Blog di

di Antonio Rossano

25 novembre, giornata internazionale contro la violenza alle donne, a Roma "Donne e Media"

Blog post del 20/11/2011

Il 25 novembre, a Roma, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, presso la Sala Odeion dell’ Edificio di Lettere Filosofia dell’ Università “La Sapienza, si svolge il convegno “Donne e Media”.

L' Associazione Pulitzer che lo organizza, e di cui sono il presidente (presidente è solo un ruolo formale, sono un "iscritto attivo"!), non si giova di grandi erogazioni liberali, sponsorizzazioni importanti, sostegni politici.
Andiamo avanti, sono quasi due anni ormai, con la logica della partecipazione e della condivisione, ed ogni risultato che raggiungiamo è il risultato di una comunità, di una moltitudine.
Partendo dal crowdfunding di youCapital, ai convegni, alla raccolta di firme per l’artista cinese AiWeiwei, a questo ultimo incontro "Donne e Media".
È questo che in qualche modo, ci mantiene neutri e liberi, senza pesi o compromessi.

L’ idea di porre di nuovo al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica la questione della parità di genere, del ruolo della donna per come viene rappresentata dai media e per quello che trasferisce in maniera diretta o subliminale nell’ immaginario collettivo è oggi quanto mai urgente. Dopo quasi un ventennio di berlusconismo che, di fatto, ha demolito e affogato decenni di lotte e di acquisizioni, ci ritroviamo con dei cocci da rimettere insieme o forse con la possibilità di ritrovare una nuova dimensione del discorso, priva delle rivendicazioni forti del femminismo post-bellico e sessantottino, ma con nuove consapevolezze e maggiore lucidità. Ma d’altra parte con un paese violentato da un sistema mediatico monopolista che ha imposto in ogni modo l’ immagine di una donna come appendice o accessorio dell’ ego maschile.

Questi alcuni spunti che ci hanno spinto ad organizzare questo convegno. Abbiamo cercato di coinvolgere persone competenti, che potessero riprendere il filo di un discorso, in un incontro che abbiamo intenzione di riproporre in diverse tappe, in varie città italiane.
Abbiamo soprattutto voluto che fosse un incontro di donne, per parlare di donne, organizzato da donne.

Interverranno: Antonella Beccaria, giornalista, scrittrice e redattrice di LSDI, Milly Buonanno, docente e responsabile scientifico dell’Osservatorio GEMMA Gender and Media Matter, Giovanna Cosenza, blogger e docente di semiotica presso l’Università di Bologna, Loredana Lipperini, giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica, Natascha Fioretti, giornalista, responsabile Pari Opportunità Associazione Pulitzer e della sezione italiana dell’European Journalism Observatory e Lucia Visca, Presidente della Commissione per le Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa.   

Per organizzare questo evento abbiamo dato fondo a tutte le nostre risorse: i nostri amici.

In tanti hanno partecipato, lo hanno fatto, ognuno a suo modo: chi con un piccolo contributo, chi con una telefonata, chi con una email, chi ha attaccato i manifesti per Roma, chi ha messo a disposizione una sala, chi una condivisione, chi ha scritto per noi, chi ci ha dato un consiglio.

Allora ancora grazie a tutti. Grazie a Daniela, Sara, Giovanna, Loredana, Lucia, Antonella, Lorella, Mario, Vittorio, Stefano, Francesco, Marco, Nicola, Daniele, Dario, e tutti quanti ci hanno dato un sostegno.

Via aspettiamo allora a Roma, il 25 Novembre alle ore 17.30, presso la Sala Odeion dell’ Edificio di Lettere Filosofia dell’ Università “La Sapienza.


Per ulteriori informazioni:
Sara Sbaffi – ufficio stampa – 392 3862066 – associazione.pulitzer@gmail.com
- La pagina dell’ evento sul sito dell’ Associazione Pulitzer
- modulo di registrazione (l’ evento è aperto a tutti, ma prevediamo un notevole afflusso);
- pagina “Donne e Media” su Facebook (mi raccomando cliccate su “mi piace”)
- la nostra rassegna stampa su Scoop.it.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Presidenziali Usa, il repubblicano Mitt Romney annuncia che non si candiderà

Romney aveva perso un certo numero di supporter, passati a sostenere Jeb Bush e c’era scetticismo nel partito Repubblicano su una sua corsa

Minotauro, richiesta choc del procuratore: “Annullate tutte le condanne”

Secondo la motivazione non risulta chiaro il “metodo mafioso”

Disoccupazione in calo al 12,9%

Tweet di Renzi: «Centomila posti di lavoro in più in un mese. Siamo solo all’inizio»

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

Votate Seggio Mattarella, il finto profilo su Twitter

Il fake twitter di Sergio Mattarella
Commenta, scherza, si sfrega le mani in attesa della vittoria. E lancia già i primi moniti
SHARE

Orgoglio e Pregiudizio, spiegato in un grafico

Il testo di Orgoglio e Pregiudizio, nelle celebrazioni del 200 compleanno di Jane Austen
L’orgoglio di Elizabeth e i pregiudizi di Darcy si scontrano e danno materia alla trama del libro
SHARE

Aumentare la produttività con i ritmi circadiani

Contro il corpo non si può fare nulla. Datori di lavoro e lavoratori ne devono tenere conto
SHARE

Piccola lezione di inglese per chi lo parla già bene

Frasi che, a prima vista, sembrano prive di senso, si rivelano corrette e con molte cose da dire
SHARE

PRESI DAL WEB

Sigarette: l’alternativa si chiama TJU, il chewing gum che sa di tabacco

Dopo l’exploit della sigaretta elettronica e i vaporizzatori, una joint-venture tra l’americana Altria e la danese Okono

La classifica delle droghe che causano più morti in America

Le tre sostanze che causano più morti all'anno negli Stati Uniti, infatti, sono completamente legali: sono l'alcool, il tabacco e gli antidolorifici oppiacei