Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

Se Ratzinger non è ratzingeriano

Blog post del 13/03/2012
Parole chiave: 

Un effetto sicuro, ancorché non automatico, delle recenti fughe di notizie dai palazzi vaticani, ribattezzate Vatileaks, è che, ora, si parla apertamente di dimissioni del papa. Lungi da me pensare che parlarne sia inopportuno. Non tanto perché proprio su questo irrilevante blog ho scritto della salute del papa, e delle sue implicazioni, prima ancora che i documenti riservati vaticani finissero sui giornali, quanto perché lo stesso Benedetto XVI non ha escluso un “gran rifiuto” in un ormai arcinoto passaggio di Luce del mondo. Quel che colpisce, ora, è che a ipotizzare, quasi a caldeggiare, le dimissioni di Ratzinger sono alcuni ratzingeriani della prim’ora.

Giuliano Ferrara, sul Foglio, ha parlato del “gesto sovrano e papocentrico delle dimissioni” con il quale Benedetto XVI rilancerebbe le idee del suo Pontificato. Antonio Socci, su Libero, ha aggiunto che, dimettendosi, Ratzinger tornerebbe a ricoprire la carica di decano del collegio cardinalizio, e si troverebbe così a “orientare assai autorevolmente la scelta del suo successore”.

Fu proprio Socci a rilanciare per primo, sempre su Libero, l’idea di dimissioni tracciata dal papa nel libro-intervista con Peter Seewald. Era il 25 settembre scorso, due giorni prima Benedetto XVI, in partenza per la Germania, aveva inviato a Giorgio Napolitano un telegramma nel quale auspicava “un sempre più intenso rinnovamento etico per il bene della diletta Italia”. Il messaggio fu interpretato, con l’avallo del Vaticano, come l’estrema unzione di un berlusconismo pericolante per gli scandali delle notti ardenti di Arcore. Il successivo 16 novembre Silvio Berlusconi rassegnò le dimissioni nelle mani di Napolitano. Ora sarebbe ridicolo pensare che i giornali vicini all’ex premier usassero la storia delle dimissioni del papa, mesi fa, come un avvertimento o la usino, oggi, come una vendetta per le dimissioni di Berlusconi. Troppo autorevoli, Ferrara e Socci, e troppo autonomi per un giochino del genere. Basta leggere i loro articoli per capire che il loro ragionamento è di altra natura. La caduta di Berlusconi, però, ha fatto emergere una scollatura all’interno del mondo ecclesiale, che forse oggi si riverbera anche sulle pagine dei giornali. Vescovi e cardinali legati per anni al Cavaliere erano gli stessi che nei primi anni del Pontificato tifavano per Ratzinger. Poi qualcosa è cambiato. Forse non avrebbero mollato Berlusconi come ha fatto il Vaticano di Ratzinger. Sicuramente il loro entusiasmo per Benedetto XVI è scemato nel corso del tempo. Puntavano su un pontefice-teologo, modernissimo perché tradizionalista, contro-culturale, intellettuale a costo di provocazioni e incomprensioni su temi scomodi come l’islam o l’aborto. E hanno scoperto, con gli anni, un papa-pastore, pronto a confessioni umili come quella di Luce del mondo, integerrimo ma non per questo intransigente, fermamente convinto che lo scandalo della pedofilia non vada minimizzato né accollato ad un complotto anti-cattolico, incline a nomine più dettate dalla sintonia personale che da quella ideale, nemico degli eretici, ma anche dei faccendieri. Forse Benedetto XVI non è più il campione di chi nel 2005 lo elesse, e oggi è diventato impaziente per la sua successione. Forse il papa ha amici e nemici diversi da quelli che si pensava. Forse Ratzinger non è ratzingeriano.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Delitto Kercher: i documenti sul rapporto tra Amanda e uno spacciatore di coca

Nuova pista nel giallo di Perugia: la Knox aveva amicizie molto pericolose

Cassa Depositi e prestiti ha approvato la vendita del 35% di Cdp Reti ai cinesi

Ceduto per un corrispettivo non inferiore a 2,101 miliardi di euro a State Grid International Development Limited

Come mantenere alta la produttività anche in estate

Qualche suggerimento utile per gestire al meglio i ritmi lavorativi durante la bella stagione
SHARE
La tabella

Caffeina killer: quanti caffè bisogna bere per morire?

Questo sito permette di calcolare in base al peso il numero di tazzine (o di tazze di tè) necessario
SHARE

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cina, la lotta del “Quotidiano del popolo” contro i cani: “moda occidentale”

Il giornale governativo parla di “infestazione” dovuta a “influenze occidentali”, e di “crescita allarmante” e si scaglia contro l’incuria dei padroni. Dal Wsj

Cameron taglia i benefit europei per migranti, bambini e disoccupati

Il primo ministro inglese lancia una stretta ai sussidi di disoccupazione per i migranti che si trasferiscono in Gran Bretagna

"L'Unità" chiude e per l'ultima copia il quotidiano di Gramsci va in bianco

La redazione della storica testata ex Pci sceglie di non compilare le pagine interne e di pubblicare un giornale quasi completamente senza testo