Blog di

di Giovanni Molaschi

Current Italia si allinea a Lady Gaga

Blog post del 21/05/2011

La chiusura dello show di Sgarbi ha spento le polemiche sul colore politico dei programmi del servizio pubblico. Per Lorenza Lei, nuovo direttore generale della Rai, non è importante l’orientamento politico di chi lavora con e per lei. Chi fa ascolti va in onda. AnnoZero si è allungato di quattro puntate. Dal prossimo autunno Che Tempo Che Fa di Fabio Fabio ci sarà anche di lunedì. L’unica che pare rimetterci dalla gestione Lei è Simona Ventura ma questa è un’altra storia.

La risoluzione dei casini Rai non ha spento l’interesse dei mass media per tutti gli altri problemi della tv. Da due giorni siti, giornali e blog si occupano della chiusura di Current, il canale di Al Gore trasmesso da Sky. Pare che la pay tv abbia deciso di spegnere l’emittente per avere il benestare del Governo che sta legiferando sui canali del digitale terrestre. Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia, ha dato una versione diversa dei fatti.

La polemica politica rischia di evaporare la vera analisi che bisogna fare su Current. Perché il canale non è diventato l’emittente dei nativi digitali? Le premesse c’erano tutte. Qualcosa non ha funzionato. Current Italia ha commesso due macro errori. Il primo riguarda il linguaggio. Il team di lavoro del canale ha un curriculum legato al web ma non alla tv. Ogni media necessita di un dizionario specifico. Quanti programmi televisivi fatti con un approccio internet sono stati fatti? Quanti di questi sono stati chiusi? Alla parte tv di Current è mancata una vera mente televisiva in grado di proporre ai telespettatori di Sky un prodotto davvero fruibile.

Il secondo problema di Current riguarda l’omologazione con le tv generaliste. Il canale avrebbe potuto, forse dovuto, raccontare prima di altri il movimento cinque stelle supportato da Beppe Grillo. Il team di Al Gore avrebbe potuto fare il stesso lavoro pionieristico che Gad Lerner ha fatto con Lega Nord. L’attualità, ahimé, ci ricorda che mentre tutto questo accadeva il 130 di Sky si allineava a Lady Gaga. La trasformista in Government Hooker canta: “I love Papito”. Papito è lui. B.

COMMENTI /

Ritratto di IlMatematico
Sab, 21/05/2011 - 18:54
IlMatematico
Ma con che background televisivo parli? c6.tv?
SHARE
Ritratto di Giovanni Molaschi
Dom, 22/05/2011 - 03:06
gmolaschi
<p>Sai del mio trascorso a c6.tv solo se mi conosci personalmente. Perch&eacute; ti sei nascosto dietro un nick?</p> <p>P.S. E comunque io sono abituato ad argomentare le mie tesi. Del curriculum vitae del mio interlocutore mi interessa fino ad un certo punto. Perch&eacute; non ribatti esponendo un pensiero?</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“