Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

Se Ratzinger non è ratzingeriano

Blog post del 13/03/2012
Parole chiave: 

Un effetto sicuro, ancorché non automatico, delle recenti fughe di notizie dai palazzi vaticani, ribattezzate Vatileaks, è che, ora, si parla apertamente di dimissioni del papa. Lungi da me pensare che parlarne sia inopportuno. Non tanto perché proprio su questo irrilevante blog ho scritto della salute del papa, e delle sue implicazioni, prima ancora che i documenti riservati vaticani finissero sui giornali, quanto perché lo stesso Benedetto XVI non ha escluso un “gran rifiuto” in un ormai arcinoto passaggio di Luce del mondo. Quel che colpisce, ora, è che a ipotizzare, quasi a caldeggiare, le dimissioni di Ratzinger sono alcuni ratzingeriani della prim’ora.

Giuliano Ferrara, sul Foglio, ha parlato del “gesto sovrano e papocentrico delle dimissioni” con il quale Benedetto XVI rilancerebbe le idee del suo Pontificato. Antonio Socci, su Libero, ha aggiunto che, dimettendosi, Ratzinger tornerebbe a ricoprire la carica di decano del collegio cardinalizio, e si troverebbe così a “orientare assai autorevolmente la scelta del suo successore”.

Fu proprio Socci a rilanciare per primo, sempre su Libero, l’idea di dimissioni tracciata dal papa nel libro-intervista con Peter Seewald. Era il 25 settembre scorso, due giorni prima Benedetto XVI, in partenza per la Germania, aveva inviato a Giorgio Napolitano un telegramma nel quale auspicava “un sempre più intenso rinnovamento etico per il bene della diletta Italia”. Il messaggio fu interpretato, con l’avallo del Vaticano, come l’estrema unzione di un berlusconismo pericolante per gli scandali delle notti ardenti di Arcore. Il successivo 16 novembre Silvio Berlusconi rassegnò le dimissioni nelle mani di Napolitano. Ora sarebbe ridicolo pensare che i giornali vicini all’ex premier usassero la storia delle dimissioni del papa, mesi fa, come un avvertimento o la usino, oggi, come una vendetta per le dimissioni di Berlusconi. Troppo autorevoli, Ferrara e Socci, e troppo autonomi per un giochino del genere. Basta leggere i loro articoli per capire che il loro ragionamento è di altra natura. La caduta di Berlusconi, però, ha fatto emergere una scollatura all’interno del mondo ecclesiale, che forse oggi si riverbera anche sulle pagine dei giornali. Vescovi e cardinali legati per anni al Cavaliere erano gli stessi che nei primi anni del Pontificato tifavano per Ratzinger. Poi qualcosa è cambiato. Forse non avrebbero mollato Berlusconi come ha fatto il Vaticano di Ratzinger. Sicuramente il loro entusiasmo per Benedetto XVI è scemato nel corso del tempo. Puntavano su un pontefice-teologo, modernissimo perché tradizionalista, contro-culturale, intellettuale a costo di provocazioni e incomprensioni su temi scomodi come l’islam o l’aborto. E hanno scoperto, con gli anni, un papa-pastore, pronto a confessioni umili come quella di Luce del mondo, integerrimo ma non per questo intransigente, fermamente convinto che lo scandalo della pedofilia non vada minimizzato né accollato ad un complotto anti-cattolico, incline a nomine più dettate dalla sintonia personale che da quella ideale, nemico degli eretici, ma anche dei faccendieri. Forse Benedetto XVI non è più il campione di chi nel 2005 lo elesse, e oggi è diventato impaziente per la sua successione. Forse il papa ha amici e nemici diversi da quelli che si pensava. Forse Ratzinger non è ratzingeriano.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Termini Imerese, ecco il piano: componenti e auto, investimenti di 300 milioni

Auto ibride, saranno prodotti due modelli entro giugno/settembre 2018. L'assorbimento occupazionale è previsto per circa 800 lavoratori

È morto Joe Cocker

Aveva 70 anni, era malato da tempo

Pubblicità ingannevole: dall’Antitrust mezzo milione di multa a Tripadvisor

Le motivazioni: claim che enfatizzano la genuinità dei commenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni

Le cose più assurde di un paese assurdo

Dal grandioso esercito alle spese in Cognac del fu Caro Leader, qualche dato sulla Corea del Nord
SHARE

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Arte da nevrotici, quando l’ordine prevale su tutto

L’artista svizzero cerca di dare un ordine al caos del mondo: tentativo provocatorio ma interessante
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori