Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

Vatilandia tra Italia e mondo

Blog post del 18/02/2012
Parole chiave: 

Vatilandia è un luogo molto particolare. Confina, da un lato, con l’Italia, uno strapaese alla provincia dell’impero e, dall’altro, con il mondo globalizzato. A Vatilandia c’è Vatileaks. Si tratta di una fuga di notizie quasi quotidiana a metà tra Wikileaks e il pettegolezzo di una bottega di parrucchiera.

In bilico tra questi due mondi, Vatilandia vive di contraddizioni. Due acuti osservatori non italiani di cose vaticane, John Allen e Frederic Mounier, hanno colto l’aspetto italo-italiano delle ultime fughe di notizie. L’opinionista statunitense del National Catholic Reporter ha ironizzato sulla “Italian soap opera”, mentre il corrispondente francese della Croix a Roma ha sottolineato che “il Vaticano è in Italia. Per questo l’interpenetrazione delle qualità e dei difetti di queste due culture è intima”. Giornali tedeschi come la Sueddeutsche Zeitung e lo Spiegel si avventurano nel racconto degli intrighi emersi dai documenti riservati pubblicati dalla trasmissione Gli intoccabili e dal Fatto quotidiano solo dopo aver premesso che “i media italiani” se ne occupano da settimane. Non è infondato pensare, peraltro, che le fughe di notizie siano accelerate con il controverso tentativo del cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone di mettere le mani sull’ospedale milanese San Raffaele, una storia molto italiana. A riprova del fatto che Vatilandia confina con l’Italia, infine, il Concistoro celebrato sabato dal Papa in San Pietro ha rafforzato il “partito romano” del collegio cardinalizio con la promozione di sette italiani e nove curiali. Se il Conclave si tenesse domani, gli italiani avrebbero la maggioranza relativa con un corposo pacchetto di trenta voti. A dispetto dello spostamento del baricentro della Chiesa cattolica mondiale verso il sud del mondo (America latina, Africa, Asia meridionale), al Concistoro sono stati creati cardinali solo un brasiliano, due asiatici e nessun africano.

Eppure, l’italianizzazione di Vatilandia procede quanto più il Palazzo apostolico si integra nel mondo globalizzato. I nodi di uno Ior che resiste a diventare una banca normale, ad esempio, vengono al pettine proprio perché Vatilandia non è più un posto italiano. Certo, il pressing sull’istituto guidato da Ettore Gotti Tedeschi nei mesi scorsi è venuto dalla procura di Roma e dalla Banca d’Italia. Ma le pressioni sarebbero andate a vuoto (come qualche richiesta di rogatoria in passato) se, con l’ingresso nell’euro, l’Unione europea e la Banca centrale europea non avessero acquisito un potere vincolante sulla circolazione della moneta nello Stato della Città del Vaticano. E le raccomandazioni dei diversi organismi internazionali che monitorano da mesi le norme anti-riciclaggio adottate all’interno delle mura Leonine – Moneyvall, Fatf (Financial Action Task Force), Oecd, Consiglio d’Europa – avrebbero scarso impatto se Vatilandia non investisse nei mercati internazionali, non avesse rapporti finanziari con il resto del mondo, non avesse bisogno di rassicurare la City con interventi sul Financial Times, o, mutuando dalla finanza islamica, non si fosse lanciata mesi fa in operazioni transnazionali come lo Stoxx Europe Christian Index. Se, insomma, non fosse un luogo molto particolare, confinante sì con uno strapaese un po’ provinciale, ma aperto ad un mondo dove, peraltro, i cattolici crescono molto più che in Italia. E da dove, in futuro, può venire il prossimo Papa.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Nichi Vendola: «Oggi non è rinato il Centrosinistra»

L'ha detto ai microfoni di La7, aggiungendo «Oggi è un giorno importante perché un uomo per bene è diventato Presidente della Repubblica»

Merkel chiude la porta alla Grecia: “nessun nuovo taglio del debito”

La Cancelliera tedesca: “c'è già stato un condono volontario del debito, non vedo una nuova riduzione”

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

La moderna e pericolosa passione per lo smartphone

Si cammina sempre di più a capo chino per guardare mail e notifiche. E ci si perde il mondo accanto
SHARE

Mandiamo le star a lavorare in Cambogia

Non è un inno contro le persone famose, ma il concept di un reality norvegese. Che funziona bene
SHARE

Votate Seggio Mattarella, il finto profilo su Twitter

Il fake twitter di Sergio Mattarella
Commenta, scherza, si sfrega le mani in attesa della vittoria. E lancia già i primi moniti
SHARE

Orgoglio e Pregiudizio, spiegato in un grafico

Il testo di Orgoglio e Pregiudizio, nelle celebrazioni del 200 compleanno di Jane Austen
L’orgoglio di Elizabeth e i pregiudizi di Darcy si scontrano e danno materia alla trama del libro
SHARE

PRESI DAL WEB

Sigarette: l’alternativa si chiama TJU, il chewing gum che sa di tabacco

Dopo l’exploit della sigaretta elettronica e i vaporizzatori, una joint-venture tra l’americana Altria e la danese Okono

La classifica delle droghe che causano più morti in America

Le tre sostanze che causano più morti all'anno negli Stati Uniti, infatti, sono completamente legali: sono l'alcool, il tabacco e gli antidolorifici oppiacei