Blog di

di Monica Capo

Decrescita e beni comuni per uscire dalla crisi

Blog post del 2/09/2011

                                                                        

 

 

Da giorni si cerca “la quadra”, da giorni si studia una manovra finanziaria equa, che, in maniera spasmodica, viene poi modificata, come se il governo non avesse ancora compreso appieno che l'Italia è sotto osservazione e che i mercati finanziari non resteranno a guardare ancora oltre e che soprattutto, quando la BCE smetterà di comprare i titoli del debito pubblico, (e finirà perché non potrà certo sostenerci in eterno) allora sì che ne vedremo delle belle.

Qualcuno è arrivato, persino, a evocare “il diritto al default come contropotere finanziario” ma, nessuno parla mai seriamente di “decrescita” e di cambiamento del paradigma.

Intanto, gli italiani non ancora abbastanza “indignados”, puntano il dito, a intervalli regolari, contro quelli che reputano responsabili della fallimentare situazione economica, in cui versa il paese, e quindi contro le banche, la casta della politica, gli sprechi della Chiesa, contro evasori e i sindacalisti, e, finanche, contro i calciatori.

Ed è vero che, è assolutamente sacrosanto, in questo momento, non lasciare indenne da una seria revisione pubblica un solo capitolo del bilancio dello Stato, a cominciare dai compensi dorati dei proprietari e manager delle nostre famiglie di industriali che, per intenderci, in gran parte, vivono di monopolio o commesse pubbliche e non, di vero libero mercato.
Ma, su questo, tranne qualche rara eccezione, non leggerete mai nulla sulla stampa italiana, perché nessun giornale denuncerebbe mai lo stesso sistema che lo finanzia.

Stesso discorso, quando si parla di tagliare e rivedere completamente la nostra spesa militare: è assurdo continuare a spendere, in questo modo, almeno 24 miliardi di euro all'anno, tanto più che, come ha affermato Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della pace, “si continua a chiedere agli italiani di stringere la cinghia e la discussione sui tagli assomiglia a una guerra balcanica”.
Dello stesso avviso, è Padre Alex Zanotelli , che ha ricordato, nel suo nuovo appello "Manovra e armi, il male oscuro", per tagliare le spese militari, “che in Italia spendiamo oltre 50mila euro al minuto per la Difesa, cioè 3 milioni di euro all’ora e 76 milioni al giorno, neanche se fossimo invasi dagli UFO”, appello pubblicato sul sito http:// www.ildialogo.org.
Ma, anche in questo caso, i direttori dei principali quotidiani si guardano bene dallo spiegare ai lettori che vi è un’altra Casta- quella militare - che pesa sul debito pubblico; non spiegano i costi di Finmeccanica perché i loro editori fanno parte della stessa famiglia industriale.


Intanto, la più importante conquista del continente, lo "stato sociale", viene svenduta per pagare gli interessi del debito pubblico che, a loro volta, servono a pagare i profitti delle banche, e si proclamano come vangelo assurdità mostruose, sacrificando tutto sull’altare della competitività e della produttività.


Per queste ragioni, occorre, da subito, una mobilitazione ad oltranza, e coesione, ma soprattutto, partire dai beni comuni per costruire un diverso modello di sviluppo, anche ecologicamente compatibile.
Basterebbe, semplicemente, fare tesoro dell’esperienza dei Referendum.
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Azzollini, il Senato vota contro gli arresti domiciliari

I "no" sono stati 189, i sì 96. Astenuti 17

Libia, condannato il figlio di Gheddafi per crimini di guerra

Al momento si troverebbe nelle mani di un gruppo di ribelli della città di Zintan che si rifiuta di consegnarlo alla corte

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Antartide senza Dio: l’ultimo prete lascia la chiesa nella regione

La Cappella delle Nevi resterà senza curato. C’è un calo di religiosità, ma anche di scienziati. E soprattutto, un taglio nel budget

La regola d’oro per diventare più creativi

Non in tutti i campi, però: aiuta a immaginare nuovi utilizzi per cose e oggetti vecchi e comuni che non si sa come impiegare

Silicon Africa, la mappa dell’innovazione nel continente nero

Anche se è il continente con il digital divide più grande, l’Africa cerca di stare al passo con i tempi. E produce idee e startup

Sette cose che non sappiamo sul cannibalismo

La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo
La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»