Blog di

di Monica Capo

La Grecia porta l'austerità al Tribunale dell’Aja

Blog post del 24/04/2012

È raro che i cittadini portino il loro governo in tribunale, ed è ancora più raro che sia un governo dell'Europa occidentale ad essere portato davanti alla Corte Penale Internazionale dell'Aja.

Ma, è questo ciò che, come riporta la Bbc, un gruppo di cittadini greci sta facendo, e, le accuse sono durissime.

Si sostiene, infatti, che le misure di austerità introdotte dal governo della Grecia costituiscono un “genocidio” in tempo di pace e un “crimine contro l'umanità."

Un mix tossico di austerità e di recessione ha messo, infatti, la Grecia in ginocchio: l'economia del paese si sta contraendo per il quinto anno consecutivo e la disoccupazione è salita ad oltre il 20%. L'impatto sociale è netto, con il numero dei suicidi, secondo le stime, raddoppiati, la criminalità in costante crescita e, più di un quarto dei greci al di sotto della soglia di povertà.

Dietro l’iniziativa, ci sono una madre e una figlia psicologhe, Olga e Tanya Yeritsidou, ma a sostenere la loro campagna è un gruppo più ampio, che si riunisce ogni settimana in un sobborgo di Atene, e, non si tratta di dissidenti politici o estremisti, ma di persone ordinarie della classe media greca, insegnanti, avvocati, fisioterapisti, quelli più duramente colpiti dai tagli del governo.

Le due donne hanno cominciato a inviare lettere al primo ministro, Costas Karamanlis, già, nel 2008, avvertendolo delle probabili conseguenze dei tagli nel settore pubblico. Poi al governo insediatosi un anno dopo. Infine, dopo la presentazione di un'ingiunzione al Tribunale che non è stata presa in considerazione, in Grecia, hanno deciso di appellarsi alla Corte penale internazionale dell'Aia.

Attualmente, c’è l’idea nei paesi che attraversano la crisi finanziaria che qualcuno debba pagare, e, questo davanti ai giudici penali. 

E, non è difficile immaginare che la rabbia contro l'austerità sarà protagonista nelle elezioni che si terranno, in Grecia, il 6 maggio.

Tutti i sondaggi di opinione indicano che i partiti principali, il Pasok socialista e il conservatore Nuova Democrazia, potrebbero essere puniti dagli elettori, per aver fatto passare tagli profondamente impopolari, negli ultimi due anni.
Ma, l’austerità è stata anche il risultato di un'economia che è stata gestita malissimo per decenni, e, del fatto che, per anni, i greci hanno votato per questi partiti e per questi leader politici che ora attaccano, ma questo argomento non è sufficiente, purtroppo, a risolvere i problemi della gente.

Vista la situazione, sorge spontaneo il raffronto con il nostro paese e, viene da chiedersi come si comporteranno alle prossime elezioni anche gli italiani, visti gli ultimi tagli, gli scandali, e la notizia che la crescita degli stipendi è ai minimi dal 1983.

 

 

Foto Collettivo Latrones
 

COMMENTI /

Ritratto di cabalbi
Mer, 25/04/2012 - 22:35
cabalbi
E non solo la grecia ma anche altri paesi dovrebbero fare la stessa cosa e non contro il proprio governo ma accusand il governo tedesco con in testa la Merkel di crimini contro tutta l'europa. Cos'è la rivincita del doponazismo. Se la signora avesse un pò di memoria ricorderebbe che quando la sua Germania stava peggio di noi dieci anni fà nessuno ha infierito come attualmente stà facendo. Lei e tutta la sua banda se andassero fuori dalle scatole!!!
SHARE
Ritratto di Stefano Versace
Gio, 26/04/2012 - 14:40
Sversace
Gentile Monica Capo, volevo solo farle sapere che, a seguito della lettura del suo post, mi sono interessato alla cosa e ho preso contatto con Olga e Tanya Yeritsidou, che hanno accettato di incontrarmi nei prossimi giorni. La ringrazio dunque per lo spunto, e se avesse domande che desidera io ponga loro, non esiti a farmi sapere, me ne farò latore. Stefano
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti