Blog di

di Gioele Urso

Juventus Channel: un anno di crisi, lavoratori a rischio e la Juve sperpera?

Blog post del 21/06/2012

Non solo rose e fiori per la Juve campione d'Italia. Se sul fronte del mercato la dirigenza juventina sembra essere scatenata e pronta a soddisfare i desideri dei suoi tifosi, dal punto di vista della gestione dell'informazione bianconera potrebbero esserci alcuni problemi.

Tv, è l'Anno Zero? Dobbiamo partire da una premessa doverosa: la televisione vive un momento di crisi assoluta, gli ascolti sono in continua diminuzione ed il passaggio al digitale terrestre ha creato non pochi problemi. Le criticità maggiori le hanno vissute le emittenti private locali delle regioni che sono passate per prime al Digitale Terrestre, vedi il Piemonte che è stata una vera e propria terra di esperimenti per i grandi gruppi lombardi. La Lombardia, terra per eccellenza di comunicazione radio-televisiva, ha colonizzato le emittenti piemontesi nel periodo precedente al passaggio dall'analogico al digitale, sperimentando qualsiasi tipo di errore tecnico possibile in modo da non ripeterli in terra madre, comunque... Rimane il fatto che la crisi la sentono anche le grandi emittenti televisive e i canali tematici del digitale terrestre.

Juventus Channel: un anno di crisi. L'epopea del canale zebrato inizia l'anno scorso quando tra la Rai e la Blind Turn, società che produceva i programmi del canale e di Roma Channel e che era rimasta coinvolta nel fallimento di Dahlia, si era aperto un contenzioso. Per qualche giorno vennero interrotte le trasmissioni, ma poi venne assegnata la gestione del campionato appena concluso alla Eta Beta Spa. Passano dunque 365 giorni e si arriva ad oggi, il giorno della vigilia della scadenza della gara a inviti indetta dalla Rai per riassegnare l'appalto per i prossimi quattro anni, ed i sindacati lanciano l'allarme: che venga garantito il posto di lavoro dei dipendenti di Juventus Channel. 

Cosa dicono i sindacati? "SLC-CGIL si è attivata immediatamente presso RAI, attuale appaltante, affinché nel bando di appalto venga inserita la clausola di garanzia nei confronti del personale attualmente impiegato. Senza la clausola, si corre il grave rischio che i lavoratori, impegnati per anni nella valorizzazione della propria professionalità e nella crescita del canale suddetto, non vengano riassorbiti in toto, disperdendo così un faticoso patrimonio acquisito negli anni". In poche parole la richiesta della CGIL è che nel bando appaltante venga inserita una clausola che garantisca il posto di lavoro per gli attuali dipendenti a prescindere da chi riceverà l'assegnazione.

JuveChannel è della Juve. "Il canale appartiene alla società, ma la Rai che lo gestisce beneficia dei proventi degli abbonamenti e della pubblicità" - dicono i sindacati puntando il dito sulla gara che dopo la vittoria non dovrebbe essere al ribasso.

Quesito: a prescindere dall'incasso della Rai, dalla gara al ribasso, ecc.. non sarebbe giusto che la società spendesse qualche milione di euro in meno nell'aquisto di giocatori e investisse nel canale per garantire in un momento di crisi il lavoro ai dipendenti di JuveChannel?

COMMENTI /

Ritratto di viewfinder
Gio, 21/06/2012 - 12:00
viewfinder
rai?... o sky?....
SHARE
Ritratto di Anonimo
Gio, 21/06/2012 - 16:46
Rai
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula