Blog di

di Monica Capo

Legge regionale d'iniziativa popolare sulla cultura e la diffusione dell’Energia Solare in Campania

Blog post del 14/06/2011

 

                                            

 

 

 

Nella Civiltà del Sole non hanno più ragione d’essere nè le lobbies nucleari, né le grandi guerre, militari, politiche ed economiche per l’Oro Nero, il Gas Naturale ed i potenti magnati che le gestiscono: immani sono gli interessi ad essi legati ed immane è il sistema di ricatto, corruzione e di persuasione sulla insostituibilità dell’attuale sistema produttivo ed energetico. Questa è la ragione universale che impedisce la transizione e l’affermazione della Civiltà del Sole.

Antonio D’Acunto
 

 

 

L’energia del sole non produce emissioni inquinanti o di gas serra; è un'energia libera, non intermediata, vincolata e condizionata dall'instaurazione e dal mantenimento di rapporti commerciali o dalla stabilità delle relazioni internazionali; assicura la sua disponibilità per miliardi di anni e gratuitamente, mentre i prezzi di combustibili fossili e uranio sono variabili e presumibilmente destinati ad un andamento crescente col ridursi delle riserve totali e il progressivo esaurimento di quelle economicamente e tecnicamente più convenienti da sfruttare. 

L’energia solare non richiede trasporto né preprocessamento; non produce -come nel caso del nucleare - scorie per il cui smaltimento occorre la disponibilità di altri siti; la sua utilizzazione si fonda su un processo produttivo semplice e scevro da rischi legati a errori umani o malfunzionamenti.

L’energia solare è intrinsecamente innocua per gli abitanti nei dintorni, e non si presta ad attentati terroristici per la natura "diffusa" e "scalabile" della modalità di produzione.

L’energia solare porta ad un costo finale del chilowattora e di ogni altra energia da essa derivata molto più economico rispetto a tutte le altre fonti.


L’energia solare attiverà il più grande processo occupazionale della storia per la riconversione della identità e della qualità della produzione e del modello di vita. 

 

 

 

Con la consegna alla Regione della Legge, relazione e testo, è  iniziato il cammino per affermare la Civiltà del Sole in Campania.

L’Appello a sottoscrivere la legge è stato fatto con la convinzione e l’entusiasmo connessi ad uno storico evento e, sintetizza con grande efficacia gli obbiettivi concreti, di breve e lungo termine, e le finalità generali della iniziativa:

l’attivazione in Campania della produzione di energia da fonte solare e del modello energetico ad essa legato per la copertura dei suoi fabbisogni, nel pieno rispetto dei valori naturalistici, storici, culturali, del paesaggio, dell’agricoltura e più complessivamente del verde;


 gli effetti di fondamentale importanza sullo sviluppo, sulla quantità e qualità della produzione, sul lavoro, sulla ricerca e sull’ attivazione di nuove relazioni, scientifiche,  commerciali e produttive, non solo con le altre regioni italiane, ma anche con tutti i Paesi del Mediterraneo, consentendo la realizzazione del grande obbiettivo della Biennale Permanente del Sole e della Biodiversità.      

 

Se riusciamo a raggiungere il "quorum" delle "diecimila firme" entriamo a pieno titolo, quasi come "Assemblea Costituente della Civiltà del Sole" nella Regione, per affermare questi valori e questo percorso.

 

Per saperne di più vai al link http://www.laciviltadelsole.org/index.html oppure consulta la pagina Facebook http://it-it.facebook.com/group.php?gid=62693432041&ref=ts

 

 

 

COMMENTI /

Ritratto di tommaso campanella
Mar, 14/06/2011 - 19:40
tommaso campanella
ve l'hanno detto che i pannelli fotovoltaici installati da noi vengono prodotti in cina da fabbriche alimentate con il carbone? Il Sole, di cui indegnamente vi fregiate, non ammette questo scempio. Né che gli speculatori piccoli (famiglie che sprecano l'ira di dio su scooter e auto inquinanti) e grandi (vedi Enel Green Power, ma non certo l'unica) devono prendere un solo centesimo di finanziamento pubblico. Chi crede nella civiltà del Sole i pannelli li mette a proprie spese. E la sera va a dormire presto perché di notte il sole non c'è.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti