Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

Come ti normalizzo un pontificato: rimosso il monsignore anti preti pedofili

Blog post del 7/10/2012

Amoveatur sine promoveatur. Si è conclusa così la carriera vaticana di mons. Charles J. Scicluna, 53 anni, fino a ieri “promotore di giustizia” della congregazione per la Dottrina della fede, una sorta di procuratore generale dell’ex Santo Uffizio. Cordiale, una statura proverbialmente piccola, il prelato maltese si è dimostrato, in tutti questi anni, un grand’uomo. Era il funzionario della Santa Sede che perseguiva i preti pedofili. E lo ha fatto – a differenza di altri, in Vaticano e fuori – con determinazione, umanità e senza tentennamenti diplomatici. È stato lui a gestire il dossier del sacerdote messicano Marcial Maciel, il defunto fondatore dei Legionari di Cristo. Pedofilo seriale, tossicomane, padre di tre figli illegittimamente avuti da due donne diverse, abusò – è l’accusa – anche dei figli. In Vaticano, all’epoca di Giovanni Paolo II, era benvenuto e riverito. Portava vocazioni e donazioni. Solo un cardinale – lo ha rivelato il giornalista americano Jason Berry in una straordinaria inchiesta giornalistica – rifiutò la mazzetta.

Monsignor Charles J. Scicluna

Joseph Ratzinger. Salito sul trono petrino, Benedetto XVI riuscì finalmente ad aprire l’indagine canonica che era stata insabbiata negli anni precedenti. E la affidò a mons. Scicluna. Alla fine padre Maciel fu estromesso, i Legionari di Cristo commissariati. Questo e molto altro ha fatto il prelato maltese. Nel 2010 si trovò in prima linea di fronte allo scandalo degli abusi sessuali sui minori scoppiato, a macchia d’olio, nelle chiese dei paesi più disparati, Irlanda, Germania, Belgio, Olanda, Austria, di nuovo Stati Uniti, dove il caso era già esploso nel 2002, Australia, America Latina… e Italia. Scicluna, di nuovo, non le mandò a dire. Spalleggiato da Ratzinger, chiese agli episcopati più renitenti di collaborare con la giustizia civile per denunciare i preti pedofili. Lo fece anche, con veemenza, in un incontro a porte chiuse del bel convegno alla Pontificia università Gregoriana di cui ho riferito in questo blog. Fu sempre Scicluna a mettere la faccia, insieme al portavoce vaticano Federico Lombardi, in un’affollatissima conferenza stampa in Vaticano per presentare il giro di vite della normativa canonica voluto dal Papa per contrastare la piaga della pedofilia. Partita nella tensione, la conferenza stampa si sciolse grazie alle risposte puntuali di Lombardi e Scicluna. In Vaticano – fu l’impressione pressoché unanime dei giornalisti accreditati – c’è chi ha finalmente preso sul serio il dramma. Il procuratore generale della Santa Sede non schivò le polemiche. In una arcinota intervista concessa nel 2010 al quotidiano della Cei Avvenire, senza mezzi termini, affermò: “Ciò che mi preoccupa è una certa cultura del silenzio che vedo ancora troppo diffusa nella Penisola”. Apriti cielo. Il Vaticano attacca la Cei. Passa qualche mese, la Santa Sede chiede a tutti gli episcopati del mondo di compilare nuove linee-guida anti-pedofilia e consegnarle entro maggio scorso. La Cei nicchia, pubblica un documento minimale, e Scicluna, di nuovo lui, alza la voce. Lo fa in una coraggiosa intervista al mensile Jesus di cui ho riferito in questo blog. Non se la prende solo con l’Italia. Dice che molte linee-guida ancora mancano all’appello. Spiega che alcuni dei documenti recapitati in Vaticano sono insufficienti. Ieri, sommersa dal rumore della conclusione del processo al maggiordomo del Papa, la notizia clamorosa (anticipata il giorno prima da Vatican Insider). Mons. Scicluna è stato nominato vescovo “ausiliare” di Malta. Non promosso in Curia, non vescovo titolare, neppure coadiutore con il diritto alla successione. Da responsabile del team anti-pedofili della Chiesa cattolica mondiale e funzionario di basso rango a La Valletta. Rimosso senza essere stato neppure promosso.

La Santa Sede non ha spiegato la decisione. Che è – beninteso – una decisione del papa. Ovviamente non sappiamo se aveva buoni motivi per rimandare Scicluna a Malta. Ma la mossa sconcerta. Così come lascia interdetti l’epilogo di una vicenda completamente diversa. La trattativa con i Lefebvriani. Lungi da me rammaricarmi del fatto che, alla fine, gli ultratradizionalisti non rientreranno in seno alla chiesa cattolica. Non si può non rilevare, però, che a questo obiettivo Ratzinger, negli anni scorsi, ha lavorato strenuamente. Era – come il contrasto alla pedofilia – uno dei tratti caratterizzanti di questo pontificato. Strategia sovrana. Linea di governo. Parte di un disegno più complesso, a cui Benedetto XVI si è dedicato sin dall’inizio, teso a reinterpretare il Concilio vaticano II e la sua eredità. Anche qui, come nel caso della pedofilia – e per motivi affatto diversi – Ratzinger è stato contestato, da personalità di Curia e episcopati nazionali, funzioari vaticani ed osservatori esterni. Alla fine, i Lefebvriani non entreranno. Il nuovo prefetto della Dottrina della fede, mons. Gerhard Ludwig Mueller, ha annunciato, alla vigilia del cinquantesimo anniversario dell’apertura del Concilio, che non ci saranno ulteriori trattative. Punto, finito, tempo scaduto. Mons. Guido Pozzo, triestino, uomo di fiducia di Ratzinger nel negoziato durato anni, è già destinato a lasciare il posto di segretario della pontificia commissione Ecclesia dei per divenire cerimoniere pontificio. Un altro capitolo del pontificato Ratzinger si chiude.

E si chiude mentre viene condannato, con pena “mite” di diciotto mesi di reclusione che verranno presto condonati dalla grazia papale, il maggiordomo Paolo Gabriele. Personalità complessa, mosso dall’intento delirante di aiutare il papa tradendone la fiducia. Facendo filtrare ai giornalisti italiani – e in particolare a Gianluigi Nuzzi, che ne ha fatto il bestseller Sua Santità – documenti riservati della Santa Sede e dossier personali del papa. Colpisce, di tutta la vicenda, il movente addotto dall’ex assistente di camera del Pontefice. “Vedendo male e corruzione dappertutto nella chiesa, sono arrivato negli ultimi tempi, quelli della degenerazione, ad un punto di non ritorno. Ero sicuro che uno choc, anche mediatico, avrebbe potuto essere salutare per riportare la Chiesa nel suo giusto binario”, ha detto nell’istruttoria. Poi, nella deposizione durante il processo: "A volte, quando sedevamo a tavola, il Papa faceva domande su cose di cui doveva essere informato”. Ancora: “Ho maturato la convinzione che è facile manipolare la persona che ha un potere decisionale così importante”. E infine, nella testimonianza conclusiva che ha reso ieri prima della sentenza: “La cosa che sento forte dentro di me è la convinzione di aver agito per esclusivo amore, viscerale direi, per la Chiesa di Cristo e per il suo capo visibile. E' questo che mi sento. E se lo devo ripetere, non mi sento un ladro”. Propositi deliranti. Evocati, suggeriti, inculcati, molto probabilmente, dalle tante persone con cui Paolo Gabriele parlava ogni giorno. Uscieri, cittadini vaticani, monsignori, cardinali. Nessuno si è spinto tanto in là da trafugare documenti e rivelare segreti di Stato. Ma tutti convinti della stessa cosa. Che il papa è rimasto solo.

COMMENTI /

Ritratto di latinorum
Dom, 07/10/2012 - 12:03
latinorum
Attenzione all'uso del latino: lei avrebbe voluto dire " sia rimosso oppure promosso" In ogni caso è errato il SINE, senza; forse doveva usare SIVE-ossia, oppure. Comunque, dispiace quando una bella apertura d'articolo deve poi far indugiare sull'errore e non sul contenuto.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 07/10/2012 - 13:12
Anonimo
Si dimentica molto il grande e infaticabile don Fortunato Di Noto...
SHARE
Ritratto di ANDREA
Dom, 07/10/2012 - 13:29
ANDREA
La chiesa non mi convince piu' anzi il nominarla mi turba l'animo........non Gesu' Cristo pero' e la sua parola andata persa per colpa del potere e abusi,fatti usando la sua parola di giustizia ingannando le masse sopratutto di poveri e bisognosi.
SHARE
Ritratto di real100
Mer, 14/11/2012 - 18:34
real100
Sin da piccolo ho sempre avuto dei dubbi sulla chiesa e sul motivo che spingeva le parsone a seguire la "propria" vocazione.Purtroppo anche il tuo caro Vangelo non brilla di lealtà: 16 erano i vangeli. Sono stati usati e manipolati perchè era la povera gente di allora che chiedeva di ascoltare la parola di Gesù e di conseguenza sono stati scelti i 4 vangeli odierni poichè più ricchi di materiale. Naturalmente nei secoli sono stati adattati alle esigenze del periodo. Se fai una ricerca vedrai che forse il 60 % di degli scritti sono originali( forse già lo sai che sono stati ciscritti circa tra gli 80 e i 140 anni dopo la morte di Gesù).
SHARE
Ritratto di mariateresa
Dom, 07/10/2012 - 13:36
mariateresa
Abbia pazienza ma se scrive "Ovviamente non sappiamo se aveva buoni motivi per rimandare Scicluna a Malta." perchè ha scritto l'articolo? Solo perchè è sconcertato? Non so ma francamente prima di insinuare bisognerebbe trovare uno straccio di argomento a sostegno dei propri sconcerti. Vedo sulla rete alcuni commentatori che non sanno nemmeno di sguercio chi sia Scicluna e men che meno ne hanno mai lodato l'opera, manifestare sdegno e preoccupazione. Insomma, è proprio necessario parlare di normalizzazione quando non si conosce nulla nel merito? un lettore comune si chiede se è obbligatorio portare sempre su ogni questione un contributo personale di letame. Non che il letame non esista. Magari.
SHARE
Ritratto di Alessia
Dom, 07/10/2012 - 13:43
Alessia
Diciamo che Mons. Scicluna ha terminato la sua missione. Adesso la responsabilità di gestire la questione pedofilia è passata agli episcopati con annessi onori, oneri e relative responsabilità. Le linee guida sono chiare, devono solo essere rispettate. Credo che le vittime maltesi siano felici e si sentano rassicurate ad averlo come vescovo ausiliare e un giorno, perché no, vescovo e cardinale. Non facciamo dietrologie che, probabilmente, non hanno ragione di essere, caro Iacopo. Concordo con anonimo, non dimentichiamo il grande e infaticabile Don Di Noto. Alessia
SHARE
Ritratto di enzobabbus
Lun, 08/10/2012 - 10:04
enzobabbus
Come mai nelle gerarchie ecclesiastiche se, per caso, spunta un personaggio che vuol fare un po' di pulizia viene subito emarginato? Ho l'impressione che si straparli sempre di Gesù Cristo, ma poi si faccia del tutto per ignorare i suoi insegnamenti che sconvolgerebbero il modus vivendi di tantissimi grandi esponenti gerarchi del Cattolicesimo. Enzo Tonelli
SHARE
Ritratto di mariateresa
Lun, 08/10/2012 - 14:25
mariateresa
viene subito emarginato? ma mi sembra che Scicluna fosse in carica dal 1997!! Non stiamo cucinando un pentolone di luoghi comuni?
SHARE
Ritratto di Alessia
Lun, 08/10/2012 - 16:43
Alessia
Dal 1995, per la precisione. Sempre agli ordini e sotto la guida dell'allora card. Ratzinger. Dopo 17 anni non pensi, enzo tonelli, che si meriti un salutare cambiamento di ambiente e prospettive o è giusto rimanga immerso a vita nella cacca? Inoltre, pare abbia espresso al Papa il desiderio di tornare in patria per avvicinarsi alla sua famiglia. Ti sembra così assurdo, così incredibile? Già, meglio gridare al "gomblotto".
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Riforme, nessuna intesa: Sel non ritira gli emendamenti

Nulla di fatto, per ora, nella conferenza dei capigruppo del Senato convocata sul tema delle riforme

Inchiesta Matacena, antimafia chiede giudizio immediato per ex ministro Scajola

E' accusato di aver favorito la latitanza dell'ex deputato del Pdl
Il mattino ha l’oro in bocca

Otto consigli per diventare mattinieri e produttivi

Dormite poco e male? Un problema. Per riposarsi serve cambiare abitudini, con drastica disciplina
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE

Ecco le parole da non scrivere mai in una lettera

Per non annoiare chi vi legge, o rischiare di non essere chiari meglio cercare soluzioni alternative
SHARE
La macchina della verità

I siti per scoprire se questo articolo è stato copiato

Getty Images
Cinque programmi per trovare chi plagia: basta inserire un testo e iniziare la ricerca dei furbetti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le ultime parole di Giorgio Faletti: «Sono l'uomo più fortunato del mondo»

L'intervista a Roberta la moglie dello scrittore scomparso

Saveyourselfie, una campagna avverte: i troppi selfie vi faranno sparire

Il video diretto da Alessio Fava che con toni drammatici ma chiaramente ironici, mette in guardia dai 'rischi' dei selfie

Calcio, Tavecchio al finto Moggi: “Amico mio, me ne fanno di tutti i colori”

Nuovo scherzo realizzato dallo staff de “La Zanzara”, su Radio24, con l’imitatore Andro Merku, che stavolta, nei panni di un finto Luciano Moggi