Tamburi Lontani

Blog di

di Fabrizio Verde

La Bolivia di Evo Morales mette al bando la Coca-Cola

Blog post del 20/07/2012

Dal prossimo ventuno dicembre Coca-Cola bandita in Bolivia. Nelle intenzioni del governo andino dovrà essere sostituita dalla «Mocochinche». Bevanda tradizionale a base di nettare di pesca. Per il governo sarà «la fine dell'egoismo e della divisione».

Dal prossimo 21 dicembre il governo boliviano vieterà la commercializzazione della Coca-Cola. «Un solstizio d'estate all'insegna della liberazione dai simboli del capitalismo» per dirla con Contropiano.org che racconta la decisione assunta dallo stato andino guidato da Evo Morales. Contemporaneamente all'estromissione della popolare bibita, simbolo e veicolo della cosiddetta «American way of life» oltre che strumento di penetrazione e colonizzazione culturale molto efficace, la Bolivia cercherà di sostituirla con la «Mocochinche». Bevanda tradizionale a base di nettare di pesca.

David Choquehuanca, ministro degli esteri boliviano, spiega perchè il governo di La Paz abbia scelto proprio il ventuno di dicembre come data in cui la Coca-Cola cesserà di essere venduta: «Il 21 dicembre 2012 segnerà la fine dell'egoismo e della divisione». Ha speigato il ministro durante una cerimonia pubblica alla presenza del presidente Evo Morales. Un simbolico passaggio di consegne tra la «fine del capitalismo» e l'inizio della «cultura della vita».

Questa non è la prima iniziativa del governo boliviano volta a contrastare la multinazionale, l'anno scorso infatti fu lanciata la «Coca-Colla», bevanda locale che imita il prodotto statunitense nel nome e nei colori dell'etichetta. Inoltre in Bolivia, la Coca-Cola è sottoposta a rigidi controlli fiscali volti ad appurare eventuali irregolarità dal punto di vista contabile e sfruttamento illecito degli operai. Come avviene in tante pari del mondo, Colombia in testa, dove il sindacato Sinaltrainal ha più volte denunciato violazioni permanenti dei diritti umani dei lavoratori, unitamente a minacce alla loro vita da parte della multinazionale a stelle e strisce.

La misura, mostra anche la volontà del governo boliviano di voler difendere la produzione delle foglie di coca. Utilizzate in maniera sempre maggiore per la produzione di beni di largo consumo. Coca-Cola compresa, nonostante le smentite della multinazionale con sede in quel di Atlanta. Secondo indiscrezioni, negli USA, sarebbero importate 180 tonnellate all'anno di foglie di coca dal Perù.

Articolo scritto per Net1news.org

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Fitch migliora outlook Italia, da “negativo” a “stabile”

“Recessione finita, calano rischi”, rating confermato a BBB+

Fuori Zuckerberg, dentro Mister Uber nella classifica dei top 100 di “Time”

Nell’elenco dei più influenti i fondatori di Snapchat, Jeff Bezos e Carl Ichan

Lucchini, firmato l'accordo di programma

Rossi: “250 milioni per Piombino”

Cinque app per ascoltare musica gratis su Android

Con queste applicazioni si può scegliere anche di scaricare la musica e realizzare delle playlist
SHARE

Tre trucchi usati dai pubblicitari per vendere di più

Sono raffinati strategemmi psicologici che tendono a mettere in buona luce il prodotto reclamizzato
SHARE

Tre bevande che (dicono) ti faranno perdere peso

Immagine tratta da Flickr @bertholf
Non sono i classici beveroni che fanno più male che bene: prodotti naturali per chi è in emergenza
SHARE

Innamorarsi a Pyongyang: la vita di coppia in Nordcorea

Come funzionano gli appuntamenti? Come ci si conosce? Quali ostacoli? Il racconto di un esiliato
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Le origini del linguaggio da ufficio

Cosa rivelano le parole in voga nei posti di lavoro sulla storia del lavoro

Ma le fasi lunari influiscono sul comportamento delle persone?

Secondo la scienza tutte le specie animali subiscono in qualche modo i cambiamenti della Luna. Ma non è chiaro se vale anche per l’uomo

Anche gli animali sono persone: e un giorno lo dirà anche la legge

Il documentario del Nyt racconta la battaglia legale di Steven Wise che vuole riconoscere anche a uno scimpanzè il diritto di adire a vie legali