Blog di

di Gioele Urso

Nicole Minetti e Sara Tommasi si daranno al porno?

Blog post del 15/06/2012

Signori e signore, il magico mondo di Nicole. Il consigliere regionale della Lombardia, in quota PdL, Nicole Minetti non sembra intenzionata a smettere di stupire. Nei giorni scorsi alcune voci sempre più insistenti la vorrebbero pronta a debuttare nel mondo dello spettacolo, ma quello per adulti. 


Attrice porno. Si tratta al momento di semplici voci, di gossip allo stato puro che farà indignare qualcuno, farà sorridere altri e lascerà qualcuno anche indifferente. Ad intuito però la notizia è di quelle che interesseranno molti. L'ex igienista dentale di Silvio Berlusconi avrebbe deciso di fare un film a luci rosse. Di quelli tutti tette e culi per intenderci. La voce è stata diffusa nei giorni scorsi dal settimanale Diva&Donna che riporterebbe le confidenze che la stessa avrebbe fatto ad alcune amiche: "Basta, mi attaccano tutti, anche all’interno del Pdl: nessuno mi difende. Dalla politica ho avuto solo problemi. Adesso mi hanno offerto di girare un film porno e voglio accettare".

La smentita. Ovviamente nel giro di pochissimo tempo la stessa Minetti si è premurata di offrire una smentita ufficiale ai cronisti: "La quantità di notizie infamanti a mio carico, oltre a provocare danni devastanti sulla mia persona, ha creato ormai una terza figura rispetto a me che altro non è che il frutto distorto e di convenienza di alcuni organi di stampa". Notizie diffamanti che avrebbero l'obiettivo di alimentare una campagna di stampa diffamatoria nei confronti dell'esponente del Popolo della Libertà lombardo, sarebbe questa l'interpretazione che la protagonista darebbe alla diffusione della notizia. Se la fonte si rivelerà azzeccata o no lo sapremo solo con il tempo quando potremo constatare di persona se il film sarà stato girato oppure no, nel mentre non ci resta che attendere di vedere se l'avvocato della Minetti intenterà un'azione legale nei confronti del settimanale. Anche questa sarebbe una prima risposta.

Non è la prima. Non è comunque il primo caso di un eventuale passaggio al mondo pornografico da quello politico: stessa sorte potrebbe capitare a Sara Tommasi, un'altra delle ex donne del Presidente, che potrebbe diventare attrice porno. In questo caso però la decisione sarebbe presa e pubblica.

Donne allo sbaraglio. Si tratta di donne allo sbaraglio? Ragazze che hanno scelto la strada più comoda per fare carriera e che, travolte da una bufera che nessuno si aspettava, stanno studiando un piano alternativo goffo e poco dignitoso?

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Parigi, va a fuoco la casa di Jean Marie Le Pen: «Ferito al volto»

L’incendio è partito dal camino, dove un operaio stava svolgendo dei lavori. Le Pen è scappato sul balcone ed è caduto mentre cercava di sfuggire alle fiamme

Concordia, pm chiede l'arresto e 26 anni di reclusione per Schettino

"Pericolo di fuga", l'accusa sottolinea che l'imputato ha una casa in Svizzera e molte relazioni all'estero

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

Regole di bon ton per viaggiare in metropolitana

Subway, olio su tela di Lily Furedi, 1934
Un video mostra i fondamentali dell’etichetta sulla Tube: a New York e in tutto il mondo
SHARE

Elezioni greche, come si pronunciano Tsipras e Syriza

Per evitare strafalcioni, figuracce, fastidi vari. Adesso che saranno nomi sulla bocca di tutti
SHARE

L’origine del mondo spiegata con X-Files

Ancora alla ricerca di una teoria in grado di raccontare come è nato l’universo
Gillian Anderson racconta i vari modi con cui l’umanità ha ricostruito l’inizio della storia
SHARE

Cosa mangiate quando mangiate le patatine fritte

Un filmato mostra il processo produttivo delle patatine del McDonalds. Ci sono almeno 19 ingredienti
SHARE

PRESI DAL WEB

Studente turco espulso dall’Italia: "La soluzione è il paganesimo"

"Sono pronto a farmi esplodere davanti alle ambasciate". Per questi messaggi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di procurato allarme

State of the Union: le parole usate dai presidenti americani nella storia

"Freedom" è recente, mentre "indiani" è scomparso. "Donne" si usa da pochi anni, e "Cina" ricorre a fasi alterne