Blog di

di Monica Capo

Il nucleare è per sempre

Blog post del 26/04/2011

Dopo l’incidente di Chernobyl del 1986, di cui oggi si celebra l’anniversario, la centrale fu rinchiusa in un sarcofago le cui condizioni, attualmente, sono ben diverse da come le descrivono.


Il pericolo maggiore è proprio all'interno del sarcofago, dove c'è una strana stalagmite chiamata "piede d'elefante" che si estende per diversi piani, costituita dai resti del nocciolo del reattore, fuso con il calore dell'esplosione e solidificatisi e formato da isotopi dell'uranio, plutonio, cesio ed altri elementi radioattivi.
La stalagmite si sta polverizzando e potrebbe crollare da un momento all'altro, facendo collassare il sarcofago. 

Inoltre, all'interno dello stesso sarcofago, ci sono ancora 180 tonnellate di materiale radioattivo costituito prevalentemente da uranio, plutonio e cesio: un suo crollo sprigionerebbe nell'aria tonnellate di polvere radioattiva che causerebbe un'altra Chernobyl di pari livello, se non superiore, a quella del 1986.


Il sarcofago ha, infine, numerose crepe da cui escono polveri, gas e acqua radioattive e dalla base del reattore gli isotopi radioattivi fuoriescono con le infiltrazioni d'acqua e vengono riversati, attraverso le falde acquifere, nel vicino fiume Pripyat, affluente del fiume Dnepr.

Insomma, a 25 anni dal disastro nucleare avvenuto in Ucraina, la centrale ha urgentemente bisogno della costruzione di un “nuovo” involucro protettivo, dato che il vecchio versa ormai in condizioni pessime, e per questo sono stati raccolti già 550 milioni di euro dei 750 necessari .
Da parte sua, l'Unione Europea ha deciso di contribuire con 110 milioni di euro.

Questo, per chiarire le idee, a chi insiste nel dire che è possibile mettere la parola fine quando si parla di incidente nucleare.


Invece, un testo decisamente da consigliare a tutti quei burocrati che stanno attualmente promuovendo l'energia nucleare come unica "soluzione" per il cambiamento climatico e l’approvvigionamento energetico, è Chernobyl: consequences of the catastrophe for people and the environment (Chernobyl: conseguenze della catastrofe per le persone e l'ambiente).
Sapientemente tradotto in inglese da Janette Sherman, medico tossicologo e professore associato presso l'Istituto Ambientale alla Western Michigan University, il testo traccia la storia delle conseguenze sanitarie e ambientali del disastro di Chernobyl.


La pubblicazione degli Annali della New York Academy of Sciences di Alexey Yablokov, Vassily Nesterenko, e Alexey Nesterenko, raccoglie le informazioni contenute in più di 5000 articoli e i risultati di varie ricerche (fino a un certo punto per lo più disponibili solo all'interno dell'ex Unione sovietica o dei paesi dell'Est e non accessibili in Occidente) che smentiscono le cifre e le ricostruzioni "consolanti", fatte circolare da diversi rapporti prodotti dall'Ocse e dall'Iaea, sulle "poche migliaia" di decessi che si sarebbero avuti in seguito alla tragedia nucleare e parlano piuttosto di un "milione" di persone morte a causa dell'incidente nella centrale del reattore ucraino.
 

 

 

 

   

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Usa, arrestato Michael Phelps per guida in stato di ebbrezza

Lo conferma la polizia stradale del Maryland

Afghanistan, firmato l’accordo di sicurezza con gli Usa

Gli Usa potranno mantenere ancora per un decennio loro militari con funzioni di formazione e assistenza

Ucraina, Ue conferma le sanzioni alla Russia

"Mentre ci sono stati sviluppi politici incoraggianti attorno all'accordo di Minsk. "restano ancora da applicare correttamente alcuni punti essenziali"

Lo scioglimento dei ghiacci cambierà anche la gravità

Diminuendo la massa si modifica anche la gravità. Ma non è una cosa di cui preoccuparsi. Per ora
SHARE

Il futuro come se lo immagina Hollywood (non bello)

Un’infografica raccoglie i 25 film più belli ambientati nel mondo che sarà. Il 75% è una distopia
SHARE

La vita di una donna racchiusa in pochi passi

Un video la racconta come un cammino: mostra il corpo che cambia e i compagni di viaggio
SHARE

Ortaggi e verdure: guida per riconoscere i migliori

Per capire se sono freschi non basta il colpo d’occhio: serve un’expertise che molti non hanno più
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Sam Simon, co-autore dei Simpson, si prepara a morire

Gli è stato diagnosticato il cancro due anni fa: pochi mesi per vivere. Simon è ancora vivo e spende tutti i soldi guadagnati in beneficenza

Vassilis Paleokostas, il delinquente imprendibile che diventa eroe nazionale

Rapinatore di banche, latitante, fugge due volte di galera in elicottero, dona i suoi soldi alle persone che incontra

Una vita in cammino: la donna che ha percorso 15mila chilometri in tre anni

Dalla Siberia al Deserto di Gobi, per spazi immensi e desolati. La storia strana di una donna quarantenne, svizzera, e con un’idea di divertimento originale