Blog di

di Vincenzo Barbagallo

Nigeria. La strage silenziosa.

Blog post del 10/06/2012
Parole chiave: 

Ci sono conflitti di cui nessuno parla. Conflitti in terre dove gli interessi ci sono e sono contrabbandati in silenzio. Una di queste terre è la Nigeria.

Attentati kamikaze, raid armati, chiese date alle fiamme: in poco più di un anno la Nigeria ha visto una pericolosa escalation degli attacchi contro i cristiani e sono ormai diverse le festività cattoliche e le domeniche bagnate dal sangue. A rivendicare gran parte degli attacchi - concentrati nel centro-nord del Paese - è stato il gruppo estremista Boko Haram, che vuole instaurare. Ecco una infografica delle vittime negli ultimi due anni e mezzo.

2010 

Serie di attacchi armati ed esplosivi, rivendicati dai Boko Haram, insanguina la vigilia di Natale in diversi centri del Paese, in particolare nella città di Jos. Le vittime sono 86. Agli attacchi, seguono violenti scontri tra musulmani e cristiani.

2011

Il 4 novembre un'ondata di attacchi colpisce la città di Damaturu. Edifici governativi, due banche e sei chiese finiscono nel mirino dei raid. I morti sono almeno 65. Poco più di un mese dopo, un nuovo Natale di sangue segna le città di Jos, Abuja e Gadaka dove tre chiese sono colpite da attentati esplosivi, con un bilancio di 49 vittime. Gli attacchi, sono ancora ad opera dei Boko Haram, chiudono una settimana segnata da scontri e attentati.

2012 

Il 5 gennaio, a Gombe, una bomba lanciata contro una chiesa causa 5 morti. A rivendicare l'attacco sono i Boko Haram che pochi giorni prima, con un ultimatum, avevano ingiunto ai cristiani del Nord di lasciare l'area. Il giorno dopo, un raid colpisce una veglia funebre a Mubi, i morti sono 17. Alla fine di febbraio, è ancora una chiesa di Jos a finire nel mirino di un kamikaze, che con un'autobomba uccide due fedeli. E sempre a Jos, una nuova autobomba lanciata contro una chiesa causa tre morti, innescando nuovi scontri interreligiosi, con un bilancio di 10 vittime. L'8 aprile, un'autobomba esplosa nei pressi di una chiesa, insanguina la Pasqua della comunità cristiana di Kaduna, uccidendo 36 persone e ferendone 13.

Il 29 aprile l'ennesima strage. Un commando armato fa irruzione nel campus dell'università Bayero durante la messa. I morti sono una ventina. Il 3 giugno, infine, un kamikaze fa strage di cristiani in una chiesa di Bauchi, uccidendo almeno 15 persone. L'attentato avviene ancora una volta di domenica e porta la firma dei 'talebani nigerianì, i Boko Haram. 

Ci vuole ancora molto affinché la comunità internazionale si interessi realmente di questa strage silenziosa?

Fate il vostro clic.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Musei, con le nuove regole boom di ingressi

Ad agosto più 10% di visitatori nei musei, +11% di incassi e 8% di ingressi gratuiti

Germania, il tribunale decide: i taxi di Uber non possono più circolare

La sentenza è temporanea. Per i conducenti che la ignorano c’è il rischio di multe fino a 250 mila euro. La start up di San Francisco: "Continueremo lo stesso"

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Nuovo Cinema Pyongyang: i film della propaganda

L’industria cinematografica piegata alle volontà del regime ha prodotto anche film belli. Eccone tre
SHARE

Il video che mostra come un autistico vede il mondo

Un disturbo molto conosciuto ma poco studiato: un mix tra animazioni e video racconta come si vive
SHARE

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Washington Post, Bezos cambia i vertici, finisce dopo 81 anni l’era dei Graham

La “publisher” Katherine Weymouth, pronipote del capostipite della famiglia Graham, è stata sostituita dal fondatore e Ceo di Politico Frederick Ryan Jr.

Tutta la verità su Hello Kitty

Un ironico articolo spiega le motivazioni secondo cui il personaggio di Hello Kitty non rappresenterebbe un gatto. Nel caso a qualcuno interessasse