Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

Vatilandia tra Italia e mondo

Blog post del 18/02/2012
Parole chiave: 

Vatilandia è un luogo molto particolare. Confina, da un lato, con l’Italia, uno strapaese alla provincia dell’impero e, dall’altro, con il mondo globalizzato. A Vatilandia c’è Vatileaks. Si tratta di una fuga di notizie quasi quotidiana a metà tra Wikileaks e il pettegolezzo di una bottega di parrucchiera.

In bilico tra questi due mondi, Vatilandia vive di contraddizioni. Due acuti osservatori non italiani di cose vaticane, John Allen e Frederic Mounier, hanno colto l’aspetto italo-italiano delle ultime fughe di notizie. L’opinionista statunitense del National Catholic Reporter ha ironizzato sulla “Italian soap opera”, mentre il corrispondente francese della Croix a Roma ha sottolineato che “il Vaticano è in Italia. Per questo l’interpenetrazione delle qualità e dei difetti di queste due culture è intima”. Giornali tedeschi come la Sueddeutsche Zeitung e lo Spiegel si avventurano nel racconto degli intrighi emersi dai documenti riservati pubblicati dalla trasmissione Gli intoccabili e dal Fatto quotidiano solo dopo aver premesso che “i media italiani” se ne occupano da settimane. Non è infondato pensare, peraltro, che le fughe di notizie siano accelerate con il controverso tentativo del cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone di mettere le mani sull’ospedale milanese San Raffaele, una storia molto italiana. A riprova del fatto che Vatilandia confina con l’Italia, infine, il Concistoro celebrato sabato dal Papa in San Pietro ha rafforzato il “partito romano” del collegio cardinalizio con la promozione di sette italiani e nove curiali. Se il Conclave si tenesse domani, gli italiani avrebbero la maggioranza relativa con un corposo pacchetto di trenta voti. A dispetto dello spostamento del baricentro della Chiesa cattolica mondiale verso il sud del mondo (America latina, Africa, Asia meridionale), al Concistoro sono stati creati cardinali solo un brasiliano, due asiatici e nessun africano.

Eppure, l’italianizzazione di Vatilandia procede quanto più il Palazzo apostolico si integra nel mondo globalizzato. I nodi di uno Ior che resiste a diventare una banca normale, ad esempio, vengono al pettine proprio perché Vatilandia non è più un posto italiano. Certo, il pressing sull’istituto guidato da Ettore Gotti Tedeschi nei mesi scorsi è venuto dalla procura di Roma e dalla Banca d’Italia. Ma le pressioni sarebbero andate a vuoto (come qualche richiesta di rogatoria in passato) se, con l’ingresso nell’euro, l’Unione europea e la Banca centrale europea non avessero acquisito un potere vincolante sulla circolazione della moneta nello Stato della Città del Vaticano. E le raccomandazioni dei diversi organismi internazionali che monitorano da mesi le norme anti-riciclaggio adottate all’interno delle mura Leonine – Moneyvall, Fatf (Financial Action Task Force), Oecd, Consiglio d’Europa – avrebbero scarso impatto se Vatilandia non investisse nei mercati internazionali, non avesse rapporti finanziari con il resto del mondo, non avesse bisogno di rassicurare la City con interventi sul Financial Times, o, mutuando dalla finanza islamica, non si fosse lanciata mesi fa in operazioni transnazionali come lo Stoxx Europe Christian Index. Se, insomma, non fosse un luogo molto particolare, confinante sì con uno strapaese un po’ provinciale, ma aperto ad un mondo dove, peraltro, i cattolici crescono molto più che in Italia. E da dove, in futuro, può venire il prossimo Papa.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Grecia, confronto di piazza fra No e Sì. Tsipras: “tagliate il debito del 30%”

Il premier greco: “Oggi è la festa della democrazia, che ritorna in Europa”. Banche: da lunedì liquidità a rischio

Sondaggio Bloomberg: l’81% dei greci vuole restare nell’Euro

Sul referendum di domenica 5 luglio, il Paese diviso a metà

Tremonti-Finmeccanica, il Senato: «All’epoca dei fatti non era ministro»

Palazzo Madama rigetta la tesi del reato ministeriale ipotizzata dalla Procura di Milano: «Siamo incompetenti sul caso». La palla torna a Palazzo di Giustizia

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

La campagna turistica pro-Tunisia, per far dimenticare la paura

Dopo gli attacchi al Bardo e al resort di Sousse le prenotazioni sono crollate. La Tunisia è in difficoltà. E c’è chi reagisce così

Quando per vedere l’Inferno di Dante si andava al cinema

Fu il primo vero lungometraggio (muto) italiano. Tema classico, ma con alcune variazioni. Fu un successo epocale

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

Non solo riconoscimento facciale: Facebook saprà chi siete anche di spalle

Il nuovo algoritmo, ancora in fase sperimentale, ha dato risultati convincenti. Su 40mila immagini, ha azzeccato l’83%. Privacy a rischio?

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale