Blog di

di Vincenzo Barbagallo

Nigeria. La strage silenziosa.

Blog post del 10/06/2012
Parole chiave: 

Ci sono conflitti di cui nessuno parla. Conflitti in terre dove gli interessi ci sono e sono contrabbandati in silenzio. Una di queste terre è la Nigeria.

Attentati kamikaze, raid armati, chiese date alle fiamme: in poco più di un anno la Nigeria ha visto una pericolosa escalation degli attacchi contro i cristiani e sono ormai diverse le festività cattoliche e le domeniche bagnate dal sangue. A rivendicare gran parte degli attacchi - concentrati nel centro-nord del Paese - è stato il gruppo estremista Boko Haram, che vuole instaurare. Ecco una infografica delle vittime negli ultimi due anni e mezzo.

2010 

Serie di attacchi armati ed esplosivi, rivendicati dai Boko Haram, insanguina la vigilia di Natale in diversi centri del Paese, in particolare nella città di Jos. Le vittime sono 86. Agli attacchi, seguono violenti scontri tra musulmani e cristiani.

2011

Il 4 novembre un'ondata di attacchi colpisce la città di Damaturu. Edifici governativi, due banche e sei chiese finiscono nel mirino dei raid. I morti sono almeno 65. Poco più di un mese dopo, un nuovo Natale di sangue segna le città di Jos, Abuja e Gadaka dove tre chiese sono colpite da attentati esplosivi, con un bilancio di 49 vittime. Gli attacchi, sono ancora ad opera dei Boko Haram, chiudono una settimana segnata da scontri e attentati.

2012 

Il 5 gennaio, a Gombe, una bomba lanciata contro una chiesa causa 5 morti. A rivendicare l'attacco sono i Boko Haram che pochi giorni prima, con un ultimatum, avevano ingiunto ai cristiani del Nord di lasciare l'area. Il giorno dopo, un raid colpisce una veglia funebre a Mubi, i morti sono 17. Alla fine di febbraio, è ancora una chiesa di Jos a finire nel mirino di un kamikaze, che con un'autobomba uccide due fedeli. E sempre a Jos, una nuova autobomba lanciata contro una chiesa causa tre morti, innescando nuovi scontri interreligiosi, con un bilancio di 10 vittime. L'8 aprile, un'autobomba esplosa nei pressi di una chiesa, insanguina la Pasqua della comunità cristiana di Kaduna, uccidendo 36 persone e ferendone 13.

Il 29 aprile l'ennesima strage. Un commando armato fa irruzione nel campus dell'università Bayero durante la messa. I morti sono una ventina. Il 3 giugno, infine, un kamikaze fa strage di cristiani in una chiesa di Bauchi, uccidendo almeno 15 persone. L'attentato avviene ancora una volta di domenica e porta la firma dei 'talebani nigerianì, i Boko Haram. 

Ci vuole ancora molto affinché la comunità internazionale si interessi realmente di questa strage silenziosa?

Fate il vostro clic.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Burkina Faso, assaltata la sede della tv di Stato a Ouagadougou

Saccheggiato anche il palazzo del Parlamento. Si protesta contro la riforma costituzionale che permette al Presidente di prolungare suo mandato

Tar, de Magistris torna in carica

Giudici amministrativi, atti alla Corte Costituzionale

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE

Tattiche per non far invecchiare né cervello né idee

Quattro consigli per sfuggire al veleno della routine
SHARE

Imparare la filosofia dell’Oriente e vivere meglio

A scuola si insegna solo la tradizione occidentale. Urge rimediare subito, con un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Lavoro e famiglia: nemmeno in Norvegia le donne riescono ad avere tutto

Nonostante le politiche illuminate su figli e carriera, introvabili altrove, le donne faticano ad andare avanti e crearsi una carriera

Un weekend con il Dalai Lama e la sua patria portatile

Incontrare una delle personalità più importanti del pianeta e capire, alla fine, i motivi della sua popolarità