Blog di

di Andrea Indiano

Fuga dal Campo 14, in Corea del Nord rivivono gli incubi di Auschwitz

Blog post del 26/04/2012

Per chi vive lontano, la Corea del Nord è più una barzelletta che uno stato. Con le sue folli parate militari, la millantata capacità missilistica e nucleare, la falsa propaganda quotidiana che dipinge la famiglia presidenziale come delle divinità, questo regime totalitario raggiunge spesso i titoli dei giornali più per le sue stranezze che per motivi realmente politici. Eppure, ci si dimentica spesso, che per chi nasce in Corea del Nord la vita è un incubo. Anzi non è nemmeno vita. Nello stato asiatico vige una dittatura comunista che si basa sulla schiavitù, lo sfruttamento e la repressione. A descrivere lo stile di vita nordcoreano arriva ora un libro indagine del giornalista americano Blaine Harden. “Escape from Camp 14” (Fuga dal Campo 14) racconta la vita di Shin Dong-Yuk, l’unica persona al mondo nata in un campo nordcoreano e poi riuscita a scappare.
Il regime di Pyongyang punisce senza pietà i familiari dei traditori dello stato e così quando lo zio di Shin tentò di scappare, tutta la sua famiglia fu incarcerata a vita. In Corea del Nord si suppone esistano sei campi di concentramento dove sono rinchiuse circa 180mila persone che sono state incarcerate senza processo né possibilità di difendersi. Il governo del paese ha sempre negato l’esistenza di questi gulag. Nei campi di concentramento (cui vanno aggiunti anche le prigioni) ogni anno migliaia di detenuti muoiono per le malattie dovute alla mancanza di cibo e di igiene. Fra le storie dei sopravvissuti (si pensa siano circa una ventina nel mondo gli individui riusciti a scappare) sono emerse le storie più atroci e assurde: vi sarebbero rinchiuse anche persone solo perché sorprese a cantare una canzone di un artista della Corea del Sud.
Shin è nato nel Camp 14 e per lui non esiste altra verità oltre quella dettata dalle guardie del campo. Come gli altri detenuti, ha cominciato a lavorare a otto anni nelle miniere senza possibilità di scelta. Turni di sedici ore, un unico pasto assicurato al giorno e il culto del presidente nordcoreano sono le uniche tre certezze che Shin ha avuto nella vita. E non avendo la possibilità di conoscere altro al di fuori del Camp 14 per Shin era questo la normalità. Tanto che quando origliò una conversazione fra la madre e il fratello che pianificavano una fuga, non ebbe dubbi a denunciare subito i familiari. E non versò una lacrima quando la madre e il fratello furono giustiziati nella piazza centrale del campo dopo essere stati torturati. “Shin non è mai stato triste per questa scelta – ha raccontato Harden che lo ha intervistato nel corso di due anni fra Seoul e la California – perché per lui non esistevano rapporti familiari come li conosciamo noi. Per lui esisteva solo il Camp 14. Quello era il suo mondo”. Solo l’arrivo di un anziano signore nello stesso gulag aprì gli occhi a Shin. L’uomo raccontò al giovane il mondo esterno e le possibilità che esistevano oltre il Camp 14: diversi tipo di cibo, gli animali, la musica. Con il passare degli anni i due divennero amici e infine organizzarono una fuga. Solo Shin riuscì a scappare mentre l’amico fu arrestato e ucciso. Dopo un periodo in Corea del Sud, Shin è andato in America e lì con l’aiuto di alcuni gruppi di supporto è riuscito a superare il suo dramma. “Dopo qualche tempo ha capito cosa aveva fatto alla madre e al fratello e ha provato un inizio di rimorso – ha detto Harden - ma per chi ha vissuto sin dalla nascita e per i successivi ventitrè anni con un’unica idea in testa è difficile cambiare modo di vedere le cose”.
“Escape from Camp 14” non è solo la storia di Shin ma anche quella dei milioni di nordcoreani costretti a vivere nella miseria e nella mancanza di ogni bene primario. Per ogni ironia sul fallimento del lancio di un missile o di una parata dai modi anacronistici a Pyongyang, bisogna pensare a chi in Corea del Nord ci vive e non ha la possibilità di andare via.


COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 26/04/2012 - 13:04
Il paradiso dei lavoratori
SHARE
Ritratto di Anonimo
Ven, 27/04/2012 - 07:23
"For outsiders, North Korea can seem less like a nation than a sick joke". Bell'incipit, ma allora perche' non citarne l'autore (http://www.guardian.co.uk/books/2012/apr/13/escape-camp-14-korea-harden-review) prima di copiarlo?
SHARE
Ritratto di Andrea Indiano
Dom, 29/04/2012 - 15:55
Andrea Indiano
Sì, caro Anonimo non ci si inventa più niente. Fra i tanti articoli letti per documentarmi su questa notizia c'era anche quello, certo non lo nego. Ma paragonare la Corea del Nord a una barzelletta è cosa molto comune , forse perchè rende bene l'idea del pensiero generale su questo paese. io lo spunto l'ho preso da qui. http://news.bbc.co.uk/2/hi/programmes/from_our_own_correspondent/8711355.stm saluti
SHARE
Ritratto di Pietro
Lun, 15/04/2013 - 11:53
Pietro
"Turni di sedici ore, un unico pasto assicurato al giorno e il culto del presidente nordcoreano sono le uniche tre certezze che Shin ha avuto nella vita. " Non é vero! Nel libro é ribadito piú volte che Shin neanche sapeva chi fosse il presidente nordcoreano! Ma tu, Andrea, il libro l'hai letto o lo hai solo recensito?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Isis, Obama: questa non è solo una battaglia dell’America

Gli Stati Uniti “sono fieri di combattere fianco a fianco con i Paesi arabi”

Cineblog: chiude il sito per guardare i film in streaming

Da marzo sequestrati 46 siti “pirata” per il download illegale

Una mappa per viaggiare bevendo acqua sicura

Continente per continente, l’infografica mostra dove l’acqua di rubinetto non è un pericolo
SHARE

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché la politica di Facebook sui “nomi veri” degli utenti dovrebbe spaventarci

Chi si iscrive deve fornire il proprio nome legale. Il problema con gli pseudonimi, anche con quelli noti, è dietro l’angolo

Come la pirateria sta cambiando (in meglio) il panorama musicale

La lotta dell’industria discografica si è rivelata inutile. Eppure la musica continua a creare guadagni legali: è solo cambiato il modello di fruizione

Il peccato originale dell’Europa: la politica dell’asilo per i rifugiati

Un compromesso confuso che crea molti problemi, soprattutto per i Paesi ai confini. Ma non si trovano soluzioni migliori