Blog di

Pisapia, cosa c’entra De Albertis con la Triennale?

Blog post del 8/02/2012
Parole chiave: 

Cosa c’entra l’immobiliarista De Albertis, per molti anni capo lobbista dei costruttori milanesi, con la Triennale, che andrà a presiedere? No, non vi è sfuggito qualcosa. Non vi siete persi nulla. Non c’entra niente, e con ogni probabilità lo sa anche lui. È un’istituzione culturale prestigiosa, con una storia che affonda le radici nella Milano del design, dell’architettura, dell’innovazione. È uno dei simboli della Milano di Gio Ponti. La città in cui Bianciardi, Dario Fo e gli altri si trovavano al Jamaica. Qualla delle fotografie di Ugo Mulas, del desing di Ettore Sotsass. Quella in cui - sembrano passati un milione d’anni - i grandi imprenditori come Pirelli arruolavano nomi della cultura mondiale, invece di investire le rendite accumulate in operazioni di sviluppo immobiliare.

Quella Milano, si sa, non c’è più, e nessuno sforzo di volontà sarà mai in grado di riportarla alla luce. Tuttavia, la primavera arancione di Pisapia nasceva in nome di una discontinuità con il passato recente. Nasceva perchè le logiche condominiali che fecero di Albertini un sindaco stimato non bastavano più, perchè la giunta di Letizia Moratti aveva deluso nella gestione del quotidiano e fallito nella costruzione di una visione più ampia. Pisapia vinceva perchè - in definitiva - il “sogno” berlusconiano si sgretolava nella fine di un impero in cui interessi privatissimi e nessun vero governo delle cose camminavano abbracciati.

In questa parabola economica e politica, l’impresa immobiliare-bancaria a Milano ha avuto la sua bella parte di responsabilità. Pensate alla fine che ha fatto la Risanamento di Zunino, pensate al morbido paracadute garantito dal sistema bancario italiano a Salvatore Ligresti (che in un altro paese sarebbe stato accompagnato all’uscita in modo assai diverso). Pensate a tutte le polemiche un po’ radical-chic su Milano “città brutta” e pensate a quanto brutta è, ma per davvero, questa città se appena vi avventurate fuori dalla circonvallazione esterna: dove i casermoni di mattonari di ogni tipo hanno devastato i quartieri popolari.

Tra i tratti fondamentali della giunte Moratti e Albertini, solidamente appoggiate nei fatti da gruppi bancari che si erano scelleratamente esposti nei confronti degli immobiliaristi, c’era l’aver puntato tutto o quasi sullo sviluppo immobiliare. Pisapia si promise diverso. Lo stesso Pgt varato dalla Giunta Moratti - che aveva diversi aspetti positivi e soprattutto dotava la città di un piano moderno dopo decenni di deroghe - fu contestato perchè considerato frutto di un asservimento ai poteri immobiliari, e tra i primi atti della giunta ci fu - appunto - quello di metterlo in discussione. 

Oggi, nella Milano di Pisapia, il rappresentante degli immobiliaristi milanesi, quelli per cui quel Pgt era fin troppo restrittivo, viene promosso a capo di una delle più importanti istituzioni culturali italiani. Perchè? Che competenze ha? Non si sa. Lo vota il Cda della Triennale, e poi sarà il Comune a dover ratificare la decisione. Starà in carica solo per un anno, è vero, ma un anno di questi tempi non è poco. Pisapia e la sua giunta davvero vogliono ratificare questa decisione? Sperano forse che, così, gli immobiliaristi faranno minori pressioni rispetto al nuovo Pgt, come ipotizzato da Linkiesta ormai dieci giorni fa? Lo “scambio” non sembra equo e, in ogni caso, sono pronto a scomettere che non darà i frutti sperati: un immobiliarista è per sempre. 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Fabio Carera
Mer, 08/02/2012 - 23:24
Fabio Carera
Jacopo, sono d'accordo. Pisapia è riuscito a coagulare tante teste attorno a un'idea di cambiamento vero, a un'utopia di far tornare Milano quella che è stata per molti anni. Questa scelta appare incomprensibile.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Gio, 09/02/2012 - 07:13
buongiorno jacopo, perdonami, ma il tuo mi sembra un commento un filo superficiale (in genere linkiesta procede per affondi molto precisi e circostanziati ma non mi sembra sia questo il caso). voglio dire, se voglio leggere una chiosa del tipo: "un immobiliarista è per sempre" faccio prima a leggere la repubblica... :-) senza entrare nel merito del nuovo presidente della triennale (che non conosco, ma questo non e' il punto), secondo me sarebbe piu' interessante capire il processo d'insieme. quali sono le funzioni del presidente, chi sono stati quelli prima di lui, che cosa hanno fatto, etc. anche, very interessante e' sapere chi erano gli altri tre possibili presidenti e - soprattutto - con quale principio vengono selezionati (e da chi vengono selezionati e con quali motivazioni). giocarsela tutta sugli immobiliaristi cattivi secondo me non e' la chiave giusta per capire come funziona (e come potrebbe funzionare) un pezzo importante della vita di una citta' come milano. :-) infine, per curiosita', sono andato a vedere come funziona il moma (giusto per prendere una istituzione internazionale importante). con curiosita' noto che il presidente onorario (per la forma, la figura piu' importante) e' david rockefeller, con jerry speyer come chairman. per sapere chi e' questo jerry speyer, la cosa piu' semplice e' girare il link di wikipedia > http://en.wikipedia.org/wiki/Jerry_Speyer (al suo confronto ligresti sembrerebbe essere madre teresa di calcutta...) da cui, mi sembra di poter dire che probabilmente e' vero che un'immobiliarista e' per sempre (come del resto un panettiere, un banchiere, etc), ma forse, dipende poi da una serie di altri sub-parametri piu' fini e sofisticati :-) buona giornata + ciao
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Libano: Al-Qaida minaccia di uccidere oggi i soldati ostaggio

La minaccia del Fronte di al Nusra, il braccio siriano di Al Qaida, se l’esercito libanese non interromperà le operazioni anti-jihadisti a Tripoli

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Effetto Spotify: come la Svezia è diventata la capitale mondiale dello streaming

Un lungo articolo del Ft spiega come e perché una nazione come la Svezia sta stracciando la strada per il futuro della musica

Isis, l’orrore prima delle decapitazioni

L’inchiesta del NyTimes, frutto di tre mesi di lavoro: gli ostaggi sottoposti a torture e alla fame prima dell’esecuzione. Foley si convertì all’Islam

Troppi fronti aperti, rosso da 427 milioni: i dubbi sulla strategia di Amazon

Il solo Fire Phone provoca un buco da 170 milioni di dollari. Ma attenzione ai giudizi affrettati: i ricavi sono saliti del 23% nel trimest