Blog di

di Vincenzo Barbagallo

Nigeria. La strage silenziosa.

Blog post del 10/06/2012
Parole chiave: 

Ci sono conflitti di cui nessuno parla. Conflitti in terre dove gli interessi ci sono e sono contrabbandati in silenzio. Una di queste terre è la Nigeria.

Attentati kamikaze, raid armati, chiese date alle fiamme: in poco più di un anno la Nigeria ha visto una pericolosa escalation degli attacchi contro i cristiani e sono ormai diverse le festività cattoliche e le domeniche bagnate dal sangue. A rivendicare gran parte degli attacchi - concentrati nel centro-nord del Paese - è stato il gruppo estremista Boko Haram, che vuole instaurare. Ecco una infografica delle vittime negli ultimi due anni e mezzo.

2010 

Serie di attacchi armati ed esplosivi, rivendicati dai Boko Haram, insanguina la vigilia di Natale in diversi centri del Paese, in particolare nella città di Jos. Le vittime sono 86. Agli attacchi, seguono violenti scontri tra musulmani e cristiani.

2011

Il 4 novembre un'ondata di attacchi colpisce la città di Damaturu. Edifici governativi, due banche e sei chiese finiscono nel mirino dei raid. I morti sono almeno 65. Poco più di un mese dopo, un nuovo Natale di sangue segna le città di Jos, Abuja e Gadaka dove tre chiese sono colpite da attentati esplosivi, con un bilancio di 49 vittime. Gli attacchi, sono ancora ad opera dei Boko Haram, chiudono una settimana segnata da scontri e attentati.

2012 

Il 5 gennaio, a Gombe, una bomba lanciata contro una chiesa causa 5 morti. A rivendicare l'attacco sono i Boko Haram che pochi giorni prima, con un ultimatum, avevano ingiunto ai cristiani del Nord di lasciare l'area. Il giorno dopo, un raid colpisce una veglia funebre a Mubi, i morti sono 17. Alla fine di febbraio, è ancora una chiesa di Jos a finire nel mirino di un kamikaze, che con un'autobomba uccide due fedeli. E sempre a Jos, una nuova autobomba lanciata contro una chiesa causa tre morti, innescando nuovi scontri interreligiosi, con un bilancio di 10 vittime. L'8 aprile, un'autobomba esplosa nei pressi di una chiesa, insanguina la Pasqua della comunità cristiana di Kaduna, uccidendo 36 persone e ferendone 13.

Il 29 aprile l'ennesima strage. Un commando armato fa irruzione nel campus dell'università Bayero durante la messa. I morti sono una ventina. Il 3 giugno, infine, un kamikaze fa strage di cristiani in una chiesa di Bauchi, uccidendo almeno 15 persone. L'attentato avviene ancora una volta di domenica e porta la firma dei 'talebani nigerianì, i Boko Haram. 

Ci vuole ancora molto affinché la comunità internazionale si interessi realmente di questa strage silenziosa?

Fate il vostro clic.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Germanwings: durante la caduta uno dei piloti era chiuso fuori dalla cabina

Secondo una fonte militare citata dal New York Times, prima dello schianto la cabina è stata chiusa dall'interno, impedendo a uno dei due piloti di accedere

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

 

Al Capone aveva un hobby: scrivere canzoni d’amore

Il gangster aveva un cuore musicale tutto italiano. Come dimostra la sua hit, "Madonna mia"

Graham Fink, l’artista che dipingeva con gli occhi

Con un software si creano i tratti delle immagini: e con lo sguardo si creano capolavori

Come funzionano i vaccini, per non discuterne più

Negli Usa è sorto un movimento anti-vaccini. Tra le idiozie americane, questa è la più pericolosa

“Me & You”, una storia d’amore vista dall’alto

Il cortometraggio mostra tutte le fasi dell’amore: il primo bacio, la passione, la routine e la fine

PRESI DAL WEB

Zayn Malik lascia gli One Direction: i fan sono sconvolti

Il membro del gruppo amato dai teenager ha deciso, dopo cinque anni, di lasciare i suoi compagni. "Desidero avere la vita di un 22enne normale. E rilassarmi"

Padova, tenta di corrompere il rettore fingendosi parente di Corrado Passera

In una lettera in cui raccomandava la fidanzata, Claudio Passera allega mille euro in contanti e millanta di essere familiare dell’ex ministro dello Sviluppo

Senato, Barani (Gal) propone, come emendamento la pena di morte: "Provocazione"

In particolare, tra le proposte choc del senatore devoto di Bettino Craxi figura la fucilazione, che però non deve comportare la morte del reo