Blog di

di Monica Capo

La Grecia porta l'austerità al Tribunale dell’Aja

Blog post del 24/04/2012

È raro che i cittadini portino il loro governo in tribunale, ed è ancora più raro che sia un governo dell'Europa occidentale ad essere portato davanti alla Corte Penale Internazionale dell'Aja.

Ma, è questo ciò che, come riporta la Bbc, un gruppo di cittadini greci sta facendo, e, le accuse sono durissime.

Si sostiene, infatti, che le misure di austerità introdotte dal governo della Grecia costituiscono un “genocidio” in tempo di pace e un “crimine contro l'umanità."

Un mix tossico di austerità e di recessione ha messo, infatti, la Grecia in ginocchio: l'economia del paese si sta contraendo per il quinto anno consecutivo e la disoccupazione è salita ad oltre il 20%. L'impatto sociale è netto, con il numero dei suicidi, secondo le stime, raddoppiati, la criminalità in costante crescita e, più di un quarto dei greci al di sotto della soglia di povertà.

Dietro l’iniziativa, ci sono una madre e una figlia psicologhe, Olga e Tanya Yeritsidou, ma a sostenere la loro campagna è un gruppo più ampio, che si riunisce ogni settimana in un sobborgo di Atene, e, non si tratta di dissidenti politici o estremisti, ma di persone ordinarie della classe media greca, insegnanti, avvocati, fisioterapisti, quelli più duramente colpiti dai tagli del governo.

Le due donne hanno cominciato a inviare lettere al primo ministro, Costas Karamanlis, già, nel 2008, avvertendolo delle probabili conseguenze dei tagli nel settore pubblico. Poi al governo insediatosi un anno dopo. Infine, dopo la presentazione di un'ingiunzione al Tribunale che non è stata presa in considerazione, in Grecia, hanno deciso di appellarsi alla Corte penale internazionale dell'Aia.

Attualmente, c’è l’idea nei paesi che attraversano la crisi finanziaria che qualcuno debba pagare, e, questo davanti ai giudici penali. 

E, non è difficile immaginare che la rabbia contro l'austerità sarà protagonista nelle elezioni che si terranno, in Grecia, il 6 maggio.

Tutti i sondaggi di opinione indicano che i partiti principali, il Pasok socialista e il conservatore Nuova Democrazia, potrebbero essere puniti dagli elettori, per aver fatto passare tagli profondamente impopolari, negli ultimi due anni.
Ma, l’austerità è stata anche il risultato di un'economia che è stata gestita malissimo per decenni, e, del fatto che, per anni, i greci hanno votato per questi partiti e per questi leader politici che ora attaccano, ma questo argomento non è sufficiente, purtroppo, a risolvere i problemi della gente.

Vista la situazione, sorge spontaneo il raffronto con il nostro paese e, viene da chiedersi come si comporteranno alle prossime elezioni anche gli italiani, visti gli ultimi tagli, gli scandali, e la notizia che la crescita degli stipendi è ai minimi dal 1983.

 

 

Foto Collettivo Latrones
 

COMMENTI /

Ritratto di Stefano Versace
Gio, 26/04/2012 - 14:40
Sversace
Gentile Monica Capo, volevo solo farle sapere che, a seguito della lettura del suo post, mi sono interessato alla cosa e ho preso contatto con Olga e Tanya Yeritsidou, che hanno accettato di incontrarmi nei prossimi giorni. La ringrazio dunque per lo spunto, e se avesse domande che desidera io ponga loro, non esiti a farmi sapere, me ne farò latore. Stefano
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’Eba: un taglio ai depositi bancari dei greci sarebbe contro la legge

Lo ha affermato il presidente dell’Autorità bancaria europea, Andrea Enria

Un militante filocurdo italiano è stato ferito al confine tra Kurdistan e Siria

Si chiama Alessandro De Ponti, ha 23 anni e non è in pericolo di vita

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

 

Addio alla plastica che scoppietta. Ora il mondo è un po’ peggiore

La decisione è irrevocabile: uscirà di produzione, per favorire un nuovo tipo, più comodo e leggero, ma che non scoppietta più

Esercizi fisici per rimettere l’Europa in movimento

L’inattività fisica è il nemico del nuovo secolo. Per combatterla bastano 20 minuti di moto al giorno. Salva le vite e le economie dei Paesi

Grexit, Grexident e Grimbo, le parole dell’estate 2015

Il nuovo sport degli italiani, in mancanza dei Mondiali, è il tifo per il referendum greco, con tutte le sue nuove parole. Ma chi le ha inventate?

I consigli di Bolaño per chi vuole scrivere racconti

Dodici comandamenti di scrittura che si rivelano, a parte i primissimi, degli ottimi consigli di lettura

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale