Blog di

di Monica Capo

Il nucleare è per sempre

Blog post del 26/04/2011

Dopo l’incidente di Chernobyl del 1986, di cui oggi si celebra l’anniversario, la centrale fu rinchiusa in un sarcofago le cui condizioni, attualmente, sono ben diverse da come le descrivono.


Il pericolo maggiore è proprio all'interno del sarcofago, dove c'è una strana stalagmite chiamata "piede d'elefante" che si estende per diversi piani, costituita dai resti del nocciolo del reattore, fuso con il calore dell'esplosione e solidificatisi e formato da isotopi dell'uranio, plutonio, cesio ed altri elementi radioattivi.
La stalagmite si sta polverizzando e potrebbe crollare da un momento all'altro, facendo collassare il sarcofago. 

Inoltre, all'interno dello stesso sarcofago, ci sono ancora 180 tonnellate di materiale radioattivo costituito prevalentemente da uranio, plutonio e cesio: un suo crollo sprigionerebbe nell'aria tonnellate di polvere radioattiva che causerebbe un'altra Chernobyl di pari livello, se non superiore, a quella del 1986.


Il sarcofago ha, infine, numerose crepe da cui escono polveri, gas e acqua radioattive e dalla base del reattore gli isotopi radioattivi fuoriescono con le infiltrazioni d'acqua e vengono riversati, attraverso le falde acquifere, nel vicino fiume Pripyat, affluente del fiume Dnepr.

Insomma, a 25 anni dal disastro nucleare avvenuto in Ucraina, la centrale ha urgentemente bisogno della costruzione di un “nuovo” involucro protettivo, dato che il vecchio versa ormai in condizioni pessime, e per questo sono stati raccolti già 550 milioni di euro dei 750 necessari .
Da parte sua, l'Unione Europea ha deciso di contribuire con 110 milioni di euro.

Questo, per chiarire le idee, a chi insiste nel dire che è possibile mettere la parola fine quando si parla di incidente nucleare.


Invece, un testo decisamente da consigliare a tutti quei burocrati che stanno attualmente promuovendo l'energia nucleare come unica "soluzione" per il cambiamento climatico e l’approvvigionamento energetico, è Chernobyl: consequences of the catastrophe for people and the environment (Chernobyl: conseguenze della catastrofe per le persone e l'ambiente).
Sapientemente tradotto in inglese da Janette Sherman, medico tossicologo e professore associato presso l'Istituto Ambientale alla Western Michigan University, il testo traccia la storia delle conseguenze sanitarie e ambientali del disastro di Chernobyl.


La pubblicazione degli Annali della New York Academy of Sciences di Alexey Yablokov, Vassily Nesterenko, e Alexey Nesterenko, raccoglie le informazioni contenute in più di 5000 articoli e i risultati di varie ricerche (fino a un certo punto per lo più disponibili solo all'interno dell'ex Unione sovietica o dei paesi dell'Est e non accessibili in Occidente) che smentiscono le cifre e le ricostruzioni "consolanti", fatte circolare da diversi rapporti prodotti dall'Ocse e dall'Iaea, sulle "poche migliaia" di decessi che si sarebbero avuti in seguito alla tragedia nucleare e parlano piuttosto di un "milione" di persone morte a causa dell'incidente nella centrale del reattore ucraino.
 

 

 

 

   

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Azzollini, il Senato vota contro gli arresti domiciliari

I "no" sono stati 189, i sì 96. Astenuti 17

Libia, condannato il figlio di Gheddafi per crimini di guerra

Al momento si troverebbe nelle mani di un gruppo di ribelli della città di Zintan che si rifiuta di consegnarlo alla corte

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Come funziona l’amore al tempo dei social network

Dichiarazioni d’amore, proposte di matrimonio, consegne di anelli: tutto finisce in rete, il cui giudizio è fondamentale

Antartide senza Dio: l’ultimo prete lascia la chiesa nella regione

La Cappella delle Nevi resterà senza curato. C’è un calo di religiosità, ma anche di scienziati. E soprattutto, un taglio nel budget

La regola d’oro per diventare più creativi

Non in tutti i campi, però: aiuta a immaginare nuovi utilizzi per cose e oggetti vecchi e comuni che non si sa come impiegare

Silicon Africa, la mappa dell’innovazione nel continente nero

Anche se è il continente con il digital divide più grande, l’Africa cerca di stare al passo con i tempi. E produce idee e startup

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»