Blog di

di Jacopo Volta

Sii Batman

Blog post del 8/08/2012

 

Batman non è un supereroe. Non ha poteri, non viene da un altro pianeta, non è un “buono” nel senso classico del termine.

Quindi perché piace?


Perché è un superuomo sui generis, un Übermensch poco uber. Un uomo che riesce ad andare oltre i propri limiti, e che non lo fa grazie a doni “esogeni” ma con il duro allenamento, la volontà, la focalizzazione verso il proprio obiettivo, l’impulso morale.

Sono bravi tutti ad essere Superman e a fermare i treni. Provate voi ad essere Batman. Che ogni notte affronta il crimine con le sue sole forze e l’autorevolezza del mito. Sticazzi.

Lo so che quella frase qui sopra è solo un’idiozia vagante per strappare un sorriso. Però ci vedo un qualche significato.

Quella frase è come se dicesse di provare ad essere migliori, di fare più di quello che si crede possibile. Del tipo: “Va bene che sei fatto in un certo modo, ma non penserai mica che quella struttura sia scritta nel tuo DNA, eterna ed immutabile? Queste stronzate vanno bene per i libri Harmony, ma non c’è niente di “fisso” nelle persone. Si può cambiare, si può migliorare. Ci si può riscoprire un bel po’ sopra l’asticella immaginaria.”

Altrimenti vivremmo ancora tutti nelle caverne e non avremmo gli iPhone.

E’ un po’ il dubbio amletico che permea tutti i rapporti umani: essere sé stessi o cambiare? Meglio essere fedeli alla linea o continuare a cambiare la pelle?

Batman direbbe che l’”essere sé stessi” è la scusa dei deboli che non hanno il coraggio di vedere quello che potrebbero essere. E che si autoassolvono rifugiandosi in una supposta “personalità” immodificabile.

Ma non ci si guadagna molto con questa posizione, se non ripararsi dal dolore del mutamento e tenere linda la coscienza allontanandola dalla distruzione creatrice del nuovo. Si può quasi sempre essere molto di più dell’attuale. Anche se è molto difficile capire come e, una volta capito, diventarlo e, una volta diventato, accettarlo.

E alla fine la frase la si potrebbe rileggere così: “Sii sempre te stesso. A meno che tu non possa essere meglio. In tal caso, sii meglio.”

Saggezza altissima e purissima.

Come direbbe Batman (nella mia testa): “Sì va bene, cerca di essere fedele alla tua natura. E’ ciò che fa di te quello che sei. Ma se la tua natura è essere un coglione, cerca di esserlo un po’ meno.”

Sempre detto che dai fumetti si impara a vivere.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Le due cooperanti italiane Vanessa e Greta nelle mani dell’Isis

Sono loro le due italiane citate dal Guardian che sarebbero prigioniere dei terroristi iraqeni. Lo dice l’autore dell’articolo

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

La decapitazione di James Foley e la difficoltà delle scelte editoriali

Il video dell’esecuzione è nella scia degli orrori della rete: le immagini sono sconcertanti e ci interrogano sui limiti della censura e della pubblicabilità