Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

In Vaticano c’è un tedesco che ha archiviato l’era Wojtyla, ma non è Ratzinger

Blog post del 28/07/2012
Parole chiave: 

Si chiama Gerhard Ludwig Mueller, ha 64 anni, è un colosso di quasi due metri, e il papa lo ha nominato lo scorso due luglio prefetto della congregazione per la Dottrina della fede. Viene contestato dai lefebvriani, tra l’altro, per lo stesso motivo per cui sant’Ignazio di Loyola, cinque secoli fa, rischiò di scannare un miscredente. A raccontare l’episodio è lo stesso fondatore dei gesuiti che, nell’autobiografia Il racconto del pellegrino, racconta, parlando di sé in terza persona, di quando incontrò per strada un moro. “Si misero a conversare e il discorso cadde su nostra Signora. Il moro sosteneva che, certo, la Vergine aveva concepito senza intervento d'uomo; ma che avesse partorito restando vergine, questo non lo poteva ammettere; e a sostegno di ciò adduceva i motivi naturali che gli si presentavano alla mente. Da questa opinione il pellegrino (sant’Ignazio, ndr.), per quanti argomenti portasse, non riuscì a smuoverlo. Poi il moro si allontanò velocemente, tanto che lo perse di vista; ed egli rimase pensieroso, riflettendo su quanto era intervenuto con quell'uomo. E insorsero in lui impulsi che gli provocavano un senso di scontentezza sembrandogli di aver mancato al suo dovere, e lo movevano a sdegno contro il moro. Gli pareva di aver fatto male a permettere che egli facesse quelle affermazioni su nostra Signora, e di essere obbligato a difenderne l'onore. Gli veniva voglia di andarlo a cercare e di prenderlo a pugnalate per le affermazioni che aveva fatto”. Alla fine sant’Ignazio desistette. Non così i lefebvriani, che sono andati a scovare un passaggio della Dogmatica cattolica di Mueller per accusarlo, sostanzialmente, di essere un eretico cripto-protestante: il nuovo prefetto dell’ex Sant’Uffizio, hanno scritto i seguaci di Marcel Lefebvre in una nota, “nega il dogma della verginità di Maria. Per lui la verginità non ha a che fare con le ‘caratteristiche fisiologiche nel processo naturale della nascita di Gesù (come la non-apertura della cervice, l’incolumità dell’imene o l’assenza di doglie), ma con l’influsso salvifico e redentore della grazia di Cristo per la natura umana’”. La controversia è sottile, ben più teologica che fisiologica, apparentemente anacronistica, ma mostra, inequivocabilmente, che con il nuovo responsabile dell’ortodossia cattolica scelto da Ratzinger, le polemiche tornano a ruotare attorno ai fondamentali della fede.

Non che in passato la Santa Sede non si occupasse delle questioni di fede. Ma, soprattutto con il pontificato di Giovanni Paolo II, molta attenzione è stata assorbita da altri problemi, a partire dalla politica. Karol Wojtyla passerà alla storia per essere stato un profeta, forse, prima o poi, un santo, sicuramente un gigante della sua epoca. Uno dei principali nemici del comunismo e dell’Unione sovietica, se non il suo avversario più efficace. Sulla linea dell’anticomunismo wojtyliano si sono coagulate alleanze sociali, strategie geopolitiche, focalizzazioni pastorali, nonché flussi di finanziamento che – dall’Occidente all’Oriente, passando non di rado dallo Ior – foraggiarono la resistenza dei cattolici di oltrecortina. Defunto il maestoso pontefice polacco, archiviata la sua corte variopinta, non senza resistenze e colpi di coda, chiusa la lunga e drammatica parentesi della guerra fredda, eletto al soglio petrino Joseph Ratzinger, la Santa Sede è tornata ad occuparsi, principalmente, di teologia e liturgia, peccato e virtù, vita di Gesù e eredita del Concilio vaticano II. Insomma, della fede cattolica.

E la sostituzione del grigio cardinale statunitense William Levada con Gerhard Ludwig Mueller – amico personale del papa, confidente del fratello, sinora arcivescovo della città tedesca d’adozione della famiglia Ratzinger – sancisce che un’epoca, quella wojtyliana, è definitivamente tramontata. E con lei – almeno questa sembra l’intenzione – vanno in soffitta le polarizzazioni ideologiche che hanno intriso gli ultimi trent’anni di storia ecclesiale. Accusato in Germania di essere un conservatore, temuto come un teologo della liberazione dalla destra della Curia romana (che prima della nomina ha fatto circolare fino all’ultimo l’accusa di eterodossia poi abbracciata entusiasticamente dai tradizionalisti), Mueller, nei prossimi mesi, dovrà affrontare più di un dossier spinoso. Si dovrà occupare di concludere – o sotterrare – il negoziato con i lefebvriani, con i quali già in passato ha avuto più di un attrito e ai quali, di fronte all’accusa di eresia, ha risposto senza giri di parole: “Non devo rispondere a ogni stupidaggine”. Dovrà gestire i postumi dello scontro dei mesi scorsi tra il Vaticano e le suore statunitensi. Dovrà proseguire nella delicatissima politica di contrasto alla pedofilia dei preti. In un’intervista all’Osservatore romano del 26 luglio, ad ogni modo, ha chiarito: “I problemi che ci si prospettano sono molto grandi se guardiamo alla Chiesa universale, con le molte sfide che occorre affrontare e di fronte a un certo scoramento che si sta diffondendo in alcuni ambienti ma che dobbiamo superare. Abbiamo anche il problema di gruppi — di destra o di sinistra, come si usa dire — che occupano molto del nostro tempo e della nostra attenzione. Qui nasce facilmente il pericolo di perdere un po’ di vista il nostro compito principale, che è quello di annunciare il Vangelo e di esporre in modo concreto la dottrina della Chiesa. Siamo convinti che non esista alternativa alla rivelazione di Dio in Gesù Cristo. La Rivelazione risponde alle grandi domande degli uomini di ogni tempo. Qual è il senso della mia vita? Come posso affrontare la sofferenza? Esiste una speranza che va oltre la morte, visto che la vita è breve e difficile?”.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi