Blog di

di Monica Capo

Il nucleare è per sempre

Blog post del 26/04/2011

Dopo l’incidente di Chernobyl del 1986, di cui oggi si celebra l’anniversario, la centrale fu rinchiusa in un sarcofago le cui condizioni, attualmente, sono ben diverse da come le descrivono.


Il pericolo maggiore è proprio all'interno del sarcofago, dove c'è una strana stalagmite chiamata "piede d'elefante" che si estende per diversi piani, costituita dai resti del nocciolo del reattore, fuso con il calore dell'esplosione e solidificatisi e formato da isotopi dell'uranio, plutonio, cesio ed altri elementi radioattivi.
La stalagmite si sta polverizzando e potrebbe crollare da un momento all'altro, facendo collassare il sarcofago. 

Inoltre, all'interno dello stesso sarcofago, ci sono ancora 180 tonnellate di materiale radioattivo costituito prevalentemente da uranio, plutonio e cesio: un suo crollo sprigionerebbe nell'aria tonnellate di polvere radioattiva che causerebbe un'altra Chernobyl di pari livello, se non superiore, a quella del 1986.


Il sarcofago ha, infine, numerose crepe da cui escono polveri, gas e acqua radioattive e dalla base del reattore gli isotopi radioattivi fuoriescono con le infiltrazioni d'acqua e vengono riversati, attraverso le falde acquifere, nel vicino fiume Pripyat, affluente del fiume Dnepr.

Insomma, a 25 anni dal disastro nucleare avvenuto in Ucraina, la centrale ha urgentemente bisogno della costruzione di un “nuovo” involucro protettivo, dato che il vecchio versa ormai in condizioni pessime, e per questo sono stati raccolti già 550 milioni di euro dei 750 necessari .
Da parte sua, l'Unione Europea ha deciso di contribuire con 110 milioni di euro.

Questo, per chiarire le idee, a chi insiste nel dire che è possibile mettere la parola fine quando si parla di incidente nucleare.


Invece, un testo decisamente da consigliare a tutti quei burocrati che stanno attualmente promuovendo l'energia nucleare come unica "soluzione" per il cambiamento climatico e l’approvvigionamento energetico, è Chernobyl: consequences of the catastrophe for people and the environment (Chernobyl: conseguenze della catastrofe per le persone e l'ambiente).
Sapientemente tradotto in inglese da Janette Sherman, medico tossicologo e professore associato presso l'Istituto Ambientale alla Western Michigan University, il testo traccia la storia delle conseguenze sanitarie e ambientali del disastro di Chernobyl.


La pubblicazione degli Annali della New York Academy of Sciences di Alexey Yablokov, Vassily Nesterenko, e Alexey Nesterenko, raccoglie le informazioni contenute in più di 5000 articoli e i risultati di varie ricerche (fino a un certo punto per lo più disponibili solo all'interno dell'ex Unione sovietica o dei paesi dell'Est e non accessibili in Occidente) che smentiscono le cifre e le ricostruzioni "consolanti", fatte circolare da diversi rapporti prodotti dall'Ocse e dall'Iaea, sulle "poche migliaia" di decessi che si sarebbero avuti in seguito alla tragedia nucleare e parlano piuttosto di un "milione" di persone morte a causa dell'incidente nella centrale del reattore ucraino.
 

 

 

 

   

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Negli Usa la disoccupazione scende al 5,5%, a febbraio creati 295mila lavori

Il tasso di disoccupazione a gennaio era al 5,7%, due anni fa di poco sotto l’8 per cento

Rcs Libri accetta la trattativa con Mondadori

Il cda di Rcs Libri ha deciso di concedere a Mondadori un periodo di esclusiva per valutare nel merito l'offerta di acquisto

Escort, le intercettazioni di Berlusconi: “Stasera ho due bambine”

Sono state depositate a Bari le trascrizioni delle intercettazioni fiume effettuate dai magistrati nell'ambito del processo sulle escort

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Un giro sulle montagne russe più veloci del mondo

Le montagne russe più veloci del mondo, negli Stati Uniti
Si chiamano “Fury 325”, arrivano fino a 150 chilometri all’ora e hanno appena passato il primo test
SHARE

Immagini di suore che si divertono

Non ci sono solo preghiere e chitarrine. Queste immagini rafforzeranno la vostra fede
SHARE

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica