia stato attribuito dal docente”. Hai preso un diciotto stiracchiato? Affari tuoi, devi tenerlo.
Altre facoltà danno più spazio ai compromessi, ma intanto gli studenti insorgono.
Il tutto deriva, mi sembra di capire, dall'informatizzazione del sistema. Il docente corregge il compito, inserisce il voto e, da quel momento, les jeux sont faits. Almeno a Medicina. A Lettere, la preside di facoltà Carla Giovannini ha infatti proposto di convocare tutti gli studenti prima dell'inserimento definitivo, dando loro la possibilità di scegliere. Ma da Medecina replicano che gli studenti da loro sono troppi e convocarli tutti diventa infattibile.

Il discorso di base, come sempre quando si parla di università, è un discorso di soldi: meno voti rifiutati, meno tempo perso, meno laureati fuori corso, più efficienza, più finanziamenti.
Certo è che rifiutare il voto è un diritto. Costringere a prendere quello che passa in convento mi sembra un po' eccessivo, nonostante io – all'università – sia sempre stata del partito Non Si Butta Via Niente, come col maiale. Ma è sempre stata, appunto, una mia scelta.

COMMENTI /

Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 09/04/2012 - 12:36
scappelli
Apprendo ora che l'università di Bologna ha fatto marcia indietro. http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/04/09/news/universit_medicina-33003965/ La media è salva :-)
SHARE
Ritratto di Manuela Ravalli
Mar, 10/04/2012 - 00:33
Mravalli
anche all'Università Bocconi di Milano non si rifiuta
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mar, 10/04/2012 - 10:53
scappelli
@Spm @Vincent @Manuela Sto scoprendo a poco a poco di aver frequentato il paradiso del rifiuto :-) A parte gli scherzi, ho sempre creduto che rifiutare il voto fosse una prassi comune, oltre che consentita. Evidentemente mi sbagliavo. C'è da dire che nell'università dove lavoro io (la Statale di Milano) a volte sono gli stessi docenti a consigliare di ripresentarsi per non "rovinare" la media.
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 11/04/2012 - 14:26
scappelli
@Arayan e @Anonimo A questo punto non mi resta che cospargermi il capo di cenere e dirmi da sola: "Serena, che ignorante!" :)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Naufragio nel Mediterraneo: secondo l’Ansa ci potrebbero essere 700 morti

L’incidente è avvenuto nella notte al largo delle coste libiche. Un’imbarcazione ha raccolto solo 28 superstiti

Germanwing, in tre mesi Lubitz consultò una decina di medici

Aumentano le prove che il co-pilota del volo Germanwings schiantatosi in Francia non fosse in grado di lavorare e ne avesse dato ripetuti segnali

Mattarella in Vaticano per visita al Papa

Il presidente è accompagnato dalla figlia Laura e da cinque nipoti

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Pericolo in cucina: i sette germi mortali

Tenere pulito può non bastare. Serve attenzione: il nemico si annida dove meno ci si immagina

La prostituzione è davvero il mestiere più antico?

L’espressione è nota. In origine fu il meretricio? Una breve ricognizione storica chiarisce la cosa

I trucchi dei supermercati per vendere di più

Vere trappole psicologiche per convincere i clienti a comprare. E nessuno se ne accorge

Gli Stati Uniti della Grande Austria, l’utopia della pace

Il progetto di ridisegnare l’impero asburgico avrebbe ridotto le tensioni. E cambiato la storia del ’900

PRESI DAL WEB

L’Economist su Renzi: “I risultati sulle riforme variabili ma incoraggianti”

Secondo il settimanale “quando la prossima settimana incontrera Obama, la posizione economica e politica di Renzi sarà la più forte da quando è al governo”