Blog di

di Jacopo Volta

Sii Batman

Blog post del 8/08/2012

 

Batman non è un supereroe. Non ha poteri, non viene da un altro pianeta, non è un “buono” nel senso classico del termine.

Quindi perché piace?


Perché è un superuomo sui generis, un Übermensch poco uber. Un uomo che riesce ad andare oltre i propri limiti, e che non lo fa grazie a doni “esogeni” ma con il duro allenamento, la volontà, la focalizzazione verso il proprio obiettivo, l’impulso morale.

Sono bravi tutti ad essere Superman e a fermare i treni. Provate voi ad essere Batman. Che ogni notte affronta il crimine con le sue sole forze e l’autorevolezza del mito. Sticazzi.

Lo so che quella frase qui sopra è solo un’idiozia vagante per strappare un sorriso. Però ci vedo un qualche significato.

Quella frase è come se dicesse di provare ad essere migliori, di fare più di quello che si crede possibile. Del tipo: “Va bene che sei fatto in un certo modo, ma non penserai mica che quella struttura sia scritta nel tuo DNA, eterna ed immutabile? Queste stronzate vanno bene per i libri Harmony, ma non c’è niente di “fisso” nelle persone. Si può cambiare, si può migliorare. Ci si può riscoprire un bel po’ sopra l’asticella immaginaria.”

Altrimenti vivremmo ancora tutti nelle caverne e non avremmo gli iPhone.

E’ un po’ il dubbio amletico che permea tutti i rapporti umani: essere sé stessi o cambiare? Meglio essere fedeli alla linea o continuare a cambiare la pelle?

Batman direbbe che l’”essere sé stessi” è la scusa dei deboli che non hanno il coraggio di vedere quello che potrebbero essere. E che si autoassolvono rifugiandosi in una supposta “personalità” immodificabile.

Ma non ci si guadagna molto con questa posizione, se non ripararsi dal dolore del mutamento e tenere linda la coscienza allontanandola dalla distruzione creatrice del nuovo. Si può quasi sempre essere molto di più dell’attuale. Anche se è molto difficile capire come e, una volta capito, diventarlo e, una volta diventato, accettarlo.

E alla fine la frase la si potrebbe rileggere così: “Sii sempre te stesso. A meno che tu non possa essere meglio. In tal caso, sii meglio.”

Saggezza altissima e purissima.

Come direbbe Batman (nella mia testa): “Sì va bene, cerca di essere fedele alla tua natura. E’ ciò che fa di te quello che sei. Ma se la tua natura è essere un coglione, cerca di esserlo un po’ meno.”

Sempre detto che dai fumetti si impara a vivere.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti