Blog di

di Federico Sperindei

Habemus Papam, cardinali in gita di classe (e troppo simpatici)

Blog post del 9/05/2011

L’ironia sorniona di Nanni Moretti, che in Habemus Papam si diverte tantissimo a trattare i cardinali in Vaticano come una scolaresca in gita di classe (diremmo una prima media, visto che non sono abbastanza autonomi nemmeno per farsi una canna, ma al massimo per prendere psicofarmaci messi in valigia dalla mamma) risponde a una strategia psicologica precisa che soddisfa non tanto l’esigenza di traumatizzare il pubblico quanto l’impulso all’auto-terapia del regista: la demitizzazione del nemico. È un po’ – fatti distinguo e proporzioni  – ciò che la cronaca del Bunga Bunga fa con l’altro nemico dello stesso Moretti: ridurlo all’immagine di povero vecchio patetico privo di autocontrollo, altro che grande manipolatore di popoli e legislature. Si regalano attimi di godimento ai detrattori che vogliono sentirsi umanamente e intellettivamente superiori.

Peccato che, nell’uno o nell’altro caso, si finisca anche per attribuire all’oggetto della critica un colore di caricatura che lo fa apparire tutto sommato innocuo su larga scala, mentre ci si dimentica di analizzare davvero gli effetti devastanti dei suoi contraddittori (chiamiamoli così) atti ufficiali. Certo proviamo un certo sollievo, noi che temevamo che i cardinali fossero giorno e notte impegnati in manovre subdole per sfruttare economicamente e politicamente la fede dei credenti, nel constatare che in fondo non hanno bisogno d’altro che un torneo di pallavolo e un buon cappuccino. E certo, è comprensibile l’intento di Moretti che da sempre cerca nella sottolineatura del tragicomico il mezzo per denunciare, senza apparire aggressivo e fazioso oltremisura, l’equivoco di certi regimi. Ma il risultato, volontario o no, è che i regimi in questione finiscono per farci meno paura, troppo poca, fino al rischio di sottovalutarli, perché per i cardinali affetti da regressione adolescenziale riusciamo a provare compatimento, forse, ma non riusciamo a farceli stare davvero antipatici.


Come ne Il caimano a uscirne con le ossa rotte era più l’elettorato berlusconiano che Berlusconi medesimo, in Habemus Papam le uniche immagini davvero inquietanti sono quelle della massa di fedeli in versione ultras in Piazza S.Pietro. E in piedi resta quasi solo la responsabilità dei fedeli stessi (a dar credito a questi bambinoni di papi e cardinali) e non quella del Vaticano (peraltro rappresentato da un Papa capace di mettere in discussione il dogma più di quanto facciano i suoi seguaci), e la critica finisce per colpire il Cristianesimo prima che l’istituzione Chiesa. 

Ok, è angosciante che tanta gente “disperatamente bisognosa di sperare” stia accampata in quella piazza mentre all’interno si gioca a carte, ma forse Moretti dimentica di completare il quadro, come fa invece il piccolo I baci mai dati, di Roberta Torre, uscito quasi in contemporanea. Un film, quest’ultimo, fortemente imperfetto, eppure capace di restarti addosso perché stavolta, seppure a un livello molto più basso (una Sicilia dove la povera gente si convince che una tredicenne sia in grado di fare miracoli e la paga per ottenere la grazia), il meccanismo è descritto più direttamente. Qui lo sfruttamento economico della fede si vede eccome. E qui la protagonista, all’affermazione della madre che si giustifica dicendo proprio che “la gente ha bisogno di sperare”, la giovane protagonista dà la risposta schietta che Moretti, per eccesso di eleganza, fornisce con meno decisione: “sperare non è la stessa cosa che essere presi per i fondelli”.

COMMENTI /

Ritratto di gippa
Lun, 09/05/2011 - 18:06
gippa
detto che la valutazione, l'impressione, forse è troppo chiamarla critica, almeno questa, che possiamo fare di un film è frutto spesso di un'esperienza soggettiva, rimane il fatto che la soggettività del giovine sperindei ci lascia abbastanza interdetti. forse entrambi i film meriterebbero una seconda visione( anche se una seconda visione di baci mai dati potrebbe sembrare una punizione assai severa) da parte del giovine sperindei, per cogliere meglio il cuore del problema, o il centro del film, per non abbandonarsi poi a valutazioni ovvie, un pò superficiali, e tuttavia nella loro ovvietà non pertinenti. certo l'accostamento tra le due pellicole del giovine sperindei ci lascia semplicemente, ribadiso soggettivamente e borissianamente basiti.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Lun, 09/05/2011 - 18:18
Concordo pienamente. L'hai detto.
SHARE
Ritratto di TisTisMatis
Lun, 09/05/2011 - 18:21
TisTisMatis
L'hai detto.
SHARE
Ritratto di Beppe Roncari
Lun, 09/05/2011 - 18:28
GRoncari
Ciao Federico, non ci siamo conosciuti mentre tu eri in Mikado e io in De Agostini? Bell'articolo by the way!
SHARE
Ritratto di Federico Sperindei
Lun, 09/05/2011 - 19:40
Fsperindei
<p>Ciao! S&igrave;, direi proprio di s&igrave;... ben trovato!</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti