Blog di

di Jacopo Volta

Sii Batman

Blog post del 8/08/2012

 

Batman non è un supereroe. Non ha poteri, non viene da un altro pianeta, non è un “buono” nel senso classico del termine.

Quindi perché piace?


Perché è un superuomo sui generis, un Übermensch poco uber. Un uomo che riesce ad andare oltre i propri limiti, e che non lo fa grazie a doni “esogeni” ma con il duro allenamento, la volontà, la focalizzazione verso il proprio obiettivo, l’impulso morale.

Sono bravi tutti ad essere Superman e a fermare i treni. Provate voi ad essere Batman. Che ogni notte affronta il crimine con le sue sole forze e l’autorevolezza del mito. Sticazzi.

Lo so che quella frase qui sopra è solo un’idiozia vagante per strappare un sorriso. Però ci vedo un qualche significato.

Quella frase è come se dicesse di provare ad essere migliori, di fare più di quello che si crede possibile. Del tipo: “Va bene che sei fatto in un certo modo, ma non penserai mica che quella struttura sia scritta nel tuo DNA, eterna ed immutabile? Queste stronzate vanno bene per i libri Harmony, ma non c’è niente di “fisso” nelle persone. Si può cambiare, si può migliorare. Ci si può riscoprire un bel po’ sopra l’asticella immaginaria.”

Altrimenti vivremmo ancora tutti nelle caverne e non avremmo gli iPhone.

E’ un po’ il dubbio amletico che permea tutti i rapporti umani: essere sé stessi o cambiare? Meglio essere fedeli alla linea o continuare a cambiare la pelle?

Batman direbbe che l’”essere sé stessi” è la scusa dei deboli che non hanno il coraggio di vedere quello che potrebbero essere. E che si autoassolvono rifugiandosi in una supposta “personalità” immodificabile.

Ma non ci si guadagna molto con questa posizione, se non ripararsi dal dolore del mutamento e tenere linda la coscienza allontanandola dalla distruzione creatrice del nuovo. Si può quasi sempre essere molto di più dell’attuale. Anche se è molto difficile capire come e, una volta capito, diventarlo e, una volta diventato, accettarlo.

E alla fine la frase la si potrebbe rileggere così: “Sii sempre te stesso. A meno che tu non possa essere meglio. In tal caso, sii meglio.”

Saggezza altissima e purissima.

Come direbbe Batman (nella mia testa): “Sì va bene, cerca di essere fedele alla tua natura. E’ ciò che fa di te quello che sei. Ma se la tua natura è essere un coglione, cerca di esserlo un po’ meno.”

Sempre detto che dai fumetti si impara a vivere.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

È morto Oliver Sacks

Il neurologo autore de “L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello” aveva 82 anni

Netanyahu in Italia: "Pagate troppe tasse", e spiega la curva di Laffer

Il siparietto del primo ministro israeliano a Expo: su un foglio spiega la politica usata da Tel Aviv per tornare a crescere

Savannah, studente ucciso in una sparatoria al campus

La vittima si chiama Christopher Starks, ed è morto in ospedale in seguito alle ferite riportate

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Le uniche due (o tre) cose da fare per avere successo

Contano nella vita e nel lavoro: migliorarsi ogni giorno e impegnarsi in più campi. Poi, ce ne sarebbe anche una terza

Disney, i film che non hanno mai fatto

Storie e favole che avrebbero potuto appassionare il pubblico. Ma che, per varie ragioni, non hanno mai visto la luce

Regole per bere tè in compagnia, in stile vittoriano

È la cerimonia più leggera, ma anche quella che ha avuto maggior successo. Se si seguono le regole di una volta, è sicuro che ci si diverta di più

Vi siete sempre allacciati le stringhe nel modo sbagliato

Un nuovo metodo è stato inventato (e non si capisce perché quello vecchio non andasse più bene) per assicurare le scarpe

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin